ANNIZZAMENTO s.m.

0.1 f: anišamenti.

0.2 Da annizzare.

0.3 f Cassiano volg. (A), XIII ex. (sen.): 1.

0.4 Non att. nel corpus.

0.6 N Voce redatta nell'ambito del progetto DiVo.

0.7 1 Atto di stimolare (qno) all'ostilitÓ o all'ira o a compiere un'azione riprovevole.

0.8 Diego Dotto 27.10.2014.

1 Atto di stimolare (qno) all'ostilitÓ o all'ira o a compiere un'azione riprovevole.

[1] f Cassiano volg. (A), XIII ex. (sen.), Collaz. IX, cap. 6, pag. 150v.20: in tal maniera che, comportato sanša fatica per gli anišamenti di colui, non sentia la 'ngiuria di cotanta fatiga. || DiVo; non att. nel corpus da altre ed.; diversamente f Cassiano volg. (A, ed. Bini), XIII ex. (tosc.): źinizzamento╗.