INGAMBARE v.

0.1 ingamba, 'nganbato.

0.2 Da gamba.

0.3 Laudario S.M. d. Scala, XIII ex./XIV po.q. (tosc.): 1.

0.4 In testi tosc.: Laudario S.M. d. Scala, XIII ex./XIV po.q. (tosc.); A. Pucci, Centiloquio, a. 1388 (fior.).

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Piegare qsa a modo di una gamba flessa. 2 Darla a gambe, fuggire.

0.8 Pietro Bocchia 12.06.2014.

1 Piegare qsa a modo di una gamba flessa.

[1] Laudario S.M. d. Scala, XIII ex./XIV po.q. (tosc.), 13.212, pag. 168: e tai colpi v'Óm dati, / che per gran forša 'l chiov' Ón[n]o 'nganbato!

2 Darla a gambe, fuggire.

[1] A. Pucci, Centiloquio, a. 1388 (fior.), c. 49, terz. 55, vol. 3, pag. 50: I Genovesi fero assembramento / di settanta galee, e Messer Lamba / d' Oria ne fu Ammiraglio contento, / e col navilio suo niente ingamba, / ch'era sý bel, ch' ogni altro paria sozzo, / e non avea di manco un fil di stramba, / si ritrov˛ nell' Isola di Pozzo...