ISSOFATTO avv.

0.1 esso facto, essofatto, esso fatto, ipso fatto, issofatto, isso fatto.

0.2 Lat. ipso facto (DELI 2 s.v. ipso fatto).

0.3 Stat. sen., 1309-10 (Gangalandi): 1.

0.4 In testi tosc.: Stat. sen., 1309-10 (Gangalandi); Giovanni Villani (ed. Porta), a. 1348 (fior.); Stat. lucch., XIV m.; Stat. fior., 1355 (3).

0.5 Locuz. e fras. d'issofatto 1.1; issofatto che 1.2.

0.6 N Sono incluse le forme ibride esso facto e ipso fatto; non si considerano, invece, le occorrenze relative al lat. ipso facto.

0.7 1 [Evocando una circostanza precedente o concomitante:] per il fatto stesso, conseguentemente. Estens. Immediatamente. 1.1 Locuz. avv. D'issofatto: immediatamente. 1.2 Locuz. cong. Issofatto che: nello stesso momento in cui.

0.8 Mariafrancesca Giuliani 22.11.2016.

1 [Evocando una circostanza precedente o concomitante:] per il fatto stesso, conseguentemente. Estens. Immediatamente.

[1] Stat. sen., 1309-10 (Gangalandi), dist. 4, cap. 94, vol. 2, pag. 191.29: Et se le predette cose el comune di Montalcino fare non vorrà o vero negasse infra otto dì, dipo essa rinchiesta, sia tenuto el detto missere podestà esso fatto mettere a consèllio di Campana del comune di Siena et del popolo...

[2] Giovanni Villani (ed. Porta), a. 1348 (fior.), L. 13, cap. 43, vol. 3, pag. 398.10: fu molto biasimata la detta legge e riformagione, che perché il Comune la si potesse fare, non era licito di farla contro alla libertà di santa Chiesa né mai più fu fatta in Firenze; e cchi vi diè aiuto o consiglio o favore issofatto fu scomunicato.

[3] Stat. sen., 1356 (2), Rubricario, pag. 14.7: et che il camarlengo d'essa provedegione debba fare memoria sì che apaia essofatto per iscripto...

[4] Stat. lucch., XIV m., pag. 206.14: Et se la chamarlinga non rendesse la ragione dipo lla fine delli sei mesi et sei dì dipoi expectati et passati, esso facto sia excomunicata, amen.

[5] Stat. fior., 1355 (3), pag. 568.27: E, se intervenisse per lo tempo, che à venire, che alcuno eletto, overo diputato, overo tratto, ad alcuno officio de la Città [[...]] fuore che i detti tre Offici, fosse tratto ad alcuno di detti tre offici, s'intenda essere, e sia, esso fatto, rimosso da l'altro officio, al quale prima tratto, overo eletto, era stato...

[6] Stat. fior., 1374, pag. 75.25: sieno tenuti fare e prestare tutti [[...]] del detto Spedale, sotto pena d'esser privati d' ogni ragione che gli avessino nel detto Spedale, nella quale pena incorrano ipso fatto; e similmente tutti e ciascuni della famiglia dello Spedale...

[7] S. Caterina, Epist., 1367-77 (sen.), [1375] lett. 50, pag. 190.22: La carne ci molesta con molta flagelità e movimenti, per tollarci la purità, ché, sendo privati della purità, esso fatto siamo privati di Dio...

[8] Giovanni dalle Celle, Lettere, 1347/94 (fior.), 20, pag. 316.1: [12] essendo constituito in articolo di morte si fece porre in terra in sul ciliccio e ivi si comunicò; e, essofatto, uno isplendore grandissimo venne sopra di lui...

1.1 Locuz. avv. D'issofatto: immediatamente.

[1] Matteo Villani, Cronica, 1348-63 (fior.), L. 9, cap. 95, vol. 2, pag. 421.28: e senza atendere altra diliberazione, come domandavano i cardinali, d'isso fatto lo elesse.

1.2 Locuz. cong. Issofatto che: nello stesso momento in cui.

[1] Contemptu mundi (I), XIV sm. (tosc.), cap. 5, pag. 86.4: Piangenti, debili, vacillanti, poco differenti dagli animali bruti; anzi in molte cose molto meno hanno di quegli, però che e bruti essofatto che sono nati, vanno...

[2] Contemptu mundi (II), XIV sm. (tosc.), cap. 30, pag. 72.5: Esso fatto che l'uomo ambitioso è stato promosso a onore, si lieva in superbia e doventa isfrenato nel millantarsi