LAPIDARE v.

0.1 lapidà , lapidada, lapidade, lapidadho, lapidado, lapidando, lapidandolgli, lapidandolo, lapidano, lapidar, lapidarà , lapidare, lapidaretelo, lapidari, lapidarla, lapidarli, lapidarlo, lapidarne, lapidaro, lapidaronlo, lapidarono, lapidarte, lapidaru, lapidasse, lapidasseno, lapidata, lapidate, lapidati, lapidato, lapidatu, lapidavano, lapidemo, lapiderà , lapideranno, lapiderannoti, lapiderano, lapideriano, lapidi, lapidiamo, lapidino, lapidò, lapidòe, lapidonun, lapidorono, lepidati, llapidaro.

0.2 Lat. lapidare (DELI 2 s.v. lapidare).

0.3 Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.): 1.

0.4 In testi tosc.: Bono Giamboni, Orosio, a. 1292 (fior.); Cronica fior., XIII ex.; Bind. d. Scelto (ed. Gozzi), a. 1322 (sen.); Cavalca, Specchio di croce, a. 1333 (pis.).

In testi sett.: Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.); Parafr. Decalogo, XIII m. (?) (bergam.); Cronica deli imperadori, 1301 (venez.); Jacopo della Lana, Purg., 1324-28 (bologn.); Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342.

In testi mediani e merid.: Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.); Destr. de Troya, XIV (napol.); Cronaca volg. isidoriana, XIV ex. (abruzz.).

In testi sic.: Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.).

0.7 1 Colpire con un lancio di pietre per uccidere (in partic. come forma di esecuzione capitale). 1.1 Fig.

0.8 Matteo Luti 10.02.2016.

1 Colpire con un lancio di pietre per uccidere (in partic. come forma di esecuzione capitale).

[1] Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.), 424, pag. 615: Iesocrist altissemo qe per nui fo penadho, / en la cros fo metudho, feramen claveladho, / de pier' e de bastoni batud e lapidadho / e ferì de la lança en lo So santo ladho.

[2] Parafr. Decalogo, XIII m. (?) (bergam.), 36, pag. 420: el fo un che biastemmà Deo benedego / e per parola de Deo padre el fo dig a Mos[es] / e de fora ay lo fi menare / e sì lo fi lapidare.

[3] Bono Giamboni, Orosio, a. 1292 (fior.), L. 5, cap. 18, pag. 323.9: Postumio Albino, uomo già stato consolo, e allotta legato di Lucio Silla, avesse in se suscitato l'odio di tutti i cavalieri per troppa soperbia, colle pietre percosso, fue lapidato.

[4] Cronica fior., XIII ex., pag. 140.23: Allora i Sanesi, isdengnando, a furore gridaro: - Muoiano, moiano i Fiorentini! - vitiperosamente rinproverando loro la dolorosa isconfitta di Montaperti, gittando loro le pietre e lapidandolgli.

[5] Cronica deli imperadori, 1301 (venez.), pag. 181.20: in l'anno VI Iachomo frar del Segnor, el qual da tuti vegniva appellado Iusto, deli Zudei in prima fo lapidado, e poi chon una pertegha li fo rotti li cervelli e morì...

[6] Bind. d. Scelto (ed. Gozzi), a. 1322 (sen.), cap. 520, pag. 539.3: E quand'io l'ebbi menato, sì lo facemo lapidare presso a le mura di Troia...

[7] Jacopo della Lana, Purg., 1324-28 (bologn.), c. 12, 43-48, pag. 220, col. 2.18: In processo de tempo uno so senescalco fo lapidà dal povolo; e questo ave paura che non fesseno cussí de lui...

[8] Cavalca, Specchio di croce, a. 1333 (pis.), cap. 6, pag. 26.10: Or non sai tu, messere, che pochi giorni sono li Giudei ti vollono lapidare?

[9] Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.), pt. I, cap. 5, pag. 618.8: altri trassero loro le lingue; altri loro gli occhi; altri lapidati, altri afflitti in freddo, altri angosciati in fame, altri mozze le mani, altri loro gli occhi...

[10] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 9, cap. 7, vol. 2, pag. 215.11: 2. Issu medemmi lu populu se sfurzau di lapidari Quintu Metellu censuri, però ca issu non vulia recipiri lu censu da Luciu Equiciu...

[11] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 30, pag. 261.4: Perzò li Grieci la fecero piglyare e portarendela ad una isola chi se clamava Aulida, la quale era vicina a Troya, e lloco la fecero lapidare et occidere.

1.1 Fig.

[1] Ottimo, Par., a. 1334 (fior.), c. 11, proemio, pag. 263.37: Nel refettorio è allapidata la sobrietade nella varietade de le vivande. Li ministri co le mani levate portano diverse imbandigioni; onde quella è lapidata.

[2] Ristoro Canigiani, 1363 (fior.), cap. 39.61, pag. 96: Se questo vizio fosse lapidato / Con chiunque il segue, come al tempo antico, / Di pietre non ci are' sì gran mercato.

>