GECCHIRE v.

0.1 šachite, šachito, šechire, gecchisce, gecchita, gecchiti, gecchito, gechire, gechita, gechito, giacchito, giachir, giachiti, giachito, gicchita, gichit', gichito, giechiti, giechito, zachiti.

0.2 Prov. gequir (DEI s.v. gecchito).

0.3 Inghilfredi, XIII sm. (lucch.): 1.

0.4 In testi tosc.: Inghilfredi, XIII sm. (lucch.); Fiore, XIII u.q. (fior.); Arte Am. Ovid. (A), XIV pm. (pis.).

0.7 1 Manifestare umiltÓ, deferenza, sottomissione (a qno).

0.8 Filippo Gianferrari 23.08.2012.

1 Manifestare umiltÓ, deferenza, sottomissione (a qno).

[1] Inghilfredi, XIII sm. (lucch.), 4.16, pag. 107: per che 'l meo cor sovente de' penare, / poi mala provedenza / vole giachir naturale pensato; / ed Ŕ 'n tal guisa corso sormontato, / che veo signori a servi star subietti / e servi a signoria essere eletti.

[2] Laude cortonesi, XIII sm. (tosc.), 10.11, vol. 1, pag. 127: Ros'aulente, - splend´ente, - fÓ venire / me fallente, - tuo servente, - obedire, / cum šechire, - reverire; / te laudando, - honorando...

[3] Fiore, XIII u.q. (fior.), 73.3, pag. 148: Cosý mi confort˛ il buon Amico, / Po' si partý da me sanza pi¨ dire; / Allor mi cominciÓ' fort'a gechire / Ver' Mala-Bocca, il mi' crudel nemico.

[4] Arte Am. Ovid. (A), XIV pm. (pis.), L. I, pag. 67.12: O giovani di Roma, io vo amonisco che imparate buone arte e non pur arte da difendere li spaventevili riei omini; chÚ li sanatori allegri e lo giudici onorato e 'l populo per bel parlare s'umiliano; cusý la donzella per bel parlare Ŕ vinta e si gecchisce.