ALCANABEL s.m.

0.1 alchanabel, alkanabel.

0.2 Ar. al-qanabil (Ineichen, Serapiom, vol. II, p. 56).

0.3 Serapiom volg., p. 1390 (padov.): 1.

0.4 Att. solo in Serapiom volg., p. 1390 (padov.).

0.5 Accento non det.

0.7 1 Polvere di colore rosso raccolta dai fiori e dai frutti di una pianta appartenente al genere delle Euforbiacee (Rottlera tinctoria) particolarmante diffusa nelle Indie e in Abissinia.

0.8 Giulio Vaccaro 03.03.2011.

1 Polvere di colore rosso raccolta dai fiori e dai frutti di una pianta appartenente al genere delle Euforbiacee (Rottlera tinctoria) particolarmante diffusa nelle Indie e in Abissinia.

[1] Serapiom volg., p. 1390 (padov.), Erbario, cap. 64, pag. 72.12: Uno autore dixe che alchanabel chaše sovra la terra biancha, e no se semena.

[2] Serapiom volg., p. 1390 (padov.), Erbario, cap. 64, pag. 72.17: E dixe alguni che questo alkanabel se truova in una contrÓ che se chiama Corascem. E recoiese, dap˛ che l'Ŕ piovesto.

[u.r. 07.09.2015]