PAZZO agg./s.m.

0.1 paša, pašš', pašša, pacci, pašši, paccio, paššo, pacha, pachi, pachia, pachu, paši, pacissima, pašo, paczi, paczo, paczu, pascio, passo, paza, paze, pazi, pazo, pazza, pazze, pazzi, pazzo, pazz÷; a: paššu.

0.2 Etimo incerto: forse dal lat. volg. *pactiare (Nocentini s.v. pazzo).

0.3 Proverbia que dicuntur, XIII pi.di. (ven.): 1.

0.4 In testi tosc. e toscanizzati: Tomaso di Sasso (ed. Contini), XIII pm. (tosc.); Albertano volg., 1275 (fior.); Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.); Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.); <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>; Folgˇre, Mesi, c. 1309 (sang.); Stat. sen., 1309-10 (Gangalandi); Simintendi, a. 1333 (prat.).

In testi sett.: Proverbia que dicuntur, XIII pi.di. (ven.); Serventese Lambertazzi, XIII u.v. (bologn.); Matteo Corr. (ed. Corsi), XIV pm. (padov.?); Enselmino da Montebelluna, XIV pm. (trevis.); Lucidario ver., XIV.

In testi mediani e merid.: St. de Troia e de Roma Amb., 1252/58 (rom.); Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.); Armannino, Fiorita (14), p. 1325 (abruzz.); Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.); Stat. Montecassino, XIV (luc.); Destr. de Troya, XIV (napol.).

In testi sic.: Giovanni Campulu, c. 1315 (mess.); Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.).

0.5 Anche s.f. (pazza).

Locuz. e fras. andare pazzo 1.2.2; avere per pazzo 1; gire pazzo 1; pazzo cotto 1; pazzo d'amore 1.2; pazzo da catena 1; sentire del pazzo 5; tenere per pazzo 1; tenere pazzo 1; venire pazzo 1.

0.6 A Doc. fior., 1279: Guido Paššo.

N Cfr. GDT, p. 471, per numerose att. come antrop. in doc. lat. mediev. redatti in Toscana tra il 1035 e il 1199.

0.7 1 Privo di senno a causa di un disturbo mentale; mentalmente instabile. 1.1 Fig. [Anche in allocuzioni, con valore enfatico:] che agisce da insensato, alla maniera di un folle. 1.2 [In partic.:] che ha perso la ragione a causa del sentimento amoroso. Pazzo d'amore. 1.3 Fortemente agitato e aggressivo nel comportamento; in preda alla furia o all'eccitazione sessuale. 2 Estens. Non controllabile, sfrenato; che denota o conduce alla follia. 3 Sost. Individuo affetto da malattia mentale. Estens. Chi agisce come un folle. 4 S.f. Donna o fanciulla folle. 5 Sost. Lo stesso che pazzia?

0.8 Marco Maggiore 08.03.2018.

1 Privo di senno a causa di un disturbo mentale; mentalmente instabile. || Anche contrapposto a savio.

[1] Proverbia que dicuntur, XIII pi.di. (ven.), 481, pag. 543: Al mondo n' Ŕ vetrana sý savia nÚ sý paša, / se de lišaria dišili, qe 'legra no se faša...

[2] St. de Troia e de Roma Amb., 1252/58 (rom.), pag. 282.29: e questo per avere ch'avea dato a li cavaleri e li senatori fo facto siniore da essi et in una grotta fo trovato da li cavaleri soi e ancora fossi pascio, sapio parea da li savii.

[3] <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>, L. 1, pt. 2, cap. 13, pag. 43.16: quelli che non teme Dio non Ŕ forte, anzi Ŕ pazzo.

[4] Serventese Lambertazzi, XIII u.v. (bologn.), 54, pag. 848: Miser Castelano romaxe lass¨ preso, / e fo infer´ado como paššo; / fra si medesmo dex: źCh'agio fatto, / oi me topino!

[5] Fatti di Cesare, XIII ex. (sen.), Luc. L. 5, cap. 4, pag. 156.26: Allora cominci˛ quella a gridare et a stracciarsi la benda di capo e la ghirlanda; li capelli spandonsi: bene pareva femmina pazza, e parea che fuoco l'escisse per la bocca e per li occhi.

[6] Stat. sen., 1309-10 (Gangalandi), dist. 5, cap. 98, vol. 2, pag. 276.6: Et se alcuno [[...]] di pazia o vero furore fusse tenuto, [[...]] sieno tenuti la podestÓ et li giudici del maleficio [[...]] cotale furiosa et paza persona fare pilliare et ditenere et essa ne la pregione fare rinchiudere...

[7] Paolino Pieri, Merlino (ed. Cursietti), p. 1310-a. 1330 (fior.), 30, pag. 32.20: Il figliuolo che voi avete in corpo sarÓ isforzonato o volete pazzo, e sý vi dir˛ il perchÚ.

[8] Cavalca, Dialogo S. Greg., a. 1330 (pis.), L. 2, cap. 42 rubr., pag. 122.20: Come una femina pazza entrando nello speco di Benedetto guarý.

[9] Enselmino da Montebelluna, XIV pm. (trevis.), 670, pag. 43: che tu non parli a questa trista mare / che da dolor par eser fata paza.

[10] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), quart. 689, pag. 158: De venire alle mura non li parse sollaczo; / Se nne fo pentuto, non era mica paczo!

[11] Chiose falso Boccaccio, Purg., 1375 (fior.), c. 12, pag. 355.7: E vinti costoro Latona gli giudic˛ a questa sentenzia, che tutti e sette i figluoli maschi fussono pazzi e lle femine fussono puttane.

[12] Lucidario ver., XIV, L. 3, quaest. 47, pag. 225.13: Ma ben ge sono una maynera de paši che sono molto peccatori anši ch'el ge vegna quela malitýa, e poy perdo lo seno e del peccao non fa penitentia e moro in quela pašia...

[13] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 6, pag. 27.7: Allora li Romani se comenzaro a fare gabe de esso e dissero ca era pascio.

[14] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 12, pag. 130.12: Signore mio re, non Ŕy male fare nÚ se deve reprendere che all'omo pazo se le deya respondere secundo la soa pazia...

[15] Gl Gid. da Sommacamp., Tratt., XIV sm. (ver.), cap. 11, parr. 27-44, pag. 165.34: questa simplice dictione 'Lipašo', che significa źuno homo cossý nominato╗, fi astišata con quete due dictione, videlicet 'lý', che tanto sona quanto 'ibi', e 'pašo', che tanto sona quanto źmatto╗.

- [In similitudini, per designare un'agitazione frenetica (anche fig.)].

[16] Poes. an. (ed. Panvini), XIII (tosc.), 5.8, pag. 473: paur'˛ di cercare / lo mondo come passo...

[17] f Poes. an. Angelica figura, XIII sm. (tosc.), P 119.28, pag. 279: E vado come passo, / e non mi muto passo, / nÚ senša lei non s˛ lÓv' eo mi sono. || LirIO; non att. nel corpus da altre ed.

[18] f Chiose a Rim. Am. (Laur. 41.36), XIV pm. (fior.), chiosa 34, pag. 106v.7: (triateria) Era una festa che ssi facea a onore di Baccho d'Eonnia; nella quale le femmine andavano quasi paze andando qua e lÓ. || DiVo; non att. nel corpus da altre ed.

- Avere, tenere (per) pazzo (qno): considerare (qno) folle.

[19] Fiore, XIII u.q. (fior.), 122.4, pag. 246: Manovaldo mi fo, ma quel cotale / Che mi vi mette, l'ab[b]iate per paz[z]o, / ChÚ de' suo' beni i' fo torre e palaz[z]o...

[20] Armannino, Fiorita (14), p. 1325 (abruzz.), pag. 381, col. 3.37: Retornaty ad Roma, raccontano quello che Cesaro decto avea, et per paczo lo tenea quelly che lo intesero.

[21] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 6, cap. 9, vol. 2, pag. 100.33: Adonca issi foru constricti di condannarsi lur medemmi di sturdiciuni et di pachia, per˛ ca issi lu aviannu tenutu per pachu.

[22] Matteo Corr. (ed. Corsi), XIV pm. (padov.?), 3.5, pag. 151: se del tuto non son tenuto pazo, / dico ch'ensieme tutti esti diletti / tanto piacer non dÓno a gl'intelletti / come tenere una sua donna in brazo.

- Locuz. verb. Gire, venire pazzo: impazzire (anche fig.).

[23] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 90.60, pag. 368: Nullo, donqua, oramai pi¨ me reprenda, / se tale amore me fa pazo gire...

[24] <a Piero de' Crescenzi volg. (ed. Sorio), XIV (fior.)>, L. 6, cap. 23, vol. 2, pag. 261.3: Le cipolle [[...]] generano sete e enfiamento e ventusitÓ, e fanno doler la testa, e venir pazzo per la loro fummositÓ che saglie al capo, e che percuote al celabro...

- Pazzo cotto: completamente folle.

[25] Meo dei Tolomei, Rime, XIII/XIV (sen.), 8.7, pag. 57: non ch'una pace n' hai fatta, ma otto, / or ti va 'mpicca, sozzo, pazzo cotto, / vitoperato pi¨ ch'anch' uom non fue.

- Pazzo da catena: pazzo furioso.

[26] f Jacopone, XIII ui.di. (tod.): Ed io, pazzo da catena, Lasso il ver per la bugia. || Crusca (5) s.v. catena.

1.1 Fig. [Anche in allocuzioni, con valore enfatico:] che agisce da insensato, alla maniera di un folle.

[1] Proverbia que dicuntur, XIII pi.di. (ven.), 601, pag. 548: Quando l' om crede a femena, ben Ŕ pašo e storno: / qualor vol, li fai credere qe la note sia šorno...

[2] Legg. G. di Procida, 1282-99 (tosc.), pag. 45.8: Or no pensi tu, stulto e passo, che lo re Carlo ti vene addosso per torite la corona e 'l reame tuo, e occidere te, e 'l reame tuo e legnagio?

[3] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 47.97, pag. 191: Si en tuo ditto securasse, pi¨ serýa che pazo e stolto, / chÚ da onne veretate sý Ŕi delongato molto.

[4] Conti morali (ed. Segre), XIII ex. (sen.), 7, pag. 494.17: E mise in dimenticanza Dio e il suo nome, e non si confessava, e diceva che molto erano pazzi chi dicea i peccati sui ai preti...

[5] Cecco Angiolieri, XIII ex. (sen.), 21.3, pag. 139: - Se' tu sý pazzo, ch'aspetti divizia / di quel che caramente comparrai?

[6] Giordano da Pisa, Quar. fior., 1306 (pis.>fior.), 30, pag. 156.19: Or non sarebbe bene pazzo chi prima pensasse de le pietre e poi della casa? Non potrebbe essere.

[7] Folgˇre, Mesi, c. 1309 (sang.), 4.13, pag. 408: Chiesa non v'abbia mai nÚ monistero: / lasciate predicar i preti pazzi, / chÚ hanno assai bugie e poco vero.

[8] Nicol˛ de' Rossi, Rime, XIV pi.di. (tosc.-ven.), son. 295.9, pag. 191: rosso fructo fee peccare Eva pašša...

[9] a Libru di li vitii et di li virtuti, p. 1347/52-a. 1384/88 (sic.), cap. 171, pag. 244.24: cui di quista macula [[scil. luxuria]] est contaminatu, est drictamenti avocculu et paššu et havi perdutu li ochi di lu cori...

[10] A. Pucci, Rime (ed. Corsi), a. 1388 (fior.), 28.12, pag. 831: Per˛ ti parti, e non esser sÝ pazzo / che per tal condizion valichi il canto...

- Meton. [Con rif. a una cittÓ].

[11] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 2, cap. 5, vol. 1, pag. 95.2: Pacha Carthagini, non sapia li soy guay, ca lu hunuri et la belliza di quilli juvini per vuluntati di li dei et di li homini se nutricava a sua distruciuni...

[12] Dom. Benzi, Specchio umano, a. 1347 (fior.), pag. 318.9: ch'io non dicha di tanta iniquitÓ e chrudele ardire [[...]] quanto nella invecchiata, perversa, tormentatrice e pazza Siena, al tempo di questa fame, per li suoi cittadini si ardý e si presunse d'aoperare...

- [Prov.].

[13] <Tesoro volg. (ed. Gaiter), XIII ex. (fior.)>, L. 7, cap. 34, vol. 3, pag. 348.7: Quegli che Ŕ in pace, e va cercando guerra, Ŕ pazzo.

[14] a Proverbi e modi prov., XIII/XIV (sen.), pag. 109.2: Chi si parte dal solco o elgli Ŕ pašo o Ŕ stolto.

1.2 [In partic.:] che ha perso la ragione a causa del sentimento amoroso. Pazzo d'amore.

[1] Tomaso di Sasso (ed. Contini), XIII pm. (tosc.), canz..15, pag. 91: Amore sento tanto, / donna, ch'i' altro [...] non faccio: / so' divenuto paccio - troppo amando.

[2] Tristano Ricc., XIII ex. (tosc.), cap. 8, pag. 22.14: e ggittoglisi al collo e incominciollo a basciare, sý come femina la quale ee pazza d'amore.

[3] Comm. Rim. Am. (C), XIV pm. (tosc.occ.>fior.), ch. 54, pag. 968.14: e lli nemici seppero sý fare colla figliuola, perch'era sý pazzad'amore del nemico di Niso, ch'ella gli tagli˛, questo vello dell'oro e fu preso e perdÚne.

- [Rif. all'amore spirituale].

[4] S. Caterina, Libro div. dottr., 1378 (sen.), cap. 30, pag. 59.19: O pazzo d'amore! non ti bast˛ d'incarnare, che anco volesti morire?

1.2.1 Follemente innamorato di qno (anche rif. all'amore spirituale in Cristo).

[1] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 71.23, pag. 300: De sopre Ŕ 'l materazo: - Cristo pro me fo pazo, / o' se mise a venire - per me poter avire.

[2] Giovanni Colombini, a. 1367 (sen.), 17, pag. 69.5: E ben vi confesso che coloro, che furo a voi sono pazze di Cristo, e di voi sono cresciute in grandissima fede...

[3] Chiose falso Boccaccio, Inf., 1375 (fior.), c. 5, pag. 46.3: e funne Ciesare sý di lei pazzo, che fu per lasciare Roma e ire in Egitto a stare con costei.

1.2.2 Andare pazzo: innamorarsi follemente di qno (rif. nell'es. all'amore spirituale in Cristo).

[1] Jacopone (ed. Contini), XIII ui.di. (tod.), 4.11, pag. 73: Chi pro Cristo ne va pazzo, / alla gente sý par matto: / chi non ha provato el fatto, / pare che sia for de la via.

1.3 Fortemente agitato e aggressivo nel comportamento; in preda alla furia o all'eccitazione sessuale.

[1] <Tesoro volg. (ed. Gaiter), XIII ex. (fior.)>, L. 7, cap. 50, vol. 3, pag. 418.8: ChŔ se alcuno, quando egli Ŕ savio e di buono pensiero, egli ti dÓ a guardare una lancia, e poi quando egli Ŕ pazzo te la domanda...

[2] Bart. da San Concordio, 1302/08 (pis.>fior.), dist. 30, cap. 2, par. 7, pag. 447.6: Niuna differenza Ŕ tra l' irato e 'l pazzo, se non che il primo Ŕ pazzo sempre, ma il secondo talora s' adira.

[3] Simintendi, a. 1333 (prat.), L. 2, vol. 1, pag. 73.5: Quegli raccoglie i pazzi cavalli, e ancora ombrosi per la paura...

[4] Bibbia (07), XIV-XV (tosc.), Ger 5, vol. 7, pag. 33.7: [8] Sono fatti amatori delle femine come i cavalli che sono mandati alle cavalle per stalloni; ciascuno andava dopo la moglie del prossimo suo, come pazzo.

1.3.1 Inquieto a causa di qno. || (Porta).

[1] Matteo Villani, Cronica, 1348-63 (fior.), L. 8, cap. 49, vol. 2, pag. 199.20: Il legato vi si ripuose ad assedio con grandissimo popolo [[...]]. Il capitano e ' suoi cittadini pazzi di lui disperatamente, sanza volere prendere accordo, e ataccÔrsi alla pertinacia e alla durezza...

2 Estens. Non controllabile, sfrenato; che denota o conduce alla follia.

[1] <Tesoro volg. (ed. Gaiter), XIII ex. (fior.)>, L. 7, cap. 62, vol. 3, pag. 447.1: VolontÓ di dignitÓ Ŕ cosa pazza e cieca, nŔ nulla fŔ, nŔ nulla pietÓ Ŕ in quelli, che seguono oste.

[2] Bart. da San Concordio, 1302/08 (pis.>fior.), dist. 30, cap. 10, par. 5, pag. 467.10: La prima ira non ardiremo noi raddolcare con parole, ch'ella Ŕ sorda e pazza: daremole spazio.

[3] Giovanni Campulu, c. 1315 (mess.), L. 3, cap. 15, pag. 97.9: Et in pir zo nuy tantu minu simu exauduti da Deu in li nostri prigerij, quantu plu ni cunchiamu in li nostri stulti e pachi, ociusi e malvase parole...

[4] Ottimo, Par., a. 1334 (fior.), c. 11, pag. 265.2: Qui comincia l'Autore a sgridare contra le pazze e non s[ens]ate sollicitudini e studi delli uomini...

[5] Valerio Massimo, red. V1, a. 1336 (fior.), L. 6, cap. 9, pag. 457.10: ricordandoci, che pazza cosa Ŕ condannarsi di perpetua disavventura, e la speranza alcuna volta certa convertire in disperazione...

[6] a Lucano volg., 1330/1340 (prat.), L. IV [Phars., IV, 237-291], pag. 63.11: Questo fervore abbandoni le loro menti, caggia lo pašo impeto, perdano di volere morire.

- [Rif. in partic. alla passione amorosa].

[7] Simintendi, a. 1333 (tosc.), Suppl. L. 9, vol. 4, pag. 7.5: pognamo ch'egli vegga gli pazzi amori. Oi me! a che vegno io? che fuoco Ŕ quello che pensa la mente mia?

[8] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 5, cap. 5, vol. 2, pag. 48.1: aricurdandusi commu issu ardia di pachu amuri, cupria la spiatata plaga di so pectu per piatusu sfingiri.

[9] Poes. an. tosc. or., XIV, [68].1, pag. 81: Del tuo pašš'amore - deggimi basciare.

[10] Comm. Favole Walterius, XIV ex. (ven.), 52.8, pag. 28: qual quella meretrize che tricharda / al giovene, infingia uno amor pazo.

3 Sost. Individuo affetto da malattia mentale. Estens. Chi agisce come un folle.

[1] Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.), L. 2, cap. 22, pag. 89.9: Inprima tu schiferai il consiglio de' pazi: perci˛ che gli stolti nonn amano se no le cose stolte, e lor consiglio va ad stoltezza.

[2] Albertano volg., 1275 (fior.), L. II, cap. 14, pag. 106.17: [10] E sappie ke ' pašši si dicono da molto pa(r)lare, p(er)ci˛ ke molto parlano di soperchio.

[3] Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.), De amore, L. II, cap. 7: [4] et altro disse: al passo nullo h(om)o fi amico, (et) no(n) serÓ gratioso in neli suoi beni.

[4] Questioni filosofiche, p. 1298 (tosc. sud-or.), Proemio, pag. 4.1: secondo k'Ŕ manifesto en li pašši, de li quali nulla rascione Ŕ tenuta de' mali k'ei facciano per la privatione del senno.

[5] <Tesoro volg. (ed. Gaiter), XIII ex. (fior.)>, L. 6, cap. 38, vol. 3, pag. 122.8: E sono alquante malizie a modo di fiere, le quali sono nelli sfrenati, e nelli pazzi, e melanconici, ed in simiglianti a loro.

[6] Pistole di Seneca, XIV m. (fior.), 52, pag. 114.3: Il pazzo si conosce all'abito, e lo sciocco al ridere...

[7] Francesco da Buti, Par., 1385/95 (pis.), c. 6, 82-96, pag. 204.24: di che n'ebbe tanto dolore Ottaviano che spesse volte, come pazzo percoteva lo capo al muro...

[8] Stat. Montecassino, XIV (luc.), pag. 29.27: "Lu paczo alcza la voce soa i(n)nellu risu".

4 S.f. Donna o fanciulla folle.

[1] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. II, dist. 8, cap. 23, pag. 248.12: e c'uno savio se inamori d'una pazza, e econtra una pazza d'uno savio...

[2] Conti morali (ed. Segre), XIII ex. (sen.), 11, pag. 505.5: E cosý si diede quella pazza ad ogni male fare...

[3] Ceffi, Epistole eroiche, 1320/30 (fior.), ep. Oenone, pag. 43.39: Allora squarciai io le mie vestimenta, e stracciai li miei capelli, ed a guisa di pazza mi ruppi la faccia, e de' miei dolori e de' miei sospiri tutto il bosco risonava...

5 Sost. Lo stesso che pazzia?

[1] Petrarca, Disperse e attribuite, a. 1374, 213.101, pag. 272: Or basti, ch'un gran pazzo / Non entra in poca rima.

- Locuz. verb. Sentire del pazzo: soffrire di disturbi mentali; dare prova di follia.

[2] Giovanni Colombini, a. 1367 (sen.), 71, pag. 185.8: non siamo nigrigenti, nŔ pigari, nŔ codardi, ma velocemente ci facciamo rincontra al dono grande di Dio colla smisurata caritÓ, con uno amore che senta del pazzo, col desiderio della santa povertÓ...

[3] f Declamazioni di Seneca, a. 1392 (tosc.), L. II, declamazione 3, pag. 33.4: Qualunque persona non fosse in propio e buono sentimento, cioŔ che sentisse del pazzo, potesse essere accusato e richiesto... || DiVo; non att. nel corpus da altre ed.

[u.r. 04.07.2022; doc. parzialm. aggiorn.]