STTIMO num./s.m.

0.1 sectema, sectemo, septem, septena, septima, septime, septimo, septimu, setem, setema, setima, setimo, setino, settima, settimi, settimo, settino, settjmj, settjmo, ssettima, ssettimo, xxettjmi.

0.2 Lat. septimus (DELI 2 s.v. sette).

0.3 Miracole de Roma, XIII m. (rom.>tosc.): 1.

0.4 In testi tosc.: Doc. pis., 1264 (2); Brunetto Latini, Tesoretto, a. 1274 (fior.); Albertano volg., 1275 (fior.); F Soffredi del Grazia, 1275 (pist.); Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.); Doc. pist., 1285; <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>; Stat. sen., 1309-10 (Gangalandi); Simintendi, a. 1333 (prat.); Stat. cort., a. 1345; Stat. lucch., XIV pm.; Doc. amiat., 1363 (4).

In testi sett.: Parafr. Decalogo, XIII m. (?) (bergam.); Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Doc. bologn., 1295; Scritti spirituali ven., XIII; Cronica deli imperadori, 1301 (venez.); Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311; Stat. venez., c. 1330; Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342; Lucidario ver., XIV; Codice dei Servi, XIV sm. (ferr.).

In testi mediani e merid.: Miracole de Roma, XIII m. (rom.>tosc.); Poes. an. urbin., XIII; Proverbia pseudoiacop., XIII (abruzz.); Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.); Stat. assis., 1329; Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.); Stat. perug., 1342; Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.); a Stat. viterb., 1384; Stat. cass., XIV; Destr. de Troya, XIV (napol.); Stat. castell., XIV sm.; Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.).

In testi sic.: Giovanni Campulu, c. 1315 (mess.); Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.); Stat. palerm., 1343; Stat. catan., c. 1344; Simone da Lentini, 1358 (sirac.).

0.7 1 Che occupa, all'interno di una serie, la posizione corrispondente al numero sette. 2 Che corrisponde ad una singola parte di un insieme diviso per sette. 2.1 Sost. Ciascuna singola parte di un insieme diviso per sette. 3 Locuz. nom. Ora settima: l'ora del giormo successiva al mezzogiorno. 4 [Relig.] Sost. La messa che si celebra nel settimo giorno dalla morte di qno.

0.8 Giulio Vaccaro 08.12.2016.

1 Che occupa, all'interno di una serie, la posizione corrispondente al numero sette.

[1] Miracole de Roma, XIII m. (rom.>tosc.), 57, pag. 585.20: Regio septima: via Lata...

[2] Parafr. Decalogo, XIII m. (?) (bergam.), pag. 423.7: El septimo comandamento: non avolturare.

[3] Doc. pis., 1264 (2), pag. 398.21: Lo setimo pesso posto in quelle co(n)fine medezmo, (e) tiene l'u capo in via piuvica...

[4] Brunetto Latini, Tesoretto, a. 1274 (fior.), 352, pag. 188: sei giorni durao, / il settimo posao.

[5] Albertano volg., 1275 (fior.), L. I, cap. 2, pag. 45.6: Onde disse Salamone: .vi. cose sono le quali D(omi)nedio e i(n)n odio, et lo septimo disferma (e) vitupera l'anima sua...

[6] F Soffredi del Grazia, 1275 (pist.): 'ne la septima parte richiedi se tuo di' paraula, oschura, o dubitosa... || Ciampi. Soffredi, p. 8.

[7] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De scriptura aurea, 465, pag. 167: De la septima gloria quil s ven a dire, / La qual fa Ies Criste...

[8] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. I, cap. 12, pag. 18.12: lo sesto Mercurio e lo settimo la luna...

[9] Doc. pist., 1285, pag. 127.29: socto l' anni Domini MCClxviij, septi(m)o kal. sete(m)br(is).

[10] <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>, L. 2, pt. 2, cap. 8, pag. 168.8: La settima scienza si Astronoma...

[11] Doc. bologn., 1295, pag. 195.39: di septimo intrante avrile.

[12] Questioni filosofiche, p. 1298 (tosc. sud-or.), L. I, pt. 1, pag. 6.14: septima, perk non riconpar l'omo per l'angelo ma esso se volse incarnare...

[13] Scritti spirituali ven., XIII, pag. 153.15: La septima alegrea si fo quando vu lo vedese resuscitado.

[14] Poes. an. urbin., XIII, 36.70, pag. 618: Lo settimo poi, / si salirce pi, / kedd sempre posa, / amare l'altrui, / ancora li toi, / kedd bona cosa, / e ccaritate este...

[15] Proverbia pseudoiacop., XIII (abruzz.), 205, pag. 36: Multi pon omo 'n septimu, ke sso de primu tonu...

[15] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 44.39, pag. 175: La settima orazione, che ne campi dagli mali / de le colpe e dei peccati che ne fo rede 'nfernali...

[16] Cronica deli imperadori, 1301 (venez.), pag. 190.12: lu ave in odio li poveri, e ali Cristiani lu de la septima persecucion.

[17] Stat. sen., 1309-10 (Gangalandi), dist. 1, cap. 151, vol. 1, pag. 139.26: Lo settimo giudice sia et essere debia giudice et assessore del comune di Siena...

[18] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 46.39, pag. 269: De' prim lavorar vosse: / en sexe d f tante cosse, / e repos in lo septem...

[19] Giovanni Campulu, c. 1315 (mess.), L. 3, cap. 13, pag. 89.27: Allu septimu annu lu exercitu de li Gothi e de lu re Totila priseru la chitate et intrarunche dintru...

[20] Stat. assis., 1329, pag. 163.39: Septimo: della correctione de coloro che fallano.

[21] Stat. venez., c. 1330, cap. 38, pag. 45.15: M CC LXXVIIIJ, indicion septima d XIIIJ enscando ugno.

[22] Simintendi, a. 1333 (prat.), L. 4, vol. 1, pag. 161.10: Lo padre Orcamo resse le cittadi di Grecia, e fue settimo per nazione dell'antico Belo.

[23] Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.), pt. I, cap. 10, pag. 625.35: Il settimo il dono della sapienzia, cio saporosa scienzia...

[24] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 4 Rubricario, vol. 1, pag. 147.9: Capitulu septimu, di la liberalitati.

[25] Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342, cap. 13, pag. 61.9: Et questo d septimo sete volte dn incercho le mure e pariva a qu chi eran assidiai ch'i fessan procession per voler dir messa...

[26] Stat. perug., 1342, L. 1, cap. 45, par. 3, vol. 1, pag. 161.35: la sectema arte dei macellatore e gl'artefece d'essa...

[27] Stat. palerm., 1343, cap. 15, pag. 26.5: sirria rasu e cachatu di la nostra cumpangna, sicundu ki parla in lu septimu capitulu.

[28] Stat. catan., c. 1344, cap. 7 rubr., pag. 36.18: Capitulu septimu. Di la cura di lu chillararu.

[29] Stat. cort., a. 1345, cap. 7, pag. 131.12: Septimo capitolo.

[30] Stat. lucch., XIV pm., pag. 77.25: Sopra -l septimo finalmente capitulo...

[31] Simone da Lentini, 1358 (sirac.), cap. 26, pag. 118.4: lu sextu Rasel; lu septimu Molcuse...

[32] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), quart. 927, pag. 212: La settima indictione correa in questa contrata.

[33] a Stat. viterb., 1384, Intr., pag. 181.23: nella indictione septima, a d xxv del mese di mayo.

[34] Lucidario ver., XIV, I, pag. 15.7: Al septimo d s repons, s come e' dito desovra.

[35] Stat. cass., XIV, pag. 27.10: Lu septimo gradu de la hu(m)ilitate si lu monacho no(n) solamente con la lingua sua <se> p(ro)nu(n)cia s ess(er)e i(n)feriore (et) plu vil[e] de tutte, s(et) eciam con i(n)timo desiderio de lu core suo s crede essere.

[36] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 7, pag. 103.22: a lo septimo iuorno appligaro con salvamiento alle pertinentie de lo riamme de Troya, a lo puorto de uno castiello...

[37] Codice dei Servi, XIV sm. (ferr.), 2, pag. 219.24: Lo septimo comandamento.

[38] Stat. castell., XIV sm., pag. 138.27: Settimo capitolo: del muodo de recevare i novitii.

[39] Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.), cap. 39, pag. 164.16: Et i(n) dellu septimo a(n)no tucti li de(n)ti soi so' compliti.

2 Che corrisponde ad una singola parte di un insieme diviso per sette.

[1] Libro vermiglio, 1333-37 (fior.), pag. 28.28: La settima parte del pedaggio di Basi e del Pultino per aqua montando e disciendento...

2.1 Sost. Ciascuna singola parte di un insieme diviso per sette.

[1] Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.), c. 30, 79-90, pag. 718, col. 1.8: Resta che il cercolo che gl' dentro ha di diametro miglia due e mezo e cuss volge miglia sette e sei settimi d'uno altro miglio.

[2] Libro vermiglio, 1333-37 (fior.), pag. 28.38: i due settimi erano di Guiglielmo e nostri...

3 Locuz. nom. Ora settima: l'ora del giormo successiva al mezzogiorno.

[1] Bono Giamboni, Orosio, a. 1292 (fior.), L. 6, cap. 18, pag. 409.17: Dall' ora quinta infino all' ora settima, non veggendo chi meglio si ne stesse, con grandissima mortalit da catuna delle parti, il rimanente del die con la notte seguente in vittoria di Cesare dichin.

4 [Relig.] Sost. La messa che si celebra nel settimo giorno dalla morte di qno.

[1] Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342, cap. 30, pag. 148.36: lo pricar lo vixitar d'i pare[n]ti lo tero d lo septimo lo trenteximo l'annual...

[2] Lucidario ver., XIV, III, pag. 184.14: E per fa l'omo lo septimo, o che 'l morto ofeso incontra lo tre, zo la credena dela trinit, per li iiii elementi unde fato lo corpo, per che [ che] homo pecca s li sia remiso.