AGNELLINO (1) s.m.

0.1 agnelin, agnellin, agnellino, angniellino.

0.2 Da agnello.

0.3 Giordano da Pisa, Quar. fior., 1306 (pis.>fior.): 1.

0.4 In testi tosc.: Libro Gallerani di Londra, 1305-1308 (sen.); Cavalca, Rime (ed. Simoneschi), a. 1342 (pis.).

In testi sett.: Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342.

0.6 N Doc.: cit. tutti i testi.

0.7 1 Lo stesso che agnello (dimin. con valore vezzeggiativo). 1.1 [In similitudine o in metaf., in contrapposizione al lupo, per indicare una persona mansueta e indifesa].

0.8 Elena Artale 24.02.2012.

1 Lo stesso che agnello (dimin. con valore vezzeggiativo).

[1] Giordano da Pisa, Quar. fior., 1306 (pis.>fior.), 86, pag. 414.12: Se dicessimo de la seconda cosa che nne diede, il dono, se n'avesse dato a morire uno agnellino, sý era grandissimo dono; e egli volle dare non animale, non angelo, non creatura, ma il Figliuolo suo...

[2] Libro Gallerani di Londra, 1305-1308 (sen.), pag. 97.15: Ittem 12 s. 7 d. sterl. che debono dare detti nostri di Corte che pagamo per trentedue pelli d'angniellino rossette e per due paia di botte che lo mandamo e per portatura dette cose, vintenove dý d'agosto. fo. XIJ.

1.1 [In similitudine o in metaf., in contrapposizione al lupo, per indicare una persona mansueta e indifesa].

[1] Cavalca, Rime (ed. Simoneschi), a. 1342 (pis.), 9.11, pag. 30: Niuno di veste, o di parlar si fidi, / ma miri agli atti se son virtuosi; / trovansi d'agnellin lupi vestiti.

[2] Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342, cap. 32, pag. 152.11: [4] Et eran questi tri pueri, questi tri sancti šovin a moho d'agnelin metui a meschia con lovi ravaxi, e ghe covegniva o murir de fame o murir de ferro o usar e mangiar de quelle viande che gli abhominavan per amor de la sancta leše.

[u.r. 28.09.2021]