LUSSURIOSO agg./s.m.

0.1 lossurioso, loxurioso, lusoriosi, lusorioso, lussoriosi, lussorioso, lussurïosa, lussuriosa, lussuriose, lussuriosi, lussuriosissimo, lussurïoso, lussurioso, lusuriosa, lusurioso, luxiorioso, luxiriosi, luxorïosa, luxoriosa, luxorioso, luxorioxe, luxurïosa, luxuriosa, luxuriosi, luxurïoso, luxurioso, luxuriosso, luxuriusa, luxuriuse, luxuriusi, luxuriuso, luxuriusu.

0.2 Lat. luxuriosus (DELI 2 s.v. lussuria).

0.3 Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.): 1.

0.4 In testi tosc.: Andrea da Grosseto (ed. Segre), 1268 (tosc.); Fiori di filosafi, 1271/75 (fior.); Albertano volg., 1275 (fior.); Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.); <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>; a Lucano volg., 1330/1340 (prat.).

In testi sett.: Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.); a Omelia padov., XIII s.q.; Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Cronica deli imperadori, 1301 (venez.); Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311; Paolino Minorita, 1313/15 (venez.); Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.); Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342; Serapiom volg., p. 1390 (padov.); Lucidario ver., XIV; Codice dei Servi, XIV sm. (ferr.).

In testi mediani e merid.: St. de Troia e de Roma Amb., 1252/58 (rom.>tosc.); Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.); Anonimo Rom., Cronica, XIV; Destr. de Troya, XIV (napol.).

In testi sic.: Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.); Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.).

0.7 1 Che tende o induce al soddisfacimento degli appetiti sessuali. 1.1 Sost. 2 Lussuoso. 3 Fuori misura, smodato. 3.1 [Rif. al cibo:] eccessivo per golosità.

0.8 Laura Ingallinella 20.07.2015.

1 Che tende o induce al soddisfacimento degli appetiti sessuali.

[1] Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.), 644, pag. 622: Marcé de mi, ch'assai son peccator / plui qe no fo missun meu antessor, / luxurïoso, falso e fornicadhor, / plen de soperbia, d'ira e de furor...

[2] Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.), 559, pag. 582: ben entra, m'anz q'el n'esca, morde como serpent; / luxurïosa causa è 'l vin, qi tanto l'ama; / molt è despresïado l'om qe tropo n'abrama.

[3] St. de Troia e de Roma Amb., 1252/58 (rom.>tosc.), pag. 7.20: La predecta Semiramis fo molto lussuriosa femmina de li filioli, soi mariti e de molti altri homini.

[4] Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.), L. 4, cap. 7, pag. 304.5: Che per lo molto riposo diventi l'uomo lussurioso, vedi che 'l dice Ovidio...

[5] Fiori di filosafi, 1271/75 (fior.), pag. 188.3: Neuna cosa è così mortale a l'ingegni come la lussuria; il giovane lussurioso pecca, il vecchio lussurioso impazza.

[6] Albertano volg., 1275 (fior.), L. II, cap. 16, pag. 112.16: «La luxuriosa iovaneçça (e) no(n) tenperata mena voto corpo a vechieçça».

[7] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De anima cum corpore, 74, pag. 57: No sij pervers, no bruto, no sij luxurïoso...

[8] Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.), De amore, L. III, cap. 3: Et se vuoi avere buona fama (et) buona lode no(n) essere luxurioso (et) no(n) curace...

[9] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 46.27, pag. 180: O vita mia maledetta, mondana, lussuriosa, / vita de scrofa fetente, sozata en merda lotosa, / sprezanno la vita celeste de l'odorifera rosa!

[10] Cronica deli imperadori, 1301 (venez.), pag. 202.39: Circa questo tempo, Hyberigo re de Franza, dali suo descazado del regno per caxon dela vana e luxuriosa vita, VIII anni romase apresso Basin re deli Toringi...

[11] Microzibaldone pis., XIII/XIV, 4, pag. 198.10: luxurioso come lo porco; vitioso come lo gufo...

[12] Zucchero, Santà , 1310 (fior.), [Pt. 4. Fisonomia], pag. 181.6: I[n]sengniamento del'uomo luxurioso. Quegli è luxurioso ch'àe colore intra rosso e bianco mischiato, e àe abondanzia di chapelli grossi e morbidi, e àe li ochi chiari e ridenti, e si diletta volontieri in udire parlare di ffemine, perciò che le parole della luxuria sono arghomenti e pruove di luxuria.

[13] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 54.140, pag. 324: Questa fé a li omi delicai, / preciosi, van, desordenai, / luxuriosi e semper tenti / en curosi afaitamenti.

[14] Paolino Minorita, 1313/15 (venez.), cap. 12, pag. 14.19: se trova che Dionisio thyranno de Sicilia, perch'elo era tropo goloso, [e] Sardanapolo re de Asyria perch'elo era tropo luxurioso...

[15] Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.), c. 5, 52-69, pag. 150, col. 2.19: Questa Cleopatras fo fiiola de' re de Egitto ed era luxuriosa oltramodo...

[16] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 8, cap. 2, vol. 2, pag. 153.24: O luxuriusa liberalitati, issu la culurau per nomu di debitu!

[17] Serapiom volg., p. 1390 (padov.), Erbario, cap. 359, pag. 401.17: E se la femena la usa, li provoca el menstruo e sì ven luxuriosa.

[18] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 8, pag. 36.25: Forte deventao lussurioso. Che avesse detoperate cinquanta poizelle in una quaraiesima se avantao.

[19] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 5, pag. 81.36: le muglyere e le figlyole per la plu gran parte scazate da le lloro maysune tenenolle subiecte a vile e luxuriuse servicie.

1.1 Sost.

[1] a Omelia padov., XIII s.q., pag. 8.1: Frar Karissimi, se uoi uidrì algúno luxurioso, ke cum grande paura uoi lo uidrì wardare...

[2] <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>, L. 1, pt. 3, cap. 8, pag. 101.7: E perciò dice un savio che 'l lussurioso si diletta nella lussuria, e 'l casto nella castità...

[3] Bestiario toscano, XIII ex. (pis.), cap. 33, pag. 55.9: cussì sono alquante gente li quali tutto tempo non fanno né non pensano se none in vile cose e in brutte e in puççulente, sì come sono li briachi e li lecconi e li luxuriosi e facitori d'altre laide cose, e giocatori...

[4] Giordano da Pisa, Pred. Genesi, 1309 (pis.), 7, pag. 82.10: Quel medesmo potete vedere del luxurioso, lo quale àe la mala volontà, che non gode della moglie sua, però che non se ne contenta, né dell'altre...

[5] Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.), L. 4, cap. 36, pag. 162.5: lu superbu sì accumpagna lu superbu et in pena insembla, comu foru accumpagnati in culpa pir superbia; e li luxuriusi cum li luxuriusi, li avari cum li avari...

[6] Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342, cap. 11, pag. 47.30: E hi buffon da corte e hi luxiriosi e niente se satian lo corpo sì ch'el ghe tira 'l ventre...

[7] Lucidario ver., XIV, L. 3, quaest. 18, pag. 193.11: çò sono li heretici, e queli che usa lo bere malamente, e li luxuriosi, li homicidiali, e li crudeli homini...

2 Lussuoso.

[1] a Lucano volg., 1330/1340 (prat.), L. X [Phars., X, 467-546], pag. 201.23: da quella parte dalla quale si stende nell'onde con ardito spatio la luxuriosa casa.

[2] Codice dei Servi, XIV sm. (ferr.), 1, pag. 215.11: sì che in la bocha rixo non temperao e dissoluto, in le vestimente del corpo ornamento più luxurioso e soperchio et andamento più roto e no componuo sia tolti via.

3 Fuori misura, smodato.

[1] a Lucano volg., 1330/1340 (prat.), L. X [Phars., X, 155-171], pag. 193.7: e quello che lo luxurioso furore aquistò per tutto il mondo con vana ambitione, non comandantelo la fame...

3.1 [Rif. al cibo:] eccessivo per golosità.

[1] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 2, cap. 1, vol. 1, pag. 67.32: la temperanza era quasi commu mamma di la lur sanitati, jnimica a li luxuriusi vidandi et multu remota da superchu biviri...

[u.r. 27.01.2017]