TAPINELLO agg./s.m.

0.1 taipinella, taipinello, tapinel, tapinella, tapinelle, tapinelli, tapinello, taupinella, taupinelle, taupinelli, taupinello, taypinella, topinella, topinelli, ttaupinella.

0.2 Da tapino.

0.3 Bestiario moralizz., XIII (tosc./aret.-castell.): 2.

0.4 In testi tosc.: Poes. an. (ed. Panvini), XIII (tosc.); a Lucidario pis., XIII ex.; Boccaccio, Filostrato, 1335-36 (?); Cavalca, Rime (ed. Fiacchi), a. 1342 (pis.); Dom. da Monticchiello, Rime, 1358 (sen.).

In testi sett.: Caducità , XIII (ver.); Laud. Battuti Modena, a. 1377 (emil.).

In testi mediani e merid.: Poes. an. urbin., XIII; Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.); Passione cod. V.E. 477, XIV m. (castell.); Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.); Destr. de Troya, XIV (napol.).

0.5 Anche s.f. (tapinella).

Locuz. e fras. anima tapinella 1.2; lassa tapinella 1.3; lasso tapinello 1.3; morire siccome tapinello 1.1.

0.7 1 Gravato da una situazione difficile, da un dolore emotivo, da una pena amorosa; misero, infelice, sventurato. 1.1 Sost. 1.2 [In contesti penitenziali]. 1.3 [In esclamazioni di autocommiserazione]. Lasso tapinello, lassa tapinella.

0.8 Nicola Pacor 10.10.2016.

1 Gravato da una situazione difficile, da un dolore emotivo, da una pena amorosa; misero, infelice, sventurato.

[1] Poes. an. (ed. Panvini), XIII (tosc.), 32.9, pag. 535: lungo tempo è passato / ch'io degio aver marito, / e tu non lo m'ài dato; / quest'è malvagio invito, / ch'io sofro, tapinella.

[2] Tristano Ricc., XIII ex. (tosc.), cap. 3, pag. 15.29: Molto si chiamava lassa e ttaupinella di questa grande disaventura.

[3] Poes. an. sic.-tosc.>mant., XIII ex., 7, pag. 48: Suspirava una pulcela, / tuto lo giorno plançea: / «Deo, ke feraio, / de que lu, com' persona bela, / van' in terra de Soria, / en quelo viag[i]o? / Komo faraio, tapinella, / ka i' lo meo cor in bailia / dato li aio?

[4] Boccaccio, Filostrato, 1335-36 (?), pt. 5, ott. 43.6, pag. 168: Ogni altra donna a veder gli era grave, / quantunque fosse valorosa e bella; / ogni sollazzo, ogni canto soave, / noioso gli era non vedendo quella, / nelle cui mani Amor posto la chiave / avea della sua vita tapinella.

[5] Niccolò da Poggibonsi, p. 1345 (tosc.), cap. 202, vol. 2, pag. 115.5: Or chi avesse veduto questi tapinelli peregrini andare per lo diserto d' Arabia, ch' è lo maggiore diserto e lo più pericoloso del mondo, che non ci si trova niuno bene...

[6] Passione cod. V.E. 477, XIV m. (castell.), 1329, pag. 74: Fillio mio, tu non te senti / de la tua madre taupinella, / prego tee, or me favella, / doname alcuno conforto...

[7] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), quart. 622, pag. 140: Perché so stati in Aquila multi peccati granni, / Jesu Christo à revolti sopre nui li tyranni, / Che ne à menati ad pomece con vituperj et danni; / [[...]] Bone à de questo dolerese lo comune tapinello!

[8] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 22, pag. 198.28: Che se dicerà, adunqua, de la regina Ecuba matre soa? Che se dicerrà delle taupinelle sorrelle Polissena e Cassandra?

1.1 Sost.

[1] Caducità , XIII (ver.), 120, pag. 658: Li fiioli e <l>i parenti t'avilixo / e li toi fati tuti g'ensorisso, / e spesse volte prega Iesù Cristo / per la toa morto, oi tapinello tristo...

[2] Jacopone, Laud. Urbinate, XIII ui.di. (tod.), 3.27, pag. 493: O' so' l' appostoli poverelli / ke Cristo amava plu ke kivelli? / So' desperati li taupinelli, / tristi et afflicti in lor mantelli.

[3] Passione cod. V.E. 477, XIV m. (castell.), 816, pag. 61: Alora Iuda traditore / se partìo con grande dolore; / et una fune tosto prese, / et per la gola sì s'apese. / Li principi sapendo quello, / no 'nde curaro del taupinello, / ma li denari k'avea getati / tosto li ebbero repiliati.

[4] Sacchetti, Trecentonovelle, XIV sm. (fior.), 160, pag. 389.19: In questo tempo il Podestà domanda i tavernai che aveano menato preso il tapinello, quello che colui avea fatto.

[5] Francesco di Vannozzo, Rime, XIV sm. (tosc.-ven.), [1379] 79.398: Gran pesce è la balena, / ma la serena - va con canti belli, / enfin che i topinelli - à perfondato.

- Fras. Morire siccome tapinello: patire una fine dolorosa e triste.

[6] A. Pucci, Centiloquio, a. 1388 (fior.), c. 80, terz. 90, vol. 4, pag. 65: i qua' trenta impiccar fe di novello, / e Messer Guccio in pregion per modi strani / fe morire siccome tapinello.

- Femm.

[7] Laudario S.M. d. Scala, XIII ex./XIV po.q. (tosc.), 11.9, pag. 137: O figliuol mio, persona bella, / manda conseglio a la povarella! / Gironne trista, la tapinella...

[8] Laud. Battuti Modena, a. 1377 (emil.), 35.34, pag. 73: O fiolo meo, persona bella, / manda a la poverella, / che sum la tapinella, / che te veço in croxe como ladronne.

1.2 [In contesti penitenziali].

[1] Bestiario moralizz., XIII (tosc./aret.-castell.), 56.7, pag. 852: Or vedi, peccatore taupinello, / [[...]] / nella primera 'tade fosti puro, / adorno de bellissime virtuti / [[...]] / ora se' facto tanto vile e oscuro...

[2] Laude cortonesi, XIII sm. (tosc.), 4.17, vol. 1, pag. 103: O taupinella e folle gente, / tornate a Dio omnipotente, / ke ne fece de nïente, / ed a lui dovém tornare.

[3] Legg. S. Caterina, XIV in. (tosc.), str. 27.6, pag. 495: voi siete come lanterna ispenta, / tapinelli che guardate il pelo nell' uovo...

[4] Preghiera alla Vergine, XIV in. (ver.), 409, pag. 98: Perçò en questa hora eo tapinella endegna / a pe' de li pei vostri çetar me vojo adeso...

[5] Laudi Battuti di Udine, XIV m. (tosc.-ven.), 4.53, pag. 38: Oimè, carne topinella, / come tu e' fresca e bella, / tu dei andar sotto la terra / e li vermi t'averà a manzare.

- Anima tapinella.

[6] Bestiario moralizz., XIII (tosc./aret.-castell.), 35.1, pag. 810: De ke t'alegri, anima taupinella, / ke ài offeso a l'alta signoria?

[7] Poes. an. urbin., XIII, 13.29, pag. 567: Alta regina matutena stella, / fra tucti i sancti tu ssi' la plu bella: / l'anema mia, così tapinella, / tèlla, Madonna, in tua bailia.

[8] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 14.61, pag. 52: Anema mia tapinella, - guàrdate da tal ostire: / lo cielo te fo perdire - e lo 'nferno ha' 'n redetato.

[9] Canzoniere del sec. XIV, a. 1369 (tosc.occ.), 35 [Antonio da Ferrara].16, pag. 74: Maladetto il voler<e> ch'accese il padre / de le mie triste membre / di spargere el suo seme e 'l mio dol[e]re. / Poi maledico el corpo de la madre / dove s'agiunse insembre / l'anima taupinella e questa pasta, / dogliosa più che quella di Jocasta.

[10] S. Caterina, Epist., 1367-77 (sen.), [1376] lett. 79, pag. 321.20: ma non si curano dell' anima tapinella, che si muore di fame, però che le tolgono el cibo della virtù e della santa confessione.

[11] Neri Pagliaresi, XIV sm. (sen.), pt. 7, 10.6, pag. 87: e io vo' ritornar per gir di sopra, / omai, nel gran deserto, a la mia cella, / a penetenzia far, sì che non copra / infernal fiamma l'alma tapinella.

1.2.1 Sost.

[1] Bestiario moralizz., XIII (tosc./aret.-castell.), 43.6, pag. 826: La noctola, de sì vile natura, / né bestïa non pare né ucello, / [[...]] / e [i]schifa lo giorno kiaro e bello. / Così fa l'omo ke 'n pec[c]ato dura: / non se lascia veder lo taupinello / a quelli ke de l'alma tengo cura...

[2] Poes. an. urbin., XIII, 41.61, pag. 624: Cristo demustri li pedi e le mano / o' stecter li clavelli / per liberare l'omo primerano / e ll'altri tapinelli / k[ed] erano caduti cusì in vano...

[3] a Lucidario pis., XIII ex., L. 3, quaest. 62, pag. 118.7: lo Nostro Singnore sì li dannerà a grande rascione et farane cusì come uno lamento, come se Elli dicesse: «O taupinelli che siete venuti a la sentensia di dannassione...

[4] Jacopone, Laud. Urbinate, XIII ui.di. (tod.), 9.183, pag. 518: Li taupinelli iammai non ò posa / da k' entrano la porta tenebrosa. / L' alma ke fo creata pretïosa / a lo Nemico poi devenne sposa...

1.3 [In esclamazioni di autocommiserazione:] lasso tapinello, lassa tapinella.

[1] Poes. an. (ed. Panvini), XIII (tosc.), 1.13, pag. 461: Oi lassa tapinella, / come l'amor m'à prisa!

[2] Laudario S.M. d. Scala, XIII ex./XIV po.q. (tosc.), 8.13, pag. 70: A ccui m'apiglio, - lassa taupinella?

[3] Cavalca, Rime (ed. Fiacchi), a. 1342 (pis.), Poichè non fuggi, 7, pag. 82: O lasso tapinel, di cui t'imbardi / Ben mostri che fondasti nella rena.

[4] Laudario Magliabech., XIV sm. (fior.), 15.9, pag. 72: Figliuolo mio, persona bella, / manda consiglio alla poverella; / gironne laxa taupinella / k'agio perduto Cristo d'amore.