ESTATE s.f.

0.1 est , estade, estae, estat, estate, estati, instade, ist , istad, istade, istao, istat, istate, istati, ist, sstate, sta, stade, stae, 'stae, state, 'state, stati, 'stati, ystate.

0.2 Lat. aestas (DELI 2 s.v. estate).

0.3 Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.): 1.

0.4 In testi tosc.: Mattasal, 1233-43 (sen.); Doc. mug., XIII m.; Bonagiunta Orb. (ed. Parducci), XIII m. (lucch.); Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.); Doc. fior., 1259-67; Bestiario toscano, XIII ex. (pis.); Simintendi, a. 1333 (prat.); Stat. cort., a. 1345.

In testi sett.: Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.); Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.); Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Giudizio universale, XIV in. (ver.); Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311; Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.); Stat. venez., c. 1330; Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342; Serapiom volg., p. 1390 (padov.).

In testi mediani e merid.: Proverbia pseudoiacop., XIII (abruzz.); Regimen Sanitatis, XIII (napol.); Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.); Stat. perug., 1342; Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.); Stat. eugub., Aggiunte 1368-a. 1378 (2); Doc. castell., 1361-87; Anonimo Rom., Cronica, XIV; Stat. cass., XIV; Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.).

In testi sic.: Angelo di Capua, 1316/37 (mess.); Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.); Stat. catan., c. 1344; Simone da Lentini, 1358 (sirac.).

0.5 Locuz. e fras. d'estate 1.2; d'estate e d'inverno 1.3; d'estate e inverno 1.3; dell'estate e dell'inverno 1.3; estate e inverno 1.3; in estate e in inverno 1.3; l'estate e l'inverno 1.3; mezza estate 1.1; n d'estate n d'inverno 1.3; non per estate n per inverno 1.3.

0.7 1 Stagione dell'anno compresa tra l'equinozio che chiude la primavera e l'equinozio d'autunno. [Generic.:] il periodo caldo dell'anno. 1.1 Locuz. nom. Mezza estate: il periodo intorno a San Giovanni (24 giugno); il giorno stesso. 1.2 Locuz. agg. D'estate (panni): estivo. 1.3 Fras. D'estate e (d')inverno, dell'estate e dell'inverno; in estate e in inverno; estate e inverno, l'estate e l'inverno: in ogni stagione o condizione meteorologica. Estens. Sempre, continuamente. 1.4 [Rif., come termine, al ciclo di un anno].

0.8 Milena Piermaria 18.06.2013.

1 Stagione dell'anno compresa tra l'equinozio che chiude la primavera e l'equinozio d'autunno. [Generic.:] il periodo caldo dell'anno.

[1] Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.), pag. 40v.17: (e) chesti d. si diero nel vestire di state di Matasal, di magio p(er) istate.

[2] Guido delle Colonne, XIII pm. (tosc.), 2.53, pag. 101: ca, s'eo canto la state, / quando la fiore apare, / non poria ubrare / di cantar la fred[d]ore.

[3] Pseudo-Uguccione, Istoria, XIII pm. (lomb.), 1064, pag. 63: Novocent agni stet al mondo, / Mai de peccati no fo mondo, / E cinque mila en inferno / Tuta l'istate con l'inverno...

[4] Cielo d'Alcamo, Contrasto, 1231/50 (sic.>tosc.), 1, pag. 177: Rosa fresca aulentis[s]ima ch'apari inver' la state...

[5] Doc. mug., XIII m., pag. 192.31: Perutzo da Carzuola due paia di polli di state (e) un paio di galline p(er) Natale...

[6] Bonagiunta Orb. (ed. Parducci), XIII m. (lucch.), disc. 1.4, pag. 67: Quando vegio la rivera / e le pratora fiorire, / e partir lo verno ch'era, / e la state rivenire...

[7] Albertano volg., 1275 (fior.), L. III, cap. 36, pag. 203.16: Lo pigro p(er) lo freddo no(n) volle arare; ander du(n)que me(n)dicando di state, (e) no li ne sar dato.

[8] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), Disputatio mensium, 98, pag. 6: Anchora e' fo parir la voleta olente, / Ke annuntia ke la stae ne ven tostanamente...

[9] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. I, cap. 23, pag. 45.16: E quando elli ser ello primo ponto de cancro, avar compiuta la via tortuosa e ser finito lo tempo de la primavera, e encomenzarasse lo tempo de la state...

[10] <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>, L. 2, pt. 3, cap. 3, pag. 192.17: E quant' a la disposizione del cielo, l'uomo die mirare a due cose. [[...]] La seconda, che nell'estate l'uomo non vi sia gravato di troppo grande calore.

[11] a Compasso da navegare (ed. Debanne), 1296 (it.sett./mediano), pag. 104.41: E p(er) tucta questa starea, o a ssavere de cavo Passaro ent(r)o a la lena de Marara, bo(m) fo(n)do e ponedore en te(m)po d'estate a ve(n)to da v(er) pone(m)te.

[12] Questioni filosofiche, p. 1298 (tosc. sud-or.), L. II, pt. 2, cap. 1, pag. 55.8: R(espond)e maiestro Alardo ke se fusse la via del sole dricta sempre avaremmo una stagione, sempre siria o state o verno...

[13] Regimen Sanitatis, XIII (napol.), 74, pag. 565: Per quactro tiempi partese lo anno in veretate: / ver tiempo primo clamase e lo secundo estate...

[14] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 24.141, pag. 89: Ecco la state, che ven con gran calde, / angustie granne con vita penosa: / lo iorno le mosche d'entorno spavalde...

[15] Fatti di Cesare, XIII ex. (sen.), Luc. L. 6, cap. 15, pag. 186.11: Elle facevano di state verno; e le piove e l'abondanze de l'acqua sormontare, e venire le fiere e le bestie selvaggie et apparire davanti.

[16] Bestiario toscano, XIII ex. (pis.), cap. 56, pag. 73.3: Certo non te ne daragio, ch'io molto mi faticai e lavorai d'estate, unde io potesse vivere di verno...

[17] Cronica deli imperadori, 1301 (venez.), pag. 218.13: Eciamdio in lo tempo de questo, in Franza el solsticio de istade siando nassuda gran tempestade con tempesta, gran rompamento de glaza chaz...

[18] Stat. pis., 1304, cap. 82, pag. 734.12: Et ordiniamo che li consuli siano tenuti di fare comprare, delli beni del comuno della dicta arte, et per lo soprascripto officiale, in del tempo de la state, quando melglio comprare si pore

[19] Gl Zucchero, Sant , 1310 (fior.), Pt. 1, cap. 15, pag. 107.12: E quando il sole entra in Chancer, ci a mezo giungno, e passerae gli altri tre sengniali, ci Cancer, Leo e Virgo, allora la state, la quale dura da mezo giungno infino a mezzo setenbre.

[20] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 146.159, pag. 647: chi d'iverno utioso, / no vojado lavorar, / d'estae serr besengnoso / quando se sor mexonar.

[21] Paolo Gherardi, Corso luna e sole, XIV po.q. (fior.), pag. 82.11: Kalendi Giennaio quando viene in Domenicha la state sar umida, perricholo dei re, l'anno pechore chresschono, vendemmia e chamangiare assaj.

[22] Stat. pis., a. 1327, L. 1, cap. 74, pag. 81.21: Ordiniamo, che ogni anno una volta, in del tempo de la state, lo Capitano de la suprascripta Villa per saramento sea tenuto et debbia, alle spese dello Signore Re, fare remondare et nectare la Fontana di Piassa Vecchia de la suprascripta Villa,

[23] Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.), c. 15, 1-12, pag. 400, col. 1.3: e questo adevene quando le neve ch'no in la decta Charentana se desfanno per lo caldo dell'estade...

[24] Zibaldone da Canal, 1310/30 (venez.), pag. 81.20: E lo Sol signorie la istade e la Luna signorie lo inverno.

[25] Simintendi, a. 1333 (prat.), L. 1, vol. 1, pag. 9.9: Giove ristrinse i tempi dell'antica primavera, e partio l'anno in quattro spazi, cio in verno, e nella state, e ne l'eguale autunno, e nella piccola primavera.

[26] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 1, cap. 2, vol. 1, pag. 20.10: La vestitura di l'auru la stati esti troppu gravusa, lu invernu esti troppu frida; quilla di la lana esti bona ad ogni tempu.

[27] Doc. aret., 1335-38, pag. 147.12: Michele de Tancreduccio dea dare questo d, che li prestai p(er) lo suo fratello, staia IJ de grano, a rendare IIJ staia a state.

[28] Ottimo (sec. red.), a. 1340 (fior.), Inf. c. 3, pag. 462.22: E allora comincia il secondo tempo chiamato state, e dura infino che 'l sole intra in libra, che da meo settembre.

[29] Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342, cap. 16, pag. 77.9: Per f-'l tanti cerchij in cel chomo un relorio de diverse roe, e fan tute so' corsso ordenaamente e mae no falam sena contrapexo, fan la nochie e 'l d e cambian lo tempo: la 'stae e l'inverno, primavera e antono.

[30] Stat. perug., 1342, L. 3, cap. 219, par. 1, vol. 2, pag. 294.29: Conciosiacosak'al tempo de la state le tenche del laco del comuno de Peroscia se fregheno a le cannuccie...

[31] Stat. catan., c. 1344, cap. 2, pag. 29.25: Ancora, impir ki in la Regula si conteni ki la estati li frati dormanu, tantu si si ieiuna, quantu si si mania dui fiati...

[32] Stat. cort., a. 1345, cap. 2, pag. 129.27: en quella ghiesa l uve la compagnia se racoglie, overo altro', l uncha fosse loro piacemento, el quale verno s'emcomena per calende ottobre e la state en calende aprile...

[33] Bestiario Tesoro volg., XIV pm. (sen.), cap. 39, pag. 298.8: Lo tempo che elle [[anatre e oche]] usano carnalmente insieme s ne da calen di maro infino ali grandi die d'istate.

[34] Stat. lucch., XIV pm., pag. 86.49: Li frati debbono avere tre camiscie et tre brache et due gonnelle, l'una per lo verno et l'autra per la state...

[35] Lapidario estense, XIV pm. (trevis./friul.), Prologo, pag. 142.32: ch l'inverno e lla primavera non buono alla femena, la estate non bona 'gl'omini.

[36] Prov. pseudoiacop. Aggiunte, XIV pm. (umbr.), 265, pag. 57: [LXVII] La state gran calura, acqua freda me piace; / portame buon novelle, se sai che sian verace...

[37] Lett. volt., 1348-53, pag. 177.11: Gli amici nostri, considerando che -l paese di cost non sano, e speialmente verso la state...

[38] Stat. lucch., XIV m., pag. 215.22: Et di state sia silentio di merio, quanto dura lo dormire infine decta nona.

[39] Gl Gloss. lat.-aret., XIV m., pag. 315.19: hec estas, stis, la state.

[40] Simone da Lentini, 1358 (sirac.), cap. 14, pag. 64.6: Lu Conti videndu chi in killa istati si fachia grandissimu caldu et era periculu di li cavalli di giri pridandu...

[41] Bonaf, Tesoro, 1360 (emil.), 450, pag. 128: Fagli avanare fuora del terreno / Uno somesso, n pi, n meno; / A che 'l gran caldo de state / Consumi ben l' umiditade...

[42] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), quart. 606, pag. 137: La state poy che venne, la briga comensarono, / Et forone morti homini, et Pretati ne cacciarono.

[43] Stat. eugub., Aggiunte 1368-a. 1378 (2), pag. 286.19: Ch'i capetani che s(er)onno de verno deggano dare e rendare li dopieri facti e forniti a quelli de la sstate.

[44] Mascalcia G. Ruffo volg., a. 1368 (sic.), Di la guardia..., pag. 572.37: E pir sua sanitati conservari, quatru volti l'annu li fa ixiri sangui di la viva di lu collu usata: in primavera, la stati, lu Autumpnu, z a lu guaimi, e lu vernu una fiata pir timpurali...

[45] a Legg. s. Maria Egiz., 1384 (pav.), 289, pag. 10: fo de mayo, un mexe de 'stae / ch'el'era al muro de la citae...

[46] Doc. castell., 1361-87, pag. 197.32: (e) io ro dovesse prestare el prese(n)te a(n)no el biado p(er) seme (e) retollare biado p(er) biado ala state vene(n)te..

[47] Serapiom volg., p. 1390 (padov.), Erbario, cap. [10.1], pag. 15.31: E convense fare questa cera biancha al tempo de la primavera, p(er)ch al tempo de la est , per lo gram caldo che s, la se desleguerave.

[48] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 9, pag. 46.5: Anche le estate erano umide, s che omo non poteva essire fra de casa a fare sio mestieri e procaccio.

[49] Stat. cass., XIV, pag. 119.9: S(et) noy credemu <bastare> a li monachi i(n)nelli lochi che no(n) sony trope frede, n trope calde, bastare p(er) cziascheduno la cuculla et la tonica, i(n)nella vernata lanosa (et) pilosa, inella estate pura voy vetera...

[50] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 21, pag. 193.17: infra li quali iuorni multi caporali nuobili huomini, dell'una parte e dell'altra, s nce foro muorti et altra gente assay, ben che in quilli iuorni era la 'state...

[51] Purgatorio S. Patrizio, XIV sm. (mil./com.), cap. 16, pag. 32.6: E lo menn drito verso oriente laonde leva lo sole in lo maiore d de stae...

[52] Cronaca volg. isidoriana, XIV ex. (abruzz.), pag. 214.4: Et in quisto tempo devende in Francia al tempo della state, nansi lo solostitio, una grande tempestate, la quale portao terribilissima grandine...

[53] Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.), cap. 32, pag. 158.22: XXXII. Tuttavia lu cavallo de estate sia cop(er)to de cop(er)turo d(e) pa(n)no de lino...

- [In espressioni sentenziose].

[54] Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.), 437, pag. 541: Quando la istate viene, e lo lovo se muda / e perde lo so pelo, quest' causa saipuda...

[55] Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.), 207, pag. 568: S con' la nef no dura d'istat per lo calore, / s desdes ad un mato s'el gloria et onore.

[56] Proverbia pseudoiacop., XIII (abruzz.), 66, pag. 29: [XVII] 'Ntra s diverse tempora volu diversitate: / Altru lu vernu rcipo, altru volio la state; / Questo, k'e ttempu frigidu prendo pro sanetate, / Ne lu tempu contrariu genera enfermetate.

[57] Proverbia, aggiunte, XIII sm. (ven.), 3, pag. 325: Li savi homeni parla per rasone e dise: / Cui en ree femene s'enfia no lo seno sano; / spessora li fa crere qu'iverno sea istao.

- [Prov.].

[58] Garzo, Proverbi, XIII sm. (fior.), 421, pag. 310: 203. State governa / ond'omo verna.

[59] a Proverbi e modi prov., XIII/XIV (sen.), pag. 110.11: Chi di state mena coda, di verno che roda.

[60] a Proverbi e modi prov., XIII/XIV (sen.), pag. 121.1: N di state n di verno non lassare el mantello.

- Fig. Periodo di prosperit.

[61] Guittone, Rime (ed. Contini), a. 1294 (tosc.), canz. 2.60, pag. 199: E val, sembrami, meglio, / quanto riso ver' mglio, / sperar ch'aver d'amica: / ch, poi l'ama, n-mic' / ver' che sperava averne, / e de gran state a vern'.

[62] Tratao peccai mortali, XIII ex.-XIV m. (gen.), De quatro penser, vol. 1, pag. 156.3: E q(ue)sto arboro si piantao a lao de la fonta(n)na de Deo, donda ello tuto jorno arosao. Ap(re)sso, de stae e d'em verno, zo i(n) p(ro)sp(er)itae e i(n) adversita...

- Fig. [In relazione con la fisiologia umana].

[63] Intelligenza (ed. Berisso), XIII/XIV (tosc.), 302.1, pag. 123: La camera del verno e de la state / 'l fegato e la milza veramente: / nodriscesi nell'un caliditate / e ll'altra fredda lo calo repente. / Ben si pu dir cucina in veritate / lo stomaco che ss cuoce sovente.

1.1 Locuz. nom. Mezza estate: il periodo intorno a San Giovanni (24 giugno); il giorno stesso.

[1] Tavola ritonda, XIV pm. (fior.), cap. 78, pag. 286.33: Allora lo domanda Alcardo di novelle; ed egli disse ch'egli era messaggio della reina Ginevra, la quale manda pregando, comandando e richiedendo a tutti gli cavalieri erranti, che per la festa di messer santo Giovanni di mezza state...

[2] Boccaccio, Corbaccio, 1354-55, parr. 411-20, pag. 114.25: N altrimenti ti posso dire del lezzo caprino, il quale tutta la corporea massa, quando dal caldo o da fatica incitata geme, spira; questo tanto e tale che, con l'altre cose gi dette raccolte, s fanno il covacciolo sentir del leone, che nelle chiane di mezza state con molta meno noia dimorerebbe ogni schifo, che vicino a quello.

[3] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), quart. 1148, pag. 266: Lo sole vi fera et davavi claritate, / Para uno allustrare in tempo de meza state...

- Fig. L'et giovanile.

[3] Petrarca, Disperse e attribuite, a. 1374, 13.5, pag. 81: In cielo, in aria, in terra, in fuoco e in mar[e] / Amor percuote e vola senza manto: / Contra suo' strali orati non incanto, / Ma se col piombo vuol, pu risanare. / A mezza state fa l'uomo tremare / Et arder a gran verno...

1.2 Locuz. agg. D'estate (panni): estivo.

[1] Mattasal, 1233-43 (sen.), pag. 37v.1: It. vij l. (e) viiij s. neli pani di Matasal di state, (e) fuoro li d. da Buonosignore cinquanta (e) quatro s. (e) da Dietisalvi cinquanta s. (e) deli pani di verno di Matasal trenta s.

[2] Doc. fior., 1259-67, pag. 209.24: Aven dato lb. IIJ e s. XIJ tre d anzi ka. maggio: demogli a Buosso Rinaldi per lli panni ke fecie Guiduccio e la Fia e lo Skolaio verghati di state.

[3] Doc. fior., 1277-96, pag. 420.14: Bene Bencivenni de dare per sua tratta, chon queste altre di dietro, lb. VIIJ e s. XIIIJ per sei fiorini d'oro per una pezza di zendado per li panni miei verdi di sta[te].

1.3 Fras. D'estate e (d')inverno, dell'estate e dell'inverno; in estate e in inverno; estate e inverno, l'estate e l'inverno: in ogni stagione o condizione meteorologica. Estens. Sempre, continuamente.

[1] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De scriptura nigra, 262, pag. 109: Tai goen le mee richeze ke stan in grand sozerno, / Ke stan drudhi e morbij de stae e anc d'inverno...

[2] Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.), 250, pag. 570: L'omo mat dorm l'istad e sta tutor enderno, / mai lo savio lavora e d'istad e d'inverno.

[3] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 43.221, pag. 162: Meser, le pelegrine a te venenno, / albergane, ch simo de tua sorte: / peregrinato avemo state e verno / con molti amari d e dure notte...

[4] Jacopone, Laud. Urbinate, XIII ui.di. (tod.), 9.106, pag. 516: k cki non pilla la bona partita, / a mmalo porto la sua nave allita, / ke va in inferno / e lloco pate ria state et overno...

[5] Cecco Angiolieri, XIII ex. (sen.), 83.8, pag. 201: Ma in tal guisa rivolto il quaderno, / che sempre viver glorificato, / po' che messer Angiolieri scoiato, / che m'affriggea e di state e di verno.

[6] Stat. sen., 1309-10 (Gangalandi), dist. 3, cap. 10, vol. 2, pag. 19.21: dal detto luogo infino la detta strada, la quale va per Quinciano infino alla strada publica, la quale va per Licignano da la parte de la citt di Siena, si debia spianare et inghiaiare, s che li uomini et le bestie commodamente possano andare di state et di verno per essa.

[8] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 37.7, pag. 227: Una raxon ve vojo cointar / se no ve increxe d'ascotar, / de doic chi se raxonavam / e enter l se contrastavam, / como se fa monto viae, / e per vile e per citae, / de la stae e de l'enverno, / da gente chi stam inderno.

[9] Jacopo della Lana, Par., 1324-28 (bologn.), c. 21, 106-120, pag. 481, col. 1.7: Caldi e gieli, o in state e in verno.

[10] Cavalca, Rime (ed. Bottari), a. 1342 (pis.), Poich sei fatto frate.229, pag. 446: Ben giustamente chi non l'ama, degno / Dell'Inferno. / Quivi ha gran pene di state e di verno, / E per contrario nel regno superno / Aver bene summo e sempiterno / Ed infinito.

[11] Boccaccio, Amorosa Visione, c. 1342, c. 39.42, pag. 170: Herba non v'ha, n frutti che smarriti / teman dell'autunno, ma tuttora / con frutti e frondi be' verdi e fioriti / ivi dimoran, n mai si scolora / prato, ma bel di variati fiori / la state e 'l verno sempre vi dimora.

[12] Atrovare del vivo e del morto, a. 1375 (emil.), II, st. 39.7, pag. 162: De tuta ente de stade et inverno / a ogne tempo vano a l'inferno.

[13] Neri Pagliaresi, XIV sm. (sen.), pt. 11, 15.5, pag. 140: l'angelo poi el men nell'onferno / e mostrogli el Lucifero e ' demoni / e vidde el fuoco ove s'arde in etterno / e vidde come i peccator felloni / ardevano 'n quel fuoco statee verno

- [Con negazione:] fras. N d'estate n d'inverno, non per estate n per inverno: mai.

[14] Giudizio universale, XIV in. (ver.), 334, pag. 66: l o' se trova de tal guisa vermi / ke no mor per istao n per inverni, / mo s cum l'aigua norixo li pisi / cos faso en fogo quigi vermi maleiti...

[15] Serapiom volg., p. 1390 (padov.), Erbario, cap. 84, pag. 89.33: Uno autore chiam Isaach Benaram dixe che alfaffaxa nasce sovra le aque e no(n) se secca n de ist n de inverno.

1.4 [Rif., come termine, al ciclo di un anno].

[1] Angelo di Capua, 1316/37 (mess.), L. 1, pag. 24.3: O hosti nostru, preguvi ki vi plaza cuntarini da lu incumminzamentu di li aguaiti di li Grechi et li fortuni di li vostri chitadini, et comu vui fustivu gictati per mari et per terra, essendu i a la septima stati.

[2] Ciampolo di Meo Ugurgieri, a. 1340 (sen.), L. 5, pag. 166.5: gi si volge la settima estate doppo il cadimento di Troja...

[3] Lancia, Eneide volg., 1316 (fior.), L. 1, pag. 173.7: O oste nostro, conta, dal primo die e dallo incominciamento, li guati de' Troiani e le fortune de' tuoi, e come tu se' errato per mare e per terra; per che gi la settima istate ti porta errando per tutte le terre e per tutte le tempeste e mari.

- [Come termine per indicare un periodo di tempo breve].

[4] Bestiario moralizz., XIII (tosc./aret.-castell.), 10.10, pag. 758: [E] kus dea far la creatura / en questo mondo, k'[ne] una state / a respecto de l'altro k' infenito...

[u.r. 18.04.2018]