GIOVENCA s.f.

0.1 giovenca, šovenca, giovencha, giovenche, giovenchie, giuvenca, iuvenca.

0.2 DELI 2 s.v. giovenca (lat. iuvencam).

0.3 Doc. castell., 1261-72: 1.

0.4 In testi tosc.: Arte Am. Ovid. (B), a. 1313 (fior.); Doc. cort., 1315-1327; Simintendi, a. 1333 (prat.).

In testi sett.: Arte Am. Ovid. (D), XIV pm. (ven.).

In testi mediani e merid.: Doc. castell., 1261-72.

0.7 1 [Zool.] Vacca giovane.

0.8 Jacob Blakesley 11.09.2008.

1 [Zool.] Vacca giovane.

[1] Doc. castell., 1261-72, 4, pag. 22.14: Ranušio de Guilielmo dÚ dare XX s. per la meitÓ de J šovenca, e l' altra meitÓ tene per noi...

[2] Doc. cort., 1315-1327, pag. 49.3: Angnalo de Dinello da le Piagie dea dare xv li. e s. x per preššo de uno paio de giovenchie...

[3] Simintendi, a. 1333 (prat.), L. 3, vol. 1, pag. 106.5: Appena era Cadmo partito dalla spilonca Castalia, ch'egli vide lentamente andare una giovenca sanza guardia, la quale no avea sostenuto alcuno giugo.

[4] Boccaccio,Ameto, 1341-42, cap. 38, pag. 803.20: 4 E quinci, avuto il consiglio d' Appollo, seguio la non domata giovenca tra' monti aonii, e dove ella, mugghiando, finio il corso suo...

[5] Rim. Am. Ovid. (C), XIV pm. (tosc.occ.>fior.), pag. 462.8: E non Ŕ agevole a ritenere il toro, veduta la giovenca, eĚ llo forte cavallo sempre anitrisce alla cavalla, quando la vede...

- [Con rif. al mito di Giove ed Europa].

[6] Arte Am. Ovid. (B), a. 1313 (fior.): non fuggire li tempi menfitichi della lanuta giovenca: ella fae molte femine quello essere alli uomini ch'ella fue a Iove.

[7] Ceffi, Epistole eroiche, 1320/30 (fior.), ep. Oenone, pag. 44.38: ella mi dicea: Tu lavori nella rena, che non frutterÓ, amando Paris. Una giovenca viene di Grecia che struggerÓ noi e te e tutto il paese.

[8] Comm. Arte Am. (A), XIV pm. (pis.), ch. 26 - pag. 563: Iupiter usˇ carnalmente con una giovenca e quella istoria era in del templo ch'Ŕ ditto dipinta.

[9] Arte Am. Ovid. (D), XIV pm. (ven.), L. I - pag. 481: ti, nÚ li settimi sacrificii coltivadi dal ăudeo omo; nÚ non fušir li tempi dela iuvenca dÓ-la-lana: quella fa molte šo che ella fo a Iuppiter.