GOLARE (1) v.

0.1 gola, golando, golo.

0.2 Da gola.

0.3 Monte Andrea (ed. Minetti), XIII sm. (fior.): 1.

0.4 In testi tosc.: Monte Andrea (ed. Minetti), XIII sm. (fior.).

0.6 N Doc.: cit. tutti i testi.

0.7 1 Lo stesso che bramare.

0.8 Mariafrancesca Giuliani 18.11.2015.

1 Lo stesso che bramare.

[1] Monte Andrea (ed. Minetti), XIII sm. (fior.), son. 27.10, pag. 148: per˛ a tale - maestro me ne dolo, / che mi traiate d'uno er[r]or mortale / (c'Amor Ŕ tale!): - altro saver non golo.

[2] Dante, Commedia, a. 1321, Par. 10.111, vol. 3, pag. 167: La quinta luce, ch'Ŕ tra noi pi¨ bella, / spira di tale amor, che tutto 'l mondo / lÓ gi¨ ne gola di saper novella...

[3] Nicol˛ de' Rossi, Rime, XIV pi.di. (tosc.-ven.), canz. 1.52, pag. 5: Unito et endiviso gola sempre, / sol de disyri se anoda groppo, / che fa entoppo - a ch´unca vicia / la leticia - ch'el atende per merto / et en parte ne posede experto.

[4] Matteo Villani, Cronica, 1348-63 (fior.), L. 10, cap. 21, vol. 2, pag. 477.22: torn˛ con dieci bandiere di ribaldi, i quali per non avere che perdere non curarono li comandamenti de' loro signori, golando il soldo di messer Bernab˛.

[5] Antonio da Ferrara, XIV s. e t.q. (tosc.-padano), 80b.13, pag. 353: per˛ m'apresto di lasciar Bologna / e viver presso a voi, ch'altro non golo, / pur che 'n Ferrara vi leghi colei.

[6] Gradenigo, Quatro Evangelii, 1399 (tosc.-ven.), c. 14.94, pag. 94: Ognun che od'e de intender no(n) gola / del divin regno, et po' il nimico salta / et la buona sementa tutta invola / innel suo core, et de tal mal se exalta...