LUCENTE agg./s.m.

0.1 lluciente, lucent, lucent', luent, lucente, luente, lucenti, luenti, lucentissima, lucentissime, lucentissimi, lucentissimo, lucento, luchenti, luciente, lucienti, luisent, lusente, lusenti, luxente, luxenti, luzente, luzenti.

0.2 V. lucere.

0.3 Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.): 2.1.

0.4 In testi tosc. e toscanizzati: Giacomo da Lentini, c. 1230/50 (tosc.); Bonagiunta Orb. (ed. Parducci), XIII m. (lucch.); Brunetto Latini, Tesoretto, a. 1274 (fior.); Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.); Bono Giamboni, Vizi e Virtudi, a. 1292 (fior.); Quindici segni, 1270-90 (pis.); Bestiario toscano, XIII ex. (pis.); Fatti di Cesare, XIII ex. (sen.);. Simintendi, a. 1333 (prat.).

In testi sett.:Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.); Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Poes. an. ven., XIII; Giacomino da Verona, Ierusalem, XIII sm. (ver.); Memoriali bologn., 1279-1300, (1287); Poes. an. bergam., XIII ex.; Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311; Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.); Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342; Enselmino da Montebelluna, XIV pm. (trevis.); Serapiom volg., p. 1390 (padov.).

In testi mediani e merid.: Poes. an. urbin., XIII; Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.); Armannino, Fiorita (13), p. 1325 (abruzz.); Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.); Cecco Nuccoli (ed. Marti), XIV pm. (perug.); Anonimo Rom., Cronica, XIV; Destr. de Troya, XIV (napol.).

In testi sic.:Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.); Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.); Simone da Lentini, 1358 (sirac.).

0.7 1 Che risplende intensamente. 1.1 [Detto di superfici levigate, di metalli o di pietre preziose:] che riflette la luce. 1.2 Fig. Di fulgida bellezza. 2 [Detto di liquidi:] privo di sostanze in sospensione, limpido. 2.1 [Rif. al vino:] di colore vivo. 3 Sost. Fonte di luce.

0.8 Veronica Ricotta 13.06.2014.

1 Che risplende intensamente.

[1] Brunetto Latini, Tesoretto, a. 1274 (fior.), 2207, pag. 252: [[il prato]] or parea ritondo, / ora avea quadratura; / ora avea l'aria scura, / ora e chiara e lucente; / or veggio molta gente, / or non veggio persone...

[2] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. I, cap. 18, pag. 27.7: ello quale posta una stella sola, grossa, colorita d'uno bello colore chiaro e lucente, e chiamata Iupiter...

[3] Quindici segni, 1270-90 (pis.), 140, pag. 256, col. 1: Lo segondo giorno scureran le stelle, / che tanto sono lucente e belle, / et tucte nere diventrano / s che neiente lucerano.

[4] Poes. an. ven., XIII, 47, pag. 137: Al p de la croxe io te voio albergar / E farte un albergo bem lucente, / Per che tu vardi in Cristo onipotente.

[5] Poes. an. urbin., XIII, 14.15, pag. 571: Stella lucente k'allumini el mondo, / de te nacque lo sole splandante, / lo qual Cristo Deo...

[6] Giacomino da Verona Ierusalem, XIII sm. (ver.), 93, pag. 630: Clare le soe unde plui de lo sol lucento, / menando margarite [e]d or fin ed arento, / e pre precose sempromai tuto 'l tempo...

[7] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 69.83, pag. 290: Al terzo ciel puoi puse mente: - pi che sol era lucente; / tutta se 'nfiamm mia mente - de voler l su andare.

[8] Memoriali bologn., 1279-1300, (1287) 19.4, pag. 37: del sole uno razo te fo dato / lucente et inflamato - per colore, / e de due stelle fusti afigurato; / viso smerato...

[9] Bestiario toscano, XIII ex. (pis.), cap. 27, pag. 50.12: a ciascuna anima buona si renduto uno corpo glorificato che fie lucente per sette fiate lo sole.

[10] Poes. an. bergam., XIII ex., 42, pag. 67: ne plas / dir in present: / li tri re da Orent / per la stella k'era lucent / fo-y in cam incontanent...

[11] Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.), 4697, pag. 172: Lo sole, che era chiaro e luente, / Se oschur lo somiente...

[12] Jacopo della Lana, Par., 1324-28 (bologn.), c. 23, 25-39, pag. 511, col. 2.6: dixe s com' Trivia, o la luna... Ride, o sta lucente. Tra le ninfe eterne, o tra le stelle...

[13] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 8, cap. 11, vol. 2, pag. 173.24: E cosi digni da aricurdari se repunirannu in claru et lucenti locu, et la fatiga in manifestari quisti cosi non amancar di so fructu.

[14] Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342, cap. 20, pag. 91.30: la gripiola, el form una stella de bel novo p meravegliosa p chiera e p luxente cha quelle de cel vege e f-la descende' in l'aere d'oriente...

[15] Cecco Nuccoli (ed. Marti), XIV pm. (perug.), 1.12, pag. 693: Risplende in esso un s lucente lume, / che chi lui mira di coraggio fino...

[16] Poes. an. perug., 1351-52, 5.7, pag. 47: signoregiando l'un l'altro obidesmo / per fine al mar ch'enghiutt Faran, / lucente fama pi che Scipn, / a farve el quinto con desio m'apresmo.

[17] Simone da Lentini, 1358 (sirac.), cap. 13, pag. 61.10: Et dichendu chisti paroli, et ill si parsi intru di loru unu cavaleri luchenti, armatu, a cavallu in unu cavallu blancu, et una bandera in manu...

[18] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 8, pag. 33.12: Questa cometa pareva che fussi una stella lucentissima pi delle aitre, e estenneva dereto a s una coma destinta...

[19] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 3, pag. 61.28: uale ella adorava, et erano allumate multi cirii de cera che faceano la camera tutta lucente.

1.1 [Detto di superfici levigate, di metalli o di pietre preziose:] che riflette la luce.

[1] Giacomo da Lentini, c. 1230/50 (tosc.), D[ubbie] 2.1, pag. 394: Lo badalisco a lo specchio lucente / tragg'a morire con isbaldimento...

[2] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De scriptura aurea, 533, pag. 169: Le cop en d'or purissimo, lucent e specose, / Le que en adornae de zeme precose...

[3] Armannino, Fiorita (05), 1325 (tosc.), pag. 552.27: incontro gli si fece e fer Patrocolo nello scudo e quello lui ne l' elmo lucente, e di tanta forza si percossono, che l' uno e l' altro cadde in terra.

[4] Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.), L. 1, cap. 9, pag. 26.7: Facta la oratione, tnnessi menti allu scossu, et trovunchi dudici florini de auru, lucenti comu chilla hura fossiru exuti de la fria.

[5] Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.), 13.4, pag. 558: denanze al volto, / vestito era de bianco e fanciul molto / semblava, e li cavelli oro lucente.

[6] Boccaccio, Decameron, c. 1370, X, 9, pag. 698.21: mise in dito a messer Torello uno anello nel quale era legato un carbunculo tanto lucente, che un torchio acceso pareva...

1.2 Fig. Di fulgida bellezza.

[1] Bonagiunta Orb. (ed. Parducci), XIII m. (lucch.), ball. 2.30, pag. 74: Gigli e rose novelle / vostro viso aportate / s smirato e lucente.

[2] Bono Giamboni, Vizi e Virtudi, a. 1292 (fior.), cap. 3, pag. 6.13:E io, veggendo la detta figura cos bella e lucente, avegna che avesse dal cominciamento paura, m'asicurai tostamente, pensando che cosa ria non potea...

[3] Guittone, Rime (ed. Egidi), a. 1294 (tosc.), son. (D.) 133.1, pag. 205: Partito sono dal viso lucente, / e penso se pote esser veritate. / Pensando miro e guardo infra la gente, / e non mi rende il sole claritate.

[4] Questioni filosofiche, p. 1298 (tosc. sud-or.), L. I, pt. 3, capp. 5-8, pag. 49.5: manifesto in la sua trasfiguratione in monte Thabor, ke la sua faccia era splendida e lucente como el sole, como se leggie in lo Vangelio de s(an)c(t)o Matheo.

[5] Poes. an. (ed. Panvini), XIII (tosc.), 5.16, pag. 473: or vivo con gran noia, / ch mi son disdegnosi / li suo' oc[c]hi piagenti, / che mi donavo[n] riso / quando mi risguardava / col suo lucente viso, / s che 'n baldanza stava / pi c'altro omo viventi.

[6] Fatti di Cesare, XIII ex. (sen.), Luc. L. 7, cap. 31, pag. 240.7: fronte chiarissima et ampia e piana sopra li celli sottili e ben volti; gli occhi lucenti e vaghi, lo naso dritto e dilicato e ben fatto, la bocca picciolella e grossetta...

[7] Ceffi, Epistole eroiche, 1320/30 (fior.), ep. Oenone, pag. 45.8: e tutto che ella sia lucente nel viso, ella oscura nella mente; ella avoltera e disleale, e hae lasciati li suoi parenti e amici.

[8] Enselmino da Montebelluna, XIV pm. (trevis.), 630, pag. 41:Anchora disi: oim, fiol dolzisimo, / non quili li ochi che era luzenti / plu che non el sol quando plu chlarisimo.

[9] Poes. music., XIV (tosc., ven.), [FraLan] ball.41.8, pag. 163: Occhi, pi non potrete / dar a la mente di mirar riposo, / per che non vedrete / el bel viso lucente e grazioso.

2 [Detto di liquidi:] privo di sostanze in sospensione, limpido.

[1] Tesoro volg., XIII ex. (fior.), L. 3, cap. 7, pag. 48.19: [[l'acqua]] Ancora se cuoce tosto li legumi, ed lucente, senza nuvoli, e senza ogni altra lordura.

2.1 [Rif. al vino:] di colore vivo.

[1] Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.), 557, pag. 582: No atenda om al vino q'entro 'l vero lucent: / ben entra, m'anz q'el n'esca, morde como serpent...

[2] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 53.48, pag. 306: zogui e convii e jugorar / e instrumenti per sonar; / viande leche e vin lucenti / chi renden li omi pu parlenti.

3 Sost. Fonte di luce.

[1] Giordano da Pisa, Quar. fior., 1306 (pis.>fior.), 7, pag. 29.22: Differenzia hae dal caldo al calore, da luce a lucente, da la bianchezza al bianco...

[2] Dante, Commedia, a. 1321, Par. 13.56, vol. 3, pag. 211:ch quella viva luce che s mea / dal suo lucente, che non si disuna / da lui n da l'amor ch'a lor s'intrea...