PIANTARE v.

0.1 chianta, chiantai, jantao, pianta, piantà , piantadi, piantai, piantali, piantan, piantando, piantandola, piantandoli, piantandovi, piantano, piantansi, piantante, piantanvi, piantao, piantar, piantaralo, piantarci, piantare, piantarete, piantari, piantaro, piantarono, piantarvi, piantasse, piantassero, piantassi, piantaste, piantasti, piantastila, piantastili, piantata, piantate, piantateci, piantati, piantato, piantava, piantavan, piantavano, piantavi, piantè, pianterà , pianterai, piantera'lj, pianteralo, pianteranno, pianteremo, pianteretevi, pianterò, pianterolla, pianterolli, pianterollo, pianteronno, pianterovvi, pianti, piantiamo, piantili, piantino, piantisi, piantivi, piantò, piantoe, piantòe, piantola, piantolla, piantollo, piantorono, piantovene, piantòvi, piatam, plant, plantà , plantado, plantai, plantala, plantando, plantao, plantar, plantare, plantari, plantasti, plantata, plantate, plantato, plantau, plantavano, planter, plantò, plantó, pyamtao.

0.2 Da pianta.

0.3 Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.): 1 [13].

0.4 In testi tosc.: Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.); Albertano volg., 1275 (fior.); Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.); Stat. sen., 1280-97; Mino Diet., Sonn. Inferno, XIV m. (aret.).

In testi sett.: Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.); Pietro da Bescapè, 1274 (lomb.); Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Giacomino da Verona, Ierusalem, XIII sm. (ver.); Memoriali bologn., 1279-1300, (1299-1300); Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311; Doc. moden., 1353; Doc. ver., c. 1376; Serapiom volg., p. 1390 (padov.).

In testi mediani e merid.: Ritmo cass., XIII in.; Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.); Bosone da Gubbio, Capit., c. 1328 (eugub.); Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.); Stat. perug., 1342; Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.); Cronaca volg. isidoriana, XIV ex. (abruzz.).

In testi sic.: Angelo di Capua, 1316/37 (mess.).

0.7 1 [Agr.] Mettere in terra una pianta, un frutto o un seme (anche assol.). 1.1 Germogliare. 1.2 Fig. Impiantare. 2 Conficcare qno o qsa in una cavità in modo che una parte vi resti dentro e l'altra ne sporga. 2.1 Fig. 3 Bloccare; fissare in una condizione. 3.1 Fig. 4 Separarsi da qno abbandonandolo nella sua condizione (?).

0.8 Silvia Litterio 16.02.2016.

1 [Agr.] Mettere in terra una pianta, un frutto o un seme (anche assol.).

[1] Ritmo cass., XIII in., 71, pag. 12: Bidand'abemo purgata, / d'ab enitiu preparata, / perfecta binja plantata, / de tuttu tempu fructata.

[2] Albertano volg., 1275 (fior.), L. IV, cap. 62, pag. 302.7: Abbo i(n)gra(n)dite le mie operationi (e) òe dificate case (e) òe piantate vingne...

[3] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), Disputatio mensium, 171, pag. 9: E' plant le vie novelle, dond exe lo bon vin...

[4] Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.), De amore, L. IV, cap. 22: io òe facti miei gra(n)de opre, abbo edificate case, piantate vi(n)gne...

[5] Stat. sen., 1280-97, par. 47, pag. 16.2: statuimo che ciascuno del nostro Comune sia tenuto di piantare ogne anno X arbori domestichi...

[6] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 88.51, pag. 352: La fossa, dove questo arbor se pianta...

[7] Giacomino da Verona, Ierusalem, XIII sm. (ver.), 102, pag. 631: li fruiti de li albori e de <l>i prai / li qua<l>i da pe' del flumo per la riva è plantai...

[8] Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.), pt. II, cap. 6, pag. 671.30: e piantoe Noè la prima vigna, e bevve in prima del vino.

[9] Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.), 6.10, pag. 551: Onde tuttor che nel giardin terestre / plantato fusse, per certo demostra / che devina vertù grazia li preste.

[10] Doc. ver., c. 1376, pag. 362.28: 'l pare d(e)la dicta pupilla fe fare piantare vigne e arbore...

[11] Cronaca volg. isidoriana, XIV ex. (abruzz.), pag. 125.3: Noè piantao la prima vigna del mundo.

- Fig.

[12] Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.), 204, pag. 531: La raina de França con Rigo Curt Mantelo / [[...]] / plantà le corne al re soto 'l capelo...

[13] Giordano da Pisa, Prediche, 1309 (pis.), 10, pag. 85.15: Per questo s'intende lo piantamento delle virtudi, unde conviene che l'omo pianti le virtudi in dell'anima sua...

[15] Laudario S.M. d. Scala, XIII ex./XIV po.q. (tosc.), 15.257, pag. 195: Responde la Croce «Assai di lunga venni... / [[...]] / [A] Adamo ne la bocca fui piantato, / per darli fructo c'avia domandato...

[16] S. Caterina, Epist., 1367-77 (sen.), [1376] lett. 74, pag. 306.18: i cristiani traendo de' vitii e piantando in loro la virtù...

1.1 Coltivare un terreno.

[1] Pietro da Bescapè, 1274 (lomb.), 82, pag. 34, col. 1: Questo logo veraxement / Lo plantó al començament.

[2] Stat. perug., 1342, L. 4, cap. 141, par. 14, vol. 2, pag. 515.18: E se 'l lavoratore non porrà e pianterà en lo termene che se ordenerà, ciascuno sia punito...

1.2 Fig. Impiantare, istituire.

[1] Laude cortonesi, XIII sm. (tosc.), 37.8, vol. 1, pag. 250: Tutto el mondo abandonasti, / novell'ordine plantasti, / pace in terra annuntïasti, / como fece el Salvatore!

2 Conficcare qno o qsa in una cavità in modo che una parte vi resti dentro e l'altra ne sporga.

[1] Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.), pt. I, cap. 5, pag. 618.17: altri enfiati a modo d'otre, altri messi infra serpenti, altri piantati; altri ripiena la bocca loro di piombo strutto [[...]] ed altri diversi martirii, i quali iscrivere sarebbe malagevole.

[2] Mino Diet., Sonn. Inferno, XIV m. (aret.), 12.13, pag. 25: Symoni[a]ci col capo di sotto / piantati sono infino a la centura / per buche ardenti, [[...]] col capo giù a mostrar l' effectione / ch' egl' ebero a le cose temporali [[...]] però piantati son così bocchone / nominandone alcun de' principali.

2.1 Fig.

[1] Memoriali bologn., 1279-1300, (1299-1300) App. e.54, pag. 95: E sète, bella, l<o> fior<e> della contrata / che ne lo core mi sète plantata...

[2] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 53.288, pag. 316: Che lo peccao jantao in cor / mai no s'arranca senza dor.

3 Bloccare; fissare in una condizione.

[1] Angelo di Capua, 1316/37 (mess.), L. 11, pag. 198.6: Et tirandu la sua lanza torta, firiu a la Camilla, per modu ki la plantau in terra cum tucta la sua asta in la ripa di lu flumi.

[2] Bosone da Gubbio, Capit., c. 1328 (eugub.), 15, pag. 376: Et dico c' anni trenta et cinque avendo / l' auctor, [[...]] stando nel mondo, ove ciascuna pianta / di cogitationi et di rancura / l' appetito vagante nostro pianta, / vedea della virtú l' alçante altura / et disiava di salire in cima, / ché discernea già 'l bel della pianura.

3.1 Fig.

[1] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 46.21, pag. 179: La corte o' se fo ste noze sì è questa chiesa santa: / tu ven a lei obidente ed ella de fé t'ammanta; / puoi t'appresenta al Segnore, esso per sposa te pianta; / loco se fa nova canta, - ché l'alma per fede è sponsata. || Cfr. Ageno, Jacopone, p. 179: «ti fa sua sposa».

4 Separarsi da qno abbandonandolo nella sua condizione (?).

[1] Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.), L. 3, cap. 13, pag. 226.1: Et se tu averai, viverà con teco [e] [vote]ratte, e non si dorrà di te: et se tu gli sarai bisognio, elli ti pianterà , et, ridendo, sì daratti speranza, e conteratte [de' beni suoi. Confonderatti] ne' cibi suoi, finch' elli t' avrà votato due volte o tre... || Emendato in base al ms.; l'ed. legge «soppianterà».

[u.r. 13.02.2017]