GECCHITO agg.

0.1 šachite, šachito, gecchita, gecchiti, gecchito, gechita, gechito, giacchito, giachiti, giachito, gicchita, gichit', gichito, giechiti, giechito, zachiti.

0.2 V. gecchire.

0.3 Poes. an. (ed. Panvini), XIII (tosc.): 1.

0.4 In testi tosc.: Poes. an. (ed. Panvini), XIII (tosc.); Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.); Inghilfredi, XIII sm. (lucch.); Lotto di ser Dato (ed. Contini), XIII sm. (pis.); Cecco Angiolieri, XIII ex. (sen.); Folgˇre, Mesi, c. 1309 (sang.).

In testi sett.: Gualpertino da Coderta, XIV in. (trevis.).

In testi mediani e merid.: Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.); Manfredino, Tu che martýri, XIV pm. (perug.).

0.7 1 Lo stesso che umile, deferente. 1.1 Umiliato.

0.8 Filippo Gianferrari 07.09.2012.

1 Lo stesso che umile, deferente.

[1] Poes. an. (ed. Panvini), XIII (tosc.), 30.5, pag. 529: GiÓ non m'era mestiere / che gli oc[c]hi miei traditi / la dovesser guardare, / nÚ me farla vedere, / poi lei son sý giechiti, / che mi fanno penare.

[2] Folgˇre, Mesi, c. 1309 (sang.), 5.10, pag. 409: E d' intorno vi sian molti giardini, / e giachito vi sia ogni persona; / ciascun con reverenza adori e 'nchini / a quel gentil ch' ho dato la corona / de pietre prez´ose, le pi¨ fini / c' ha 'l Presto Gianni oĚ re di Babilona.

[3] Gualpertino da Coderta, XIV in. (trevis.), 1.5, pag. 339: quando 'l segnore gli ha dato de' sassi, / ch'a piŔ gli torna cum zachiti passi, / lecandol tuto uman pl¨ d'un agnello, / subitamente, no stando rebello; / chÚ eo da te la essenzia e carne trassi.

[4] Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.), 2.19, pag. 545: Sol seria io colui, donna gentile, / che con maggiure affetto, / deppo la morte s' io vita prendesse, / ve serviria pi¨ giacchito ed umýle; / chÚ 'l morir m' Ŕ deletto, / donna, sol savend' io che ve piacesse.

- Star gecchito.

[5] Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.), canz. 7.43, pag. 32: dunque nonn ha riparo sua potenza: / per˛ conven ciascuno aumil´are / e star gechito di quant'ha podere.

[6] Lotto di ser Dato (ed. Contini), XIII sm. (pis.), 66, pag. 317: Fior d'ogni ben, come conto di sovra, / poi v'adorna di tante vert¨ Deo, / che tutt' altre passate al parer meo, / pietÓ aggiate, che per meil s'approva, / e mettetela in ovra / ver' me, che tutto so' stato gecchito / di voi servir...

[7] Cecco Angiolieri, XIII ex. (sen.), 32.6, pag. 150: E parr˛ un colombo senza fŔle, / tanto star˛ di bon core gecchito: / per˛ ch'i' abbo tanto mal patito, / che pietÓ n'averebb'ogni crudele.

[8] Manfredino, Tu che martýri, XIV pm. (perug.), 29b.5, vol. 1, pag. 176: sta pur giachito inanze a sua corona, / sempre con umeltade amor gli empetra, / fin che t'acenne d'amor co' i palpetra / e puoi prende gli amorosi dona.

1.1 Umiliato.

[1] Inghilfredi, XIII sm. (lucch.), 2.35, pag. 90: Non deria lucere luna nÚ stelle, / deria lo sol freddare - e non calere, / l'aigue turbare, / nÚ mai auselli posare in ramelle, / giachiti a terra tristare - [e] languire...