GOCCIA s.f.

0.1 ghoccie, goša, gocce, gošše, goccia, goccie, goše, goza, goze.

0.2 Lat. volg. *guttia (DELI 2 s.v. goccia).

0.3 Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.): 2.

0.4 In testi tosc.: Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.); Tesoro volg., XIII ex. (fior.); Poes. an. pis., XIV in. (?) (2); Cicerchia, Passione, 1364 (sen.).

In testi sett.: Cronica deli imperadori, 1301 (venez.); Belcalzer (ed. Ghinassi), 1299/1309 (mant.); Laud. Battuti Modena, a. 1377 (emil.); Serapiom volg., p. 1390 (padov.); Lucidario ver., XIV.

In testi mediani e merid.: Gloss. lat.-eugub., XIV sm;Discorso sulla Passione, XIV sm. (castell.).

0.5 Locuz. e fras. a goccia a goccia 1.

0.7 1 Piccola quantitÓ globulare di liquido o di fluido, che si crea per condensazione o per distacco. 1.1 Stilla di liquido organico secreta dal corpo umano. 1.2 Ciascuna delle particelle d'acqua di cui Ŕ formata la pioggia. 1.3 Piccolissima quantitÓ di un liquido. 2 Piccola macchia. 3 Resina odorosa che stilla da alcuni tipi di piante. 3.1 Tipo di resina, armoniaco.

0.8 Zeno Verlato 11.11.2015.

1 Piccola quantitÓ globulare di liquido o di fluido, che si crea per condensazione o per distacco.

[1] Questioni filosofiche, p. 1298 (tosc.), L. IV, pt. 1, cap. 7, pag. 82.14: chosý la terra inn alchuno locho, chresciente e abundante l'umore inn essa, umenta e goccia, le quali goccie multiplichano da diverse parti, e ' locora multiplicano in fonte...

[2] Tesoro volg., XIII ex. (fior.), L. 3, cap. 7, pag. 47.22: E se 'l vasello suda dentro, e tu vi trovi gocce d'acqua, non dottare, che quivi avrai buon pozzo.

[3] Cronica deli imperadori, 1301 (venez.), pag. 211.24: tanto ello adovrÓ vendeta in li soi adversarii, che cotante fiade, quante ello forbiva una goza de reuma, descorrando del so naso talgiado, quasi tante fiade ello alcidisse algun deli suoi...

[4] Belcalzer (ed. Ghinassi), 1299/1309 (mant.), Rubriche, pag. 41.9: Capitol de la plovia. Capitol de la goza.

[5] Poes. an. pis., XIV in. (?) (2), 394, pag. 86: che sia / come trarre una goccia d'un graĚ fonte / o levar d'un gran monte / un sasulin...

[6] Nicol˛ de' Rossi, Rime, XIV pi.di. (tosc.-ven.), son. 122.6, pag. 91: la goša d'aqua, quando cade dreto, / cava lo saso no per uno šeto, / ma se firendo dee continuare...

[7] Laud. Battuti Modena, a. 1377 (emil.), 49.96, pag. 112: quel sangue chi era sanctificÓ, / sola una goša valeva l'oro de mille citae...

[8] Gl Gloss. lat.-eugub., XIV sm., pag. 106.27: Hec gucta, te id est la goccia.

- Locuz. avv. A goccia a goccia: una goccia dopo l'altra; una goccia alla volta.

[9] Dante, Commedia, a. 1321, Purg. 20.7, vol. 2, pag. 331: chÚ la gente che fonde a goccia a goccia / per li occhi il mal che tutto 'l mondo occupa...

[10] Serapiom volg., p. 1390 (padov.), Erbario, cap. [317.1], pag. 354.13: E šoa a quilli che no p˛ urinare, se no a gošaa goša, e a quilli che pissa sangue.

1.1 Stilla di liquido organico secreta dal corpo umano.

[1] Cavalca, Specchio di croce, a. 1342 (pis.), cap. 23, pag. 102.9: Cristo [[...]] per tedio sud˛ quasi goccie di sangue.

[2] Cinquanta miracoli, XIV pm. (ven.), pt. 1, 7, pag. 20.5: E tre goše de le mamele del so lacte precioso la gitÓ sovra d'esso e partisse...

[3] Cicerchia, Passione, 1364 (sen.), ott. 251.4, pag. 371: Quante gocce di latte del mie petto, / figliuol, traesti, che morta fuss'io!

[4] Gradenigo, Quatro Evangelii, 1399 (tosc.-ven.), c. 39.52, pag. 268: E[t] il suo sudore se feo, discorendo, / gošše di sangue, che a la ter(r)a rua.

[5] Discorso sulla Passione, XIV sm. (castell.), pag. 168.16: fo sý grave la pugnia enfra la divinitÓ e la umanitÓ ke sud˛ p(er) tutto el corpo ghoccie di sangue...

1.2 Ciascuna delle particelle d'acqua di cui Ŕ formata la pioggia.

[1] Cavalca, Dialogo S. Greg., a. 1342 (pis.), L. 3, cap. 11, pag. 144.19: piovendo continuamente [[...]], venne l'acqua dall'uno lato e dall'altro della navicella, e dentro non piovve una goccia.

[2] Bibbia (05), XIV-XV (tosc.), Gb 36, vol. 5, pag. 121.14: [26] Ecco, lo Iddio grande vincente la nostra scienza; e lo numero degli anni suoi non si puote stimare. [27] Il quale toglie le goccie della piova, e disparge li venti piovali a modo di gorghi profondi...

1.3 Piccolissima quantitÓ di un liquido.

[1] Serapiom volg., p. 1390 (padov.), Erbario, cap. 343, pag. 379.18: Alguni destilla el late sovra figi sichi, sovra ogni figo tre goše, e salvale cosý.

[2] Lucidario ver., XIV, L. 2, quaest. 16, pag. 123.2: sý como fo lo richo homo in inferno che querý una goša d'aqua e non la poÚ avero...

2 Piccola macchia.

[1] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. II, dist. 1, cap. 4, pag. 55.27: E giÓ f˛ro vedute doe gocce de sangue eĚllo sole...

[2] Libro pietre preziose, XIV in. (fior.), pag. 317.13: Grisopasso [[[...]] tiene colore di sugo di porro, et Ŕ mescolato di gocce di colore, e risprende come porpora...

3 Resina odorosa che stilla da determinate piante.

[1] Ottimo, Par., a. 1334 (fior.), c. 6, pag. 134.21: Mirra Ŕ albero d' Arabia, d' altezza di V cubiti, simile a bianco spino, la cui goccia Ŕ verde ed amara; la goccia che da sŔ discorre, Ŕ migliore che quella, ch'esce per la tagliatura fatta nella scorza.

[2] Arte Am. Ovid. (D), a. 1388 (ven.), L. I, pag. 487.30: dele lagreme le quali ella [[scil.: Mirra]] spande dela odorifera arbore nui ne onšemo e la goša tien lo nome dela donna.

3.1 Tipo di resina, armoniaco.

[1] Belcalzer (ed. Ghinassi), 1299/1309 (mant.), Rubriche, pag. 56.23: Capitol del galban. Capitol de la goza. || Bart. Anglico, XVII, 28 (49): źGucta╗.