CINQUANTA num.

0.1 chinquanta, cimquanta,cincuannta, cinquannta, cinquant', cinquanta, çinquanta, cinquante, cinquata, cinquantta, cinquatta, ciquanta, ciquata, ciquatta, ciquta, zinquanta. cfr. (2) cencinquanta, centocinquant', centocinquanta, centoçinquanta, centocinquantacinque, centocinquantadue, centocinquantamila, centocinquantanno, centocinquantatre, centocinquantuno, cientocinquanta, cientociquata, cimquantadue, cimquantasei, cimquantuno, cinquantacinqu', cinquantacinque, cinquantadoi, cinquantadue, cinquantaduo, cinquantamila, cinquantamilia, cinquantanove, cinquanta-oto, cinquantaotto, cinquantasei, cinquantaseimila, cinquantasette, cinquantassette, cinquantatre, cinquantatrè, cinquantatré, çinquantatrè, cinquantaun', cinquantauno, cinquantecinque, cinquantedue, cinquantenove, cinquantessette, cinquantetre, cinquantoto, cinquantotto, cinquantottomilatrecento, cinquanttaotto, cinquanttasei, cinquantun, cinquantuna, cinquantuno, cinquatotto, cinquattotto, cinquecentocinquanta, cinquecentocinquantacinque, cinquecentocinquantamila, cinquecentocinquantatre, cinquecientocinquantasei, ciquatuno, doiecentocinquanta, ducentocinquanta, dugencinquanta, dugencinquantadue, dugencinquantanove, dugencinquantaquattro, dugencinquantasei, dugencinquantasette, dugencinquantatrè, dugencinquantotto, dugentocinquanta, dugentocinquantacinque, dugentocinquantamila, dugentocinquantasette, millecinquantacinque, milledugentocinquanta, milletrecentocinquanta, milletrecentocinquantuno, milletrecientocinquantadue, milletrecientocinquantuno, novecentocinquanta, novecentocinquantatrè, ottocentocinquanta, ottocentocinquantanove, quattrocentocinquanta, secientocinquanta, seicentocinquanta, settecencinquanta, settecencinquantuno, settecentocinquanta, trecencinquanta, trecentocinquanta, trecentocinquantamila, trecentocinquantanove, trecentocinquantaquattro, trecentocinquantasette, trecentocinquantatre.

0.2 Lat. quinquaginta (DELI 2 s.v. cinquanta ).

0.3 Doc. fior., 1211: 1.

0.4 In testi tosc.: Doc. fior., 1211; Mattasalà, 1233-43 (sen.); Doc. prat., 1275; Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.); Stat. pis., 1304; Stat. pist., 1313; Doc. lucch., 1332-36; Stat. volt., 1336; Doc. amiat., 1360.

In testi sett.: Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Sermoni subalpini, XIII (franco-piem.); Legg. S. Caterina ver., XIV in.; Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311; Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.); Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342; a Doc. ver., 1355; Doc. moden., 1374; Serapiom volg., p. 1390 (padov.); Codice dei Servi, XIV sm. (ferr.).

In testi mediani e merid.: Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.); Buccio di Ranallo, S. Caterina, 1330 (aquil.); Annali e Cron. di Perugia, c. 1327-36 (perug.); Lett. napol., 1353; Doc. orviet., 1339-68; a Stat. viterb., 1384; Doc. castell., 1361-87; Anonimo Rom., Cronica, XIV; Destr. de Troya, XIV (napol.).

In testi sic.: Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.); Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.).

0.7 1 Il numero cardinale formato da cinque volte dieci unità. 1.1 [In composizione con altri numerali:] cinquanta e quattro cotanto: cinquantaquattro volte tanto. 2 [In composizione con altri numerali].

0.8 Giulio Vaccaro 20.06.2008.

1 Il numero cardinale formato da cinque volte dieci unità.

[1] Doc. fior., 1211, pag. 36.9: It. lib. ci(n)qua(n)ta di nuovi...

[2] Mattasalà, 1233-43 (sen.), pag. 38r.7: (e) cinquanta s. ne dà Marinelo...

[3] Doc. prat., 1275, pag. 520.20: Ser Maçeo notaio p(er) salario d'una charta di ci(n)qua(n)ta livre...

[4] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De quinquaginta curialitatibus ad mensam, 3, pag. 315: Dre cortesie cinquanta ke 's den servar al desco / Fra Bonvesin dra Riva ve 'n parla mo de fresco.

[5] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. II, dist. 3, cap. 3, pag. 104.15: e anco de tutti li numeri articuli, de li quali elli è capo, e vegnono e nascono da esso, come vinti, trenta, quaranta, cinquanta...

[6] Gl Sermoni subalpini, XIII (franco-piem.), 12, pag. 259.3: cinque vjaes dez, zo son cinquanta.

[7] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 16.17, pag. 56: cinquant'anni entier compiude deiunar non fui allentata.

[8] Stat. pis., 1304, cap. 23, pag. 670.20: Et possano et debbiano punire et condempnare li predicti incolpati, et catuno di loro, in fine in livre cinquanta, inspecta la qualitate del fatto et de la persona; et divietare in perpetuo dell' arte.

[9] Legg. S. Caterina ver., XIV in., 733, pag. 281: Ecco di gi savii êl numero de çinquanta, / ke de la scritura sì àn enpreso tanta, / k' i sun fati filosofi, maistri e doctori, / de savere scritura ig' èn pur gi mejori...

[10] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 12.349, pag. 139: Lo re chi lantor veiva / che defender no se poeva, / ocultamenti fé venir / cinquanta maistri sotir / de scientia e dotrina, / per desputar con la fantina...

[11] Stat. pist., 1313, cap. 41, pag. 199.10: che li oficiali siano tenuti di farlo lasciare e ponere in della p(ri)ma libertà, sança pagare alcuna quanitità di pecunia ad alcuna p(er)sona, a pena di cinqua(n)ta livre a ki contra ciò facesse...

[12] Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.), c. 10, 73-84, pag. 300, col. 1.12: Or par ch'ello voglia dire: ello non serrà la faza della Donna che qui rege cinquanta fiate racesa, zoè ello non passarà cinquanta novellazioni di luna, zoè cinquanta mesi, che tu serai cazado.

[13] Buccio di Ranallo, S. Caterina, 1330 (aquil.), 562, pag. 381, col. 2: davanti allo Re andaro; / e for ben cinquanta, / secundo che lla storia canta.

[14] Annali e Cron. di Perugia, c. 1327-36 (perug.), pag. 156.4: Àvvero egl cavaliere per ciascuno de loro e per ciascuno dì da la camora del comuno fiorino uno d' oro per ciascuno de loro; fuoro pagate per cinquanta dì.

[15] Stat. volt., 1336, cap. 12, pag. 16.7: i decti consoli et camarlingo sieno tenuti et debbano far dare et pagare a' sopradecti chi ciò faranno le decte quantità infra 'l tempo del loro officio, a pena di soldi cinquanta di denari per ciascuno di loro et per ciascuna volta che contrafacesse.

[16] Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.), L. 2, cap. 2, pag. 41.2: e poy li chinquanta annj in susu lu caluri naturalj accominza a rrefridarj...

[17] Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342, cap. 25, pag. 121.3: Et inlor, conpii cinquanta dì da la sancta Pasqua de resurrection, fo mandao da Cristo quello don altissimo, çoè lo Spirito Sancto in forma de lengue de fiama de fogo...

[18] Stat. perug., 1342, L. 1, cap. 2, par. 1, vol. 1, pag. 16.21: se le dicte cinquanta livre non pagasse, per cinque angne degga essere sbandito.

[19] Lett. napol., 1353, pag. 123.2: Façove assap(er)e che Cola da Fricto me ave dato cincua(n)nta florini de auro p(er) parte de la (con)tessa de Catançano...

[20] Doc. orviet., 1339-68, [1353], pag. 133.7: El cieriiu di pomaiuoli cinqua(n)ta lb.

[21] a Doc. ver., 1355, pag. 316.4: conçarse en quella casa e adornarla segondo el so ben piaxero cinqua(n)ta lb. de dinari v(er)onisi piçoli e no oltra.

[22] Doc. amiat., 1360, pag. 85.21: e q(u)ali s'ebero di provedigione de' detti cinq(u)anta fior. da detto Ioh(ann)i di Bindoçço.

[23] Doc. moden., 1374, par. 3, pag. 154.27: dare et restituere a lue i predicti dinari e colt[r]a en somer cinquanta libr.

[24] a Stat. viterb., 1384, cap. 50, pag. 194.19: ordinamo che nullo macellaio compari né faccia comparare da nullo foristiero porcho, che primamente ricepi la ricolta che tale porcho non sia vacato, et sia inteso se uno vaco solo fosse trovato, alla pena di cinquanta soldi; che nulla carne vacata venda alla decta pena.

[25] Doc. castell., 1361-87, pag. 213.20: p(ro)mise p(er) cinqua(n)ta barili d(e) vino p(er)uscini...

[26] Serapiom volg., p. 1390 (padov.), Erbario, cap. 155, pag. 160.11: La somma de quello che se recoie oni anno è da cinquanta p(er)fina a sexa(n)ta cotoli...

[27] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 8, pag. 36.18: Cinquanta palafreni avea da soa cossa.

[28] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 10, pag. 117.9: simmo plu di cinquanta caporale assemblate co lo sfuorzo nuostro...

[29] Codice dei Servi, XIV sm. (ferr.), 1, pag. 216.2: diga çascauno che sa létere «Miserere mei, Deus» cinquanta fiae...

1.1 [In composizione con altri numerali:] cinquanta e quattro cotanto: cinquantaquattro volte tanto.

[1] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. II, dist. 8, cap. 3, pag. 197.30: tali so' magiuri settanta e doe volte cotanto, e tali so' magiuri cinquanta e quatro cotanto, e tali so' trenta e sei volte cotanto...

2 [In composizione con altri numerali].

- Cinquantuno, cinquanta e uno.

[1] Mattasalà, 1233-43 (sen.), pag. 33r.13: lo venduto (è) diecesete staia a tre s., monta cinquanta (e) uno s., dispeserosi...

[2] Doc. sen., 1277-82, pag. 26.21: Ancho XVIII sol. nel dì da Chasino sartore a vendite in f. cinquantuno.

[3] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. I, cap. 3, pag. 7.16: E questo cerchio ch'è detto zodiaco è declinato dal cerchio de l'equatore da ogne parte vinti e tre gradi e cinquanta e uno menuto...

[4] Tesoro volg., XIII ex. (fior.), L. 3, cap. 3, pag. 27.23: elli ha sette arcivescovi, e cinquantuno vescovi.

- Cinquantadue, cinquanta e due.

[5] Mattasalà, 1233-43 (sen.), pag. 41v.27: soma p(er) tuto questo lato cinquanta (e) due l. (e) quatordici s.

[6] Doc. sen., 1263, pag. 333.11: (e) l'atre due letere di ci[n]qua[n]ta due li. ongne una...

[7] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. II, dist. 8, cap. 22 bis, pag. 244.31: Adonqua sarà l'anno o cinquanta e una stomana, li quali so' trecento cinquanta e sette die, o cinquanta e doe stomane, le quali so' trecento sesanta e quattro die...

[8] Doc. fior., 1255-90, pag. 249.10: fecie l'azione s(er) Borghese da Vitorini (e) la pri[n]cipale s(er) Gottollo da Vitorini al ci[n]quanta due d'ottobre.

[9] Doc. lucch., 1332-36, pag. 136, col. 1.23: ebbe Bordo [[...]] fior. cinquanta due e s. xxxiiij dr. viiij...

[10] Doc. aret., 1349-60, pag. 175.16: e 'l peçço montaro li. cinquantadoi s. seddeci...

[11] Maramauro, Exp. Inf., 1369-73 (napol.>pad.-ven.), Prologo, pag. 81.22: La qual opera cominciai io in Napoli ne li anni de mia età de cinquantadoi...

- Cinquantatré, cinquanta e tre.

[12] Mattasalà, 1233-43 (sen.), pag. 38r.16: i quali d. [fuoro] vinti e cinque s. di Poltracio (e) vinti s. di Marinello (e) quindici s. di Dietisalvi (e) cinquanta (e) tre s. del fondacho.

[13] Doc. fior., 1255-90, pag. 220.13: De(m)mo a mes(er) Kavalka lb. xvi (e) s. xv tra tre volte, ke n'ebe Geri del Bello s. cinqua(n)tatré, (e) li altri ebe in sua mano.

[14] Doc. venez., 1312 (4), pag. 88.3: se llo dicto Çane de Marchessin pò aver quella car(ta) ch' el ebia li florini çinquantatrè et se no ch' elo no li sia dadho niente.

[15] Cavalca, Vite eremiti, 1321-30 (pis.>fior.), Vita di s. Maria Egiziaca, cap. 1, pag. 195.13: essendovi stato già anni cinquantatré, e vedendosi perfetto monaco in ogni osservanza monacile, vennegli un pensiero di superbia...

[16] Doc. lucch., 1332-36, pag. 112.1: It. denno avere ditto die per lbr. cinquanta tre uc. otto di testoio chotto inchannato e non inchannato di tute ragioni...

- Cinquantaquattro, cinquanta e quattro.

[17] Mattasalà, 1233-43 (sen.), pag. 37v.2: fuoro li d. da Buonosignore cinquanta (e) quatro s.

[18] Bono Giamboni, Orosio, a. 1292 (fior.), L. 1, cap. 2, pag. 17.18: i quali tutti sono genti cinquanta e quattro.

[19] Libro Gallerani di Parigi, 1306-1308 (sen.), pag. 137.12: E cinquanta quattro s. otto d. par. n'avemo scritti a nostre spese inançi. fo. LV.

[20] Libro vermiglio, 1333-37 (fior.), pag. 40.32: E de dare a dì XVI di diciebre 333 angnielli cinquanta quatro e uno quarto, i quali furono per una charicha di pepe che Lapo Chorbizzi choperò per la Giovanna...

[21] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), quart. 62, pag. 13: Correa li anni Domini, como correa in pacta / L'anno che edificaro, anni mille et duicento / Et poy cinquanta quatro, credate che non mento...

[22] Doc. castell., 1361-87, pag. 173.5: resta a dare a lui soldi ci(n)quanta e quactro...

- Cinquantacinque, cinquanta e cinque.

[23] Mattasalà, 1233-43 (sen.), pag. 40v.15: It. viij l. m. xxx d. i quali diè Buonosignore cinquanta (e) cinque s.

[24] Doc. fior., 1272-78, pag. 461.31: E quessto diie medesimo cha(n)biamo quessta terra cho(n) Cha(n)ci Siminetti di Visdomino a cinqua[n]tacinque isstaiora di terra che ci diede...

[25] Libro Gallerani di Parigi, 1306-1308 (sen.), pag. 131.14: Costa cinquantacinque s. par. di capitale.

[26] Stat. perug., 1342, L. 1, cap. 38, par. 5, vol. 1, pag. 148.1: L'arte dei calçolare uno camorlengo e cinquantacinque rectore...

[27] Doc. castell., 1361-87, pag. 194.17: It. una capra de q(ue)lle d(e) Piero del Faccia, ch(e) no(n) se dè a Malaca(r)ne, ex(timata) p(er) lui stesso soldi ci(n)quanta e ci(n)que.

[28] Ranieri Sardo, 1354-99 (pis.), pag. 123.17: si dicie erano cinquanta cinque migliaia o più.

- Cinquantasei, cinquanta e sei.

[29] Lett. sen., 1262, pag. 287.8: (E) la badesa del Giardino Nostra Dama à fato il somelia[n]te di cinquanta (e) sei l. q(ue) ci dieno dare chon Iachomo Uguicione.

[30] Doc. sen., 1263, pag. 335.14: (e) di Vitali Durelini ne sono cie[n]to tre[n]tauna li. m(eno) cinqua[n]tasei d. di p(ro)ve.

[31] Doc. fior., 1279-80, pag. 491.32: Montta lb. cinquanttasei e s. diece raig.

[32] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. II, dist. 1, cap. 3, pag. 54.18: cinquanta e sei millia da quella cità enverso lo cancro sarà empedementita l'abetazione per la biada e per le frutta...

[33] Francesco da Buti, Inf., 1385/95 (pis.), Proemio, pag. 9.28: Ultimamente ridotto in Ravenna, avendo già cinquanta sei anni e quattro mesi, come catolico cristiano finio sua vita, a di' 14 di settembre 1321 e fu sepolto alla chiesa de' Frati minori...

- Cinquantasette, cinquanta e sette.

[34] Lett. sen., 1265, pag. 406.31: Isterlino al chanbio cinquanta (e) nuove s. lo mar. Ariento di Friborgho buono cinquanta (e) sete s. (e) sei d. lo mar.

[35] Doc. fior., 1281-87, pag. 16.26: (E) anke li ave(n) dato cinqua(n)tasette fiorini d'oro e s. xxvj p. due dì di febbraio nel'otta(n)tacinque.

[36] Libro Gallerani di Parigi, 1306-1308 (sen.), pag. 149.23: Per lo vecchio libro, fo. cinquantassette.

[37] Doc. lucch., 1332-36, pag. 111.26: It. denno avere die vij settenbre per orditi cinquantanove bianchi lbr. cinquanta sette, per lb. viiij s. *** lbr., lb. v.c.xiij.

[38] Doc. orviet., 1339-68, [1353], pag. 133.4: El cieriiu di muratori cinqua(n)ta e sette lb.

- Cinquantotto, cinquanta e otto.

[39] Doc. fior., 1278-79, pag. 465.20: fuoro kanne ci[n]quantotto e u· bracio e terzo...

[40] Doc. sen., 1277-82, pag. 21.26: Ancho XXII lib. nel dì da domino Tato Nero a devito in f. cinquanta et otto.

[41] Doc. sen., 1277-82, pag. 21.28: da domino Tato a devito in f. cinquantotto.

[42] Doc. prat., 1293-1306, pag. 186.33: Demo a Bettino dipi(n)tore, p(er) cho(m)pime(n)to de' ci(n)qua(n)ta otto soldi de' denari che lli dovavamo dare delle dipi(n)ture che ffece al Ceppo...

[43] Anonimo Genovese (ed. Contini), a. 1311, 8.180, pag. 734: Ma quelo jorno anti noto / rezevém messo de novo / che for' dexe mij' a provo / n' era arrivâ cinquanta-oto...

- Cinquantanove, cinquanta e nove.

[44] Lett. sen., 1262, pag. 280.19: il (chon)tio cinquanta (e) nuove s. tor.

[45] Doc. fior., 1272-78, pag. 456.32: a Cha(n)ci Siminetti di Visdomini livere cinqua(n)tanove e s. diciennove (e) d. cinque...

[46] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. I, cap. 23, pag. 37.11: en questo tempo corre lo sole e·ll'orbe de li segni cinquanta e nove menuti e otto secondi...

[47] Libro Gallerani di Parigi, 1306-1308 (sen.), pag. 192.24: E cinquantenove lb. par. scritti a guadangno inançi. fo. L.

[48] Doc. lucch., 1332-36, pag. 111.25: It. denno avere die vij settenbre per orditi cinquantanove bianchi lbr. cinquanta sette...

[49] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), quart. 62, pag. 13: L'anno che edificaro, anni mille et duicento / Et poy cinquanta quatro, credate che non mento; / Alli cinquanta nove fo lo sconciamento; / Fra quisti cinque anni no vi fo accasamento.

- Centocinquanta.

[50] Doc. fior., 1211, pag. 34.19: It. die avire s. xxii m(eno) d. i <p(er) ra> p(er) la rascio(ne) dele cie(n)to ci(n)qua(n)ta l. ke ssoda(m)mo.

[51] Doc. sen., 1277-82, pag. 88.2: Ancho XXXVIII sol. et II den. nel dì da Paganello et da Parabuoi a vendite in f. ciento cinquanta.

[52] Doc. venez., 1307, pag. 48.15: s'elo morisse çença redho, ch'elo romagna anchora libr. cento a mia sor Çaneta et libr. cento et cinquanta a mia sor Agnesina et lo romagnente deli dnr.

[53] Elucidario, XIV in. (mil.), L. 2, quaestio 76, pag. 172.6: e lo muro era spesso, zoè grosso, zinquanta braza e alto cento cinquanta.

[54] Stat. pis., 1330 (2), cap. 10, pag. 460.25: una compagna di CL homini, ad volontà delli Ansiani del populo di Pisa, per tre homini di quella capitania, che si debbiano eleggere dalli Ansiani; li quali siano dei dicti cento cinquanta.

[55] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 2, cap. 1, vol. 1, pag. 53.15: Spartimentu di maritu et di mulyeri da poy que Ruma fu facta fin a li centu et cinquanta anni no ndi fu fattu nullu.

[56] Doc. pist., 1337-42, pag. 138.7: E de avere, xxxj di marzo, per fio. cientocinquanta d'oro, che mmi diedeno per lui la detta compangnia de' Bardi a peso firentino, lb. ***.

[57] Stat. perug., 1342, L. 1, cap. 47, par. 1, vol. 1, pag. 163.32: i consigliere del dicto conselglo siano e essere deggano centocinquanta per ciascuna porta.

[58] Doc. orviet., 1339-68, [1353], pag. 132.37: El cieriiu di lanaiuoli cie(n)tu cinqua(n)ta lb.

[59] a Doc. ver., 1386 (3), pag. 441.10: debia fir vendua libera al d(i)cto Pompeio per prexio d(e) centocinqua(n)ta lbr. dr.

- Centocinquantuno, centocinquanta e uno.

[60] Doc. sen., 1277-82, pag. 88.11: da Provenzano a vendite in f. ciento ciquata et uno.

[61] Doc. sen., 1277-82, pag. 76.32: Ancho CC lib. nel dì da Bertoldino dell' Iscotti a devito in f. ciento cinquantuno.

[62] Libro vermiglio, 1333-37 (fior.), pag. 158.8: valsono a d. cinque pegio la pezza cho d. nove choronati che ne rendè fior. ciento cinquanta uno d'oro.

- Centocinquantadue, centocinquanta e due.

[63] Doc. sen., 1277-82, pag. 77.3: Ancho IIII.C lib. nel dì da Mino d' Ugieri a devito in f. ciento cinquanta et due.

[64] Doc. fior., 1348-50, pag. 219.21: Niccholò di Bono Rinucci e compagni deono dare in Firenze, adì XIIII di giennaio, anno detto, fior. cientocinquantadue d'oro e s. XVI d. III a oro.

- Centocinquantatré, centocinquanta e tre.

[65] Lett. sen., 1262, pag. 281.13: (E) ite(m) Cl lib. di p(ro)v. q(ue)d ò ricievuti in p(r)esta da Mino d(omi)ni Cristofani p(er) ciento cinquanta (e) tre l. a Sant'Aiuolo p(r)esente.

[66] Libro vermiglio, 1333-37 (fior.), pag. 76.36: Anche restò in chonto il detto messer Vidale cho Lapo Chorbizi che doveva intra lui e noi a dì XVI di novebre fior. ciento cinquanta tre s. X...

- Centocinquantaquattro, centocinquanta e quattro.

[67] Doc. sen., 1277-82, pag. 88.40: Ancho XXXVIII sol. et III den. venardì vinti et quatro dì di marzo da Guinigi a vendite in f. ciento ciquata et quatro.

[68] Doc. sen., 1277-82, pag. 132.10: a richolti in f. ciento cinquanta quatro.

[69] Libro vermiglio, 1333-37 (fior.), pag. 19.37: ponemo in questo libro che il detto Iachopo debia avere per lo detto chorpo innazzi a car. ciento cinquanta quatro.

- Centocinquantacinque, centocinquanta e cinque.

[70] Doc. sen., 1277-82, pag. 385.12: Ancho V lib. nel dì a Naddo Renaldi ch' è chiamato Piovanello a devito in f. cientociquata et cinque.

[71] Doc. fior., 1311-13, pag. 121.18: Guido Donati, che tiene il conto per noi in Fiandra, dè avere, dì 28 di dicenbre anno trecento undici, fior. cento cinquantacinque d'oro di Firenze...

- Centocinquantasei.

[72] Doc. sen., 1277-82, pag. 79.4: Ancho CC lib. mezedima dicieotto di entrante giennaio da Mino d' Ugieri a devito in f. ciento cinquanta et sei.

[73] Libro vermiglio, 1333-37 (fior.), pag. 4.26: Ànne dato a dì uno di gungnio anno MCCCXXXIII fior. ciento cinquanta sei e s. quindici ad oro...

- Centocinquantasette, centocinquanta e sette.

[74] Doc. sen., 1279, pag. 293.34: Di tuta questa ragione pare a me Luca che voi non abiate a fare piue iscrita che dele cinto [sic] cinquanta (e) sete lb. (e) diecie s. tor.

[75] Doc. fior., 1279-80, pag. 479.33: Montta lb. centto cinquantta sette e s. tredici e d. sette di ravg.

[76] Libro giallo, 1321-23 (fior.), pag. 38.2: Bartolommeo Raffachani dè dare, in kalen marzo 320, fior. ciento cinquanta e sette d'oro.

[77] Doc. lucch., 1332-36, pag. 136, col. 2.31: S(omma) cioe che àe avuto fior. cento cinquanta sette.

- Centocinquantotto, centocinquanta e otto.

[78] Doc. sen., 1277-82, pag. 102.44: Et anco XV lib. da Buonaventura Buceli a vendite in folio di cento cinquanta et otto.

[79] Doc. sen., 1277-82, pag. 136.15: Ancho XIIII lib. nel dì d' Aldobrandino Churadi a richolti in f. ciento cinquanta otto.

[80] Libro vermiglio, 1333-37 (fior.), pag. 69.37: Ànne dato a dì VII di gungnio MCCCXXXV fior. cinquanta due s. tredici d. IIII ad oro per lo terzo di fior. ciento cinquanta otto...

- Centocinquantanove, centocinquanta e nove.

[81] Doc. sen., 1277-82, pag. 90.41: da Ventura Raneri a vendite in f. ciento ciquata et nove.

[82] Doc. sen., 1277-82, pag. 387.34: X lib. giovidì nove dì di marzo a devito in f. ciento cinquanta nuove a domino Segieri.

[83] Bono Giamboni, Orosio, a. 1292 (fior.), L. 1, cap. 2, pag. 26.9: da Peloro al Pachino hae miglia cento cinquanta e nove...

[84] Libro vermiglio, 1333-37 (fior.), pag. 33.9: Ànne dato a dì VI di marzo MCCCXXXIII fior. ciento cinquanta nove d'oro di Piemote...

- Duecentocinquanta, duecento e cinquanta.

[85] Doc. sen., 1263, pag. 367.24: i q(uali) furo p(er) la sua parte di ducie[n]to cinqua[n]ta li. (e) quatrodici s.

[86] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. I, cap. 15, pag. 23.1: e vedemmo stare lo sole tutto coperto per spazio ch'omo potesse bene andare doicento cinquanta passa...

[87] Doc. fior., 1291-1300, pag. 627.20: come dicie al q(uaderno) per partite: promiseline mona Belizia di rendergline per la carta de le dugiento cimquanta lb. che noi demo a messer Rugieri Rosso...

[88] Doc. venez., 1313 (3), pag. 97.25: item lasso che sia dadho per Dio a poveri libr. duxento et çinquanta...

[89] Cavalca, Esp. simbolo, a. 1342 (pis.), L. 1, cap. 38, vol. 2, pag. 24.16: E Core con dugento cinquanta altri, li quali li seguitavano, furono arsi dal fuoco, che venne dal Cielo.

[90] Stat. perug., 1342, L. 1, cap. 47, par. 1, vol. 1, pag. 163.29: ei quagle consegliere del conselglo del popolo siano e essere deggano doiecentocinquanta, cioè cinquanta per ciascuna porta...

[91] a Stat. lucch., 1376, Libro 1, cap. 2, pag. 11.23: sensa alcuna detratione fiorini ducento cinquanta in sei paghe...

[92] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 9, pag. 54.26: Io ne viddi venire de questi bene da doiciento cinquanta a pede.

- Duecentocinquantuno, duecentocinquanta e uno.

[93] Doc. sen., 1277-82, pag. 144.38: Ancho XVII lib. nel dì da Tuttalana a vendite in f. dusiento cinquantuno.

[94] Doc. sen., 1277-82, pag. 170.4: i quali rechò Mino Froderigi da Fiorenza in dugetto ciquata et uno fiorini d' oro a la renduta di Guido Giontini...

[95] Libro vermiglio, 1333-37 (fior.), pag. 192.21: E de avere a dì XXVIII di settebre MCCCXXXVI fior. dugiento cinquanta uno e s. nove ad oro...

- Duecentocinquantadue, duecentocinquanta e due.

[96] Doc. sen., 1277-82, pag. 141.13: Ancho XVII lib. et V sol. nel dì da Pipino a vendite in f. dusiento cinquanta et due.

[97] Libro vermiglio, 1333-37 (fior.), pag. 47.21: Ànne dato a dì X di luglio MCCCXXXV fior. dugiento cinquanta due e s. quidici d. cinque ad oro...

- Duecentocinquantatré, duecentocinquanta e tre.

[98] Doc. sen., 1277-82, pag. 158.4: Ancho CLXXV lib. nel dì da Bindo Rosso a devito in f. dugetto ciquata et tre.

[99] Doc. sen., 1277-82, pag. 497.2: Ancho XX sol. nel dì a Bartalo Agustini a devito in f. dusiento cinquata tre.

[100] Quad. F. de' Cavalcanti, 1290-1324 (fior.), [1310], pag. 44.21: So(mma) fior. d'oro dugiento cinquantatre s. quattro d. diece a fior.

- Duecentocinquantaquattro, duecentocinquanta e quattro.

[101] Doc. sen., 1277-82, pag. 142.37: fuoro in somma di cinquecento fiorini d' oro che rechò Mino Frederighi da Pisa et dusiento cinquanta et quatro fiorini d'oro ne pagò el detto Mino in Fiorenza.

[102] Libro vermiglio, 1333-37 (fior.), pag. 128.27: Ànne dato a dì XXIII d'ottobre MCCCXXXVI fior. dugiento cinquata quatro ed uno sesto...

- Duecentocinquantacinque, duecentocinquanta e cinque.

[103] Doc. sen., 1277-82, pag. 142.17: Ancho IIII lib. et XII sol. sabato sedici di entrante dicienbre da sere Ugo notaio a vendite in f. dusiento cinquanta et cinque.

[104] Doc. lucch., 1332-36, pag. 129, col. 1.22: infine a die xxxj dicenbre di iij.c.xxxiij lb. dugento cinquanta cinque, lb. CClv.

[105] Libro vermiglio, 1333-37 (fior.), pag. 78.22: E de dare detto die fior. dugiento cinquanta cinque e s. cinque ad oro...

- Duecentocinquantasei, duecentocinquanta e sei.

[106] Doc. sen., 1277-82, pag. 143.26: Ancho VIIII lib. et XII sol. et IIII den. nel dì da Gezo Dietavive a vendite in f. dusiento cinquanta et sei.

[107] Libro vermiglio, 1333-37 (fior.), pag. 22.9: E de dare a dì XX di gungnio anno detto fior. dugiento cinquanta sei di Piemote...

- Duecentocinquantasette, duecentocinquanta e sette.

[108] Doc. sen., 1277-82, pag. 144.4: Ancho XVIII sol. nel dì d' Antonio di domino Salenbene a vendite in f. dusiento cinquanta et sette.

[109] Doc. fior., 1348-50, pag. 201.1: Lapaccio Mazzetti e compagni deono dare, adì XVI d'aprile, anno MCCCXLVIII, lbr. dugento cinquanta sette e s. due d. sette a ffior.

- Duecentocinquantotto, duecentocinquanta e otto.

[110] Doc. sen., 1277-82, pag. 145.36: Ancho VIIII lib. nel dì da sere Sandro signore di San Pietro a vendite in f. dusiento cinquanta et otto.

[111] Doc. sen., 1277-82, pag. 144.19: Ancho VII sol. nel dì da Tuttalana a vendite in f. dusiento cinquantotto.

[112] Libro vermiglio, 1333-37 (fior.), pag. 183.12: Ànne dato a dì XXVIIII d'aghosto MCCCXXXV fior. dugiento cinquanta otto s. dodici d. quatro ad oro, i quali ponemo innanzi a car. CLXXIII.

- Duecentocinquanta e nove.

[113] Doc. sen., 1277-82, pag. 145.11: dal maestro Paganello a vendite in f. dugentto cinquanta et nove.

- Trecentocinquanta.

[114] Lett. sen., 1262, pag. 279.31: seciento quatordici l. di pepe q(ue) vendemo neto a quaranta (e) quatro l. la charicha, q(ue)d è tre ciento cinquanta l.

[115] Doc. prat., 1288-90, pag. 164.38: Ebbi, i quali ricevetti da' detti collettori della decima di no(n)n asenti di Kie(r)monte, dì XXJ di ge(n)naio a(n)no otta(n)ta otto, ke ne fuoro lb. cinquanta tor. piccioli (e) lb. trece(n)to ci(n)quanta kie(r)mo(n)tesi.

[116] Doc. lucch., 1332-36, pag. 131, col. 2.8: per lo danno che fece Matteo a Par(igi) del mese di fer(raio) di Miij.c.xxxiiij fior. trecento cinquanta d'oro, lb. Mxv...

[117] Libro vermiglio, 1333-37 (fior.), pag. 71.37: carta per mastro Piero Davicho di fior. treciento cinquanta d'oro a paghare di questo die in sette messi prossimi che veranno in Vignione o dove la chorte avenise che fosse alotta...

[118] Doc. bologn., 1366, pag. 87.25: A Augustino lasso livre trexento cinquanta che fo la dota de soa madre innançi parte...

- Trecentocinquantuno, trecentocinquanta e uno.

[119] Doc. sen., 1277-82, pag. 231.34: Ancho IIII lib. mezedima sette di entrante magio da Gianetto sartore a richolti in f. treciento cinquantuno.

[120] Doc. sen., 1277-82, pag. 211.6: VIIII den. nel dì da Dino et da Talomucio a vendite in f. treciento ciquata et uno.

- Trecentocinquantadue, trecentocinquanta e due.

[121] Libro Guelfo, 1276-79 (fior.), pag. 165.26: demoli p(er) loro a Betto med(e)simo loro sindaco, lb. trecento cinquanta due (e) s. due (e) d. due i(n) fiorini grossi d'ariento...

[122] Doc. sen., 1277-82, pag. 212.26: Ancho XXII lib. et IIII sol. nel dì da Sozino di domino Deo a vendite in f. treciento ciquata et due.

- Trecentocinquantatré, trecentocinquanta e tre.

[123] Doc. sen., 1277-82, pag. 212.32: Ancho XXIIII sol. nel dì da Salenbene a vendite in f. treciento ciquata et tre.

[124] Libro vermiglio, 1333-37 (fior.), pag. 166.28: Avvenne dato a dì uno di genaio MCCCXXXIIII fior. treciento cinquanta tre d'oro d. due ad oro...

- Trecentocinquantaquattro, trecentocinquanta e quattro.

[125] Doc. sen., 1277-82, pag. 213.6: Ancho XI lib. et V sol. VII den. nel dì da Goso Bartalomei a vendite in f. treciento ciquata et quatro.

[126] <Tesoro volg. (ed. Gaiter), XIII ex. (fior.)>, L. 2, cap. 48, vol. 1, pag. 368.15: di ciò addiviene egli, che li dodici mesi della Luna sono trecentocinquantaquattro dì.

- Trecentocinquantacinque, trecentocinquanta e cinque.

[127] Doc. sen., 1277-82, pag. 214.27: Ancho VI sol. et VI den. nel dì da Chigi Risaluti a vendite in f. treciento ciquata et cique.

[128] Libro vermiglio, 1333-37 (fior.), pag. 29.16: Ànne dato a dì uno di genaio MCCCXXXIIII fior. treciento cinquanta cinque e s. cinque d. due ad oro...

- Trecentocinquantasei, trecentocinquanta e sei.

[129] Doc. sen., 1277-82, pag. 215.4: Ancho XVI den. nel dì da Filipucio orafo a vendite in f. treciento ciquata et sei.

[130] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), quart. 1064, pag. 246: Correa li anni Domini, sì como scrivo io, / Trecento cinquanta sey, quando ella se partìo.

- Trecentocinquantasette.

[131] Doc. sen., 1277-82, pag. 216.37: Ancho VIII lib. nel dì da Mino del Grasso a vendite in f. treciento cinquanta sette.

[132] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. II, dist. 8, cap. 22 bis, pag. 244.30: Adonqua sarà l'anno o cinquanta e una stomana, li quali so' trecento cinquanta e sette die, o cinquanta e doe stomane...

[133] Francesco da Buti, Par., 1385/95 (pis.), c. 22, 112-123, pag. 618.30: trecentocinquantasette volte mille e cinquanta miglia...

- Trecentocinquantotto, trecentocinquanta e otto.

[134] Doc. fior., 1272-78, pag. 455.30: eberne trecie[n]to cinquanta otto fiorini d'oro p(er) soldi ventisette (e) medalia l'uno...

[135] Doc. sen., 1277-82, pag. 217.17: Ancho XI lib. et II sol. nel dì dal Biondo di Fiorenza a vendite in f. treciento cinquanta et otto.

[136] Doc. sen., 1277-82, pag. 217.2: dal fante di domino Nello a vendite in f. treciento cinquantotto.

- Trecentocinquanta e nove.

[137] Doc. sen., 1277-82, pag. 218.26: da Gionta vetraio a vendite in f. treciento cinquanta et nuove.

- Quattrocentocinquanta.

[138] Lett. sen., 1262, pag. 283.6: (E) ancho i rimasero le dete vi[n]ti (e) cinq(ue) l. (e) sete s. di dicienuove l. di pari. q(ue) i diei (chon)tianti in parisgini (e) in esterlino sop(r)a ai deti quatro ciento cinquanta mar.

[139] Doc. fior., 1311-13, pag. 108.10: fececene il decto Francesco Rinucci azione sopra i decti Goccia et Guillielmo di fior. quattrocento cinquanta d'oro per mano di ser Rinuccio Sapiti.

[140] Cavalca, Atti Apostoli, a. 1342 (pis.), cap. 17, pag. 98.9: diedele loro a possedere, quasi dopo quattrocentocinquanta anni ch' egli erano stati in Egitto.

- Quattrocentocinquantadue.

[141] Quad. F. de' Cavalcanti, 1290-1324 (fior.), [1314], pag. 59.3: sì che pare che gli Schali mi debbiano dare i(n) so(m)ma lb. quatrocento cinqua(n)tadue (e) s. IJ a fior.

- Quattrocentocinquantatré.

[142] Doc. fior., 1345, pag. 176.22: Io Luisi di messer Andrea de' Moççi debbo avere da Taddeo dell'Antella e da' compangni fiorini quatrociento cinquantatre d' oro...

- Quattrocentocinquantasei, quattrocentocinquanta e sei..

[143] Doc. sen., 1277-82, pag. 354.39: Ancho XXXIIII sol. et IIII den. nel dì a Nuccio vetturale da Chanporeno per vettura et per passagio di due balle di pani che rechò da Pisa che pesaro quatro ciento cinquanta et sei libre...

[144] Matteo Villani, Cronica, 1348-63 (fior.), L. 10, cap. 59, vol. 2, pag. 527.26: Trovârsi morti in picciolo spazio di campo dove porre si dovea la bastita quattrocentocinquantasei uomini...

- Quattrocentocinquantotto.

[145] Lett. sen., 1262, pag. 279.18: (E) ite(m) CCCv lib. (e) x s. di p(ro)v. p(er) le due parti di quatro ciento cinquantoto l. (e) cinq(ue) s. q(ue) ne rimasero di quatro ciento sesanta (e) cinq(ue) l. (e) dodici s. (e) sete d. q(ue) avemo choi nostri Parmisgiani...

- Quattrocentocinquantanove.

[146] Doc. fior., 1348-50, pag. 113.35: Iachopo di Charoccio e fratelli deono dare, dì VIIII di luglo CCCXLVIIII, fior. quattrocentocinquantanove d'oro, i quali demo per loro a Iachopo d'Asino...

- Cinquecentocinquanta.

[147] Doc. fior., 1306-25, pag. 90.18: avemone dugiento diecie fio. d'oro che li denmo ala badessa e ale do(n)ne del monistero di San Donato a To(r)ri, p(er) p(r)egio di lb. cinq(ue)ciento cinquanta piccioli p(er) dota dela Bilia ke vi mettemo...

[148] Cavalca, Esp. simbolo, a. 1342 (pis.), L. 1, cap. 26, vol. 1, pag. 223.15: correndo allora gli anni del Signore cinquecento cinquanta, celebrando il vescovo della Terra la messa, vide tre chiarissime gocciole di eguale grandezza venir da cielo in sull' altare...

- Cinquecentocinquantatre.

[149] Doc. fior., 1348-50, pag. 24.25: Ànne avuto, questo dì, fior. cinquecentocinquantatre d'oro e s. XVIIII d. VI a ffior.

- Cinquecentocinquantacinque.

[150] Bono Giamboni, Vegezio, a. 1292 (fior.), L. 2, cap. 7, pag. 46.15: La terza schiera simigliantemente ha pedoni cinquecentocinquantacinque e cavalieri sessantasei, ed è usato che siano uomini provati ed eletti, perchè nel mezzo delle schiere dimora.

- Cinquecentocinquantasei.

[151] Doc. fior., 1272-78, pag. 461.15: e quessti denari gli paghoie p(er) noi Ugho Pepi e Saseto f. Açi Sasetti e ' cho(n)pangni livere cinqueciento cinqua(n)tasei di pisani picioli, e lgli atri * * *.

- Cinquecentocinquantotto, cinquecentocinquanta e otto.

[152] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 2, cap. 1, vol. 1, pag. 62.5: Anni cinquicenti et cinquanta et octto stitiru li senaturi missitati cu lu populu a vidiri li ioghi.

[153] Valerio Massimo, prima red., a. 1338 (fior.), L. 2, cap. 1, pag. 128.13: E per cinquecento cinquantaotto anni il senato stette mischiato col popolo a vedere li giuochi.

- Seicentocinquanta.

[154] Doc. sen., 1277-82, pag. 219.26: Ancho MCLXVI lib. et VIIII sol. et II den. nel dì da Cienne Palmieri a ssua renduta in f. dusiento quarantuno in sei ciento cinquanta fiorini d' oro per trenta et cinque sol. et sette den. l' uno.

[155] Giovanni Villani (ed. Moutier) a. 1348 (fior.), L. 9, cap. 214, vol. 4, pag. 190.16: puosesi a campo alla villa d'Aiuolo presso a Prato a poco più d'uno miglio, con seicentocinquanta uomini a cavallo e con quattromila pedoni...

- Settecentocinquanta.

[156] Doc. sen., 1277-82, pag. 225.10: Ancho MCCCXLII lib. et XLV den. sabato dodici di entrante aprile da domino Mainetto della Scala a richolti in f. treciento quaranta et sei in setteciento cinquanta fiorini d'oro per trenta et cinque sol. et nuove den. et medallia l' uno.

[157] Dante, Convivio, 1304-7, III, cap. 11, pag. 216.2: Dico adunque che anticamente in Italia, quasi dal principio della constituzione di Roma - che fu se[tte]cento cinquanta anni [innanzi, o] poco dal più al meno, che 'l Salvatore venisse, secondo che scrive Paulo Orosio...

[158] Quad. F. de' Cavalcanti, 1290-1324 (fior.), [1321], pag. 33.31: A(n)no iscritti i detti settece(n)to cinqua(n)ta fior. d'oro i Peruççi che gli mi deono dare a· libro loro de la cho(n)pa(n)gnia de la tavola...

- Settecentocinquantuno.

[159] A. Pucci, Libro, 1362 (fior.), cap. 24, pag. 167.8: ciò fu nel settecento cinquantuno...

- Settecentocinquantacinque.

[160] A. Pucci, Centiloquio, a. 1388 (fior.), c. 2, terz. 42, vol. 1, pag. 19: Settecento cinquantacinque, dico, / correva, quando sì fatto guadagno / la Chiesa fe con quel Tiranno antico.

- Ottocentocinquanta.

[161] Doc. sen., 1277-82, pag. 149.16: Ancho M IIII.C LXXXXVII lib. et X sol. nel dì da Guido Giontini a sua arenduta in f. treciento diecie i quali ne diè Nicholuccio in ottociento cinquanta fiorini d' oro per trenta et cinque sol. l' uno.

[162] Giovanni Villani (ed. Moutier) a. 1348 (fior.), L. 9, cap. 97, vol. 4, pag. 95.29: e ivi su fece ricogliere da ottocentocinquanta cavalieri...

- Novecentocinquanta.

[163] Libro vermiglio, 1333-37 (fior.), pag. 27.18: E 'l detto singniore e 'l signiore di Ciasale rimase in chonto di dovere a Pentachosta MCCCXXXIII fior. noviciento cinquanta d'oro vechi...

- Novecentocinquantatre.

[164] Giovanni Villani (ed. Moutier) a. 1348 (fior.), L. 12, cap. 41, vol. 7, pag. 108.28: E in novecentosessanta, ovvero in novecentocinquantatrè anni fornite le quarantotto congiunzioni, e tornando alla prima, ch'è la più poderosa di tutte, chi cercherà indietro troverà il cominciamento dal calo della potenzia del romano imperio alla venuta de' Goti e de' Vandali in Italia...

- Millecinquantacinque.

[165] Doc. fior., 1348-50, pag. 77.36: E deono dare, dì XIII di marzo [M]CCCXLVIII, fior. millecinquantacinque d'oro...

[166] Francesco da Buti, Par., 1385/95 (pis.), c. 15, 139-148, pag. 457.20: questo Currado per quello, ch'io possa comprendere per le croniche, fu Currado primo che fu nel mille cinquantacinque...

- Millecentocinquantacinque.

[167] Ottimo, Par., a. 1334 (fior.), c. 20, pag. 458.25: Fu impertanto il detto re Guiglielmo nel mille cento cinquanta cinque da papa Adriano IV scomunicato come rubello della Chiesa...

- Millecentocinquantadue.

[168] Doc. sen., 1362-74 (2), [1370], pag. 380.33: come apare indietro in questo libro a fo. 16 mille cento cinquantadue fior. d'oro.

- Millecentocinquantotto.

[169] Giovanni dalle Celle, Lettere, 1347/94 (fior.), [1374] 4, pag. 262.1: questi fu nel mille cento cinquantotto, e fece un libro il quale si chiama il Papalisto...

- Milleduecentocinquanta.

[170] Doc. sen., 1277-82, pag. 32.5: Ancho MM IIII.C VI lib. et V sol. nel dì in mille dusiento cinquanta fiorini d' oro che ne rechò Meo Ranieri da Pisa...

[171] Giovanni Villani (ed. Moutier) a. 1348 (fior.), L. 9, cap. 257, vol. 4, pag. 226.9: ed havvi di misura infino alla porta Romana, ovvero detta di san Piero Gattolino, braccia milledugentocinquanta, e torri nove.

[172] Cronaca volg. isidoriana, XIV ex. (abruzz.), 7, pag. 220: Mille ducento cinquanta più che uno / erano cursi da sì nacque colui / che cce portò salutifero duno...

- Milleduecentocinquantuno.

[173] A. Pucci, Centiloquio, a. 1388 (fior.), c. 7, terz. 91, vol. 1, pag. 84: Milledugento cinquantun si noma, / che' Pistolesi furono assediati / da' Fiorentini...

- Milleduecentocinquantadue.

[174] A. Pucci, Libro, 1362 (fior.), cap. 43, pag. 304.1: Nel mille dugento cinquantadue, essendo i fiorentini a oste a Tizzano, venne loro novelle che pisani e sanesi avieno sconfitti i lucchesi a Monte Topoli...

- Milleduecentocinquantatré.

[175] A. Pucci, Centiloquio, a. 1388 (fior.), c. 8, terz. 92, vol. 1, pag. 96: Pistoia, che non sa regnar quieta, / l'anno mille dugencinquantatrè / i Guelfi cacciò fuor di se con pieta.

- Milleduecentocinquantaquattro.

[176] A. Pucci, Libro, 1362 (fior.), cap. 43, pag. 304.10: Nel mille dugento cinquantaquattro i fiorentini assediaron Volterra ed ebberla...

[177] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), quart. 23, pag. 6: Anni mille ducento cinquanta quatro giti, / Benché non ci stettero più che cinque anni forniti...

- Milleduecentocinquantacinque.

[178] A. Pucci, Centiloquio, a. 1388 (fior.), c. 8, terz. 34, vol. 1, pag. 90: Manfredi funne incoronato / a Monreale nel mille dugento / cinquantacinque...

- Milleduecentocinquantasei.

[179] A. Pucci, Libro, 1362 (fior.), cap. 43, pag. 304.19: Nel mille dugento cinquantasei i pisani ruppero la pace a' fiorentini e contra' patti cavalcaro sopra' lucchesi...

- Milleduecentocinquantasette.

[180] A. Pucci, Centiloquio, a. 1388 (fior.), c. 9, terz. 97, vol. 1, pag. 108: L' anno mille dugencinquantasette / Castel di Poggibonizi disfece / il Fiorentin, perchè di lui temette.

- Milleduecentocinquantotto.

[181] A. Pucci, Centiloquio, a. 1388 (fior.), c. 10, terz. 1, vol. 1, pag. 111: Calen di Agosto, ovver di Luglio al fine / era nel mille dugencinquantotto, / quando gli Uberti, e Case Ghibelline / trattar, che 'l popol fosse guasto, e rotto...

- Milleduecentocinquantanove.

[182] Leggenda Aurea, XIV sm. (fior.), cap. 61, S. Pietro martire, vol. 2, pag. 568.12: Ne gli anni Domini mille dugento cinquantanove, ne la città di Compostella, fue uno uomo che avea nome Benedetto...

- Milletrecentocinquanta.

[183] Doc. fior., 1311-13, pag. 107.20: E dè dare, dì 9 di novenbre anno decto, fior. mille trecento cinquanta d' oro, ebbe per noi da Paolo Rugieri di Roma...

- Milletrecentocinquantuno.

[184] Stat. fior., 1352, pag. 557.44: Nell' anno Domini mille trecento cinquantuno, del mese di gennaio...

- Milletrecentocinquantadue.

[185] Stat. sen., 1352, pag. 33.1: Mille trecento cinquanta due, ne la quinta indictione e a' dì vinticinque d'aprile.

[186] Stat. fior., a. 1364, cap. 66, pag. 147.30: Nell'anno della sua incarnatione mille trecento cimquanta due, indictione sexta, addì XIII di dicembre...

- Milletrecentocinquantatre.

[187] Stat. fior., a. 1364, cap. 69, pag. 151.10: Nell'an[n]o della sua incarnatione mille trecento cinquanta tre, nella settima indictione, addì sei del mese di dicembre.

- Milletrecentocinquantaquattro.

[188] Libro vermiglio, 1333-37 (fior.), pag. 47.10: La parte di Gherardo per la detta metà sie fue di resto detto die fior. mille treciento cinquanta quatro...

[189] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), quart. 936, pag. 215: Anni mille trecento cinquanta quattro stava; / Venne una grande compagnia, che per tempo durava...

- Milletrecentocinquantacinque.

[190] Stat. fior., a. 1364, cap. 71, pag. 155.14: Nell'anno del Nostro Segnore mille trecento cimquanta cinque, indictione nona, addì ventitre di dicembre...

- Milletrecentocinquantasei.

[191] Libro vermiglio, 1333-37 (fior.), pag. 95.2: Lapo Chorbizzi de dare a dì V di frebraio MCCCXXXIIII fior. mille treciento cinquanta sei d'oro...

[192] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), quart. 1068, pag. 247: Correa mille trecento cinquanta sey passati...

- Milletrecentocinquantasette.

[193] Doc. fior., 1348-50, pag. 157.32: E dè dare adì XVIIII di giugno MCCCXLVIIII, lbr. mille trecento cinquantasette e s. dodici d. diece a ffior.

[194] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), quart. 1086, pag. 252: Anni mille trecento cinquanta sette è stato / Quando lo Paladino fo morto et appiccato...

- Milletrecentocinquantotto.

[195] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), quart. 1089, pag. 254: Anni mille trecento cinquantotto correa / Quando lo re Aluisce in Napoli stegea...

[196] Doc. fior., XIV sm. (3), pag. 5.25: l' atro figliuolo à nome Andrea, il quale naque dì IIIJ di maggio ano milletrecento cinquantaotto...

- Milletrecentocinquantanove.

[197] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), quart. 1132, pag. 262: Alli mille trecento cinquanta nove contati, / Dello mese de decembero, ad dicissette dì intrati, / Venne la benedictione...

- Millequattrocentocinquantadue.

[198] Doc. fior., 1348-50, pag. 156.27: E deono dare, adì IIII d'ottobre MCCCXLVIIII lbr. mille quattrocento cinquantadue s. sette d. cinque a ffior.

- Milleseicentocinquantacinque.

[199] Libro Guelfo, 1276-79 (fior.), pag. 165.19: demo p(er) loro a Betto del Bieco sindaco de' detti capitani (e) Universitade detta lb. mille secento cinquanta ci(n)que (e) s. tre (e) d. sei i(n) fiorini grossi p(er) d. venti l'uno...

- Millesettecentocinquantaquattro.

[200] Doc. fior., 1345, pag. 170.13: E de' avere fiorini mille setteciento cinquanta quatro d' oro, pagò per loro a Nigro Capani da Melano, di novembre 344.

- Duemilacinquanta.

[201] Doc. fior., 1333-52, pag. 203.8: Somma tutta la stima che fue asengnata a Jacopo e Duccio ne la predetta partigione scritta da la carta quindici insino quie fior. dumilia cinquanta, perchè si mostra loro esere asengnato meno ch' è dovuta loro parte fior. milleciento d'oro...

- Duemilacinquantasei.

[202] Bibbia (04), XIV-XV (tosc.), 1 Esd 2, vol. 4, pag. 325.6: I figliuoli di Beguai, duo milia cinquantasei.

- Duemilacinquantotto.

[203] Lett. sen., 1262, pag. 282.28: c.lxxij lib. (e) xj s. di p(ro)v. p(er) le due parti di dumiglia cinquantoto l. (e) sedici s. (e) sei d. q(ue)d abo fato rasgione choi nostri Parmisgiani...

- Duemiladuecentocinquanta.

[204] Doc. prat., 1288-90, pag. 171.6: Diedi, vettura d'una piccola gibba, la quale mandai nella fiera di san Giova(n)ni, ke v' ebe entro lb. dumigla duge(n)to ci(n)quanta, lb. IIIJ s. XVJ tor.

- Duemilatrecentocinquanta.

[205] Doc. fior., 1333-52, pag. 203.24: per stima di fior. dumilia treciento cinquanta d' oro...

- Duemilaquattrocentocinquantacinque.

[206] Libro dell'Asse sesto, 1335-46 (fior.), [1341], pag. 139.4: i detti nostri ci asengnarono ch'aveano paghati più che non ci aveano preso per charichare a Gergenti salme duemilaquattrocento-cinquantacinque di formento in sulla coccha di Gherardo Mazza...

- Duemilacinquecentocinquantaquattro.

[207] Doc. lucch., 1332-36, pag. 129, col. 1.8: Bordo Pinelli de avere per die xviij marso ditto anno, li promettemo per Turellino Porcelli, e posti u devea avere areto in k. xv per die j ge(nnaio), lb. dumiglia cinquecento cinquanta quatro s. dieci...

- Duemilasettecentocinquanta.

[208] Doc. fior., 1311-13, pag. 126.18: E dè avere, dì 15 di settenbre anno decto, ebbi da lui contanti fior. dumilia settecento cinquanta d'oro, anoverò elli et Pepo.

- Tremilacinquanta.

[209] Doc. lucch., 1332-36, pag. 127, col. 2.26: avemo posti innansi che io debbo avere in k. xx, lb. tremiglia cinquanta s. dieci, lb. iij.m.l s. x.

- Tremilacinquantasette.

[210] Bibbia (04), XIV-XV (tosc.), 2 Esd 12, vol. 4, pag. 462.17: [10] I figliuoli di Ares, tremilia cinquantasette.

- Tremiladuecentocinquanta.

[211] Dante, Convivio, 1304-7, II, cap. 6, pag. 97.2: ci ha di spazio tremilia dugento cinquanta miglia.

- Tremilaseicentocinquantasette.

[212] Doc. fior., 1348-50, pag. 160.6: Ànnone dato i detti Benedetto e compagni, adì X d'aprile MCCCXLVIII, lbr. tremilaseciento cinquantasette e s. due a ffior.

- Quattromilacentocinquantadue.

[213] Libro Guelfo, 1276-79 (fior.), pag. 166.32: I capitani dela Parte del Guelfo di Firençe e [[...]] deono avere lbr. quatromilia cento cinquantadue e soldi sette in fiorini...

- Quattromilacentocinquantacinque.

[214] Doc. fior., 1348-50, pag. 128.1: E deono dare, adì XXVIIII di dicembre MCCCXLVIII, lbr. quattromila cento cinquantacinque s. dicesette d. tre a ffior.

- Cinquemilacinquantasei.

[215] Doc. fior., 1348-50, pag. 127.26: E deono dare, adì I di maggio, anno MCCCXLVIII, lbr. cinquemila cinquantasei s. sette d. diece a ffior.

- Cinquemiladuecentocinquantaquattro.

[216] <Tesoro volg. (ed. Gaiter), XIII ex. (fior.)>, L. 1, cap. 42, vol. 1, pag. 116.15: Ma molti dicono che non ebbe di tempo più che cinquemilia duecento e cinquantaquattro anni.

- Ottomilasettecentocinquanta.

[217] Doc. venez., 1314 (4), pag. 108.17: soma de chi a qua libr. octomillia septecento et çinquanta...

- Quattordicimilasettecentocinquantadue.

[218] Libro giallo, 1321-23 (fior.), pag. 34.24: Monseng[n]iore lo Dalfino di Vianese dè dare, dì 20 di febraio 318, fior. quattordici milia sette ciento cinquantadue d'oro fattone conto in Vingnione cho[n] messer Pere Inardi e chon Andrevetto Suppa a dì 22 d' aprile 319...

- Sedicimiladuecentocinquantasette.

[219] Doc. fior., 1348-50, pag. 168.34: Ànne dato il sopradetto fondacho del taglio, dì XXVII di novembre, anno MCCCXLVIII, lbr. sedicimilia dugiento cinquantasette s. cinque d. due...

- Sedicimilasettecentocinquanta.

[220] Bibbia (02), XIV-XV (tosc.), Nm 31, vol. 2, pag. 170.15: e pesò, al peso del santuario, sedici milia settecento cinquanta sicli...

- Trentacinquemilasettecentocinquanta.

[221] Dante, Convivio, 1304-7, IV, cap. 8, pag. 309.7: con ciò sia cosa che la terra per lo diametro suo sia semilia cinquecento miglia, lo diametro del sole, che alla sensuale apparenza appare di quantità d'un piede, è trentacinque milia settecento cinquanta miglia.