GOD╔VOLE agg.

0.1 godevili, godevole, godhevre.

0.2 Da godere.

0.3 Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.): 1.

0.4 In testi tosc.: Valerio Massimo, Libro II volg. B, a. 1326 (fior.); Neri Pagliaresi, XIV sm. (sen.).

In testi sett.: Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.).

0.6 N Voce redatta nell'ambito del progetto DiVo.

Doc.: cit. tutti i testi.

0.7 1 Che arreca godimento e piacere (di tipo spirituale o materiale); gradevole. 2 Che ha un atteggiamento favorevole; bendisposto.

0.8 Cosimo Burgassi 25.03.2015.

1 Che arreca godimento e piacere (di tipo spirituale o materiale); gradevole.

[1] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De scriptura aurea, 130, pag. 155: Tut coss en salv illoga e fresc e reverdie / E sempre intreg e stavre, godhevre e ben polie...

[2] Valerio Massimo, Libro II volg. B, a. 1326 (fior.), par. 26, pag. 16.33: o cittÓ Tarentina, tu adomandasti la fine delle tue godevili riccheze per le 'ngiurie le quali facesti agl'ambasciadori... || Cfr. Val. Max., II, 2, 5: źfinem profecto fruendarum opum [[...]] Tarentina ciuitas, quaesisti╗.

[3] Libro Jacopo da Cessole, XIV m. (tosc.), III, cap. 3, pag. 77.11: A ci˛ dunque che la cittÓ sia godevole di pace confortinsi a concordia et a verace amistade...

2 Che ha un atteggiamento favorevole; bendisposto.

[1] Neri Pagliaresi, XIV sm. (sen.), pt. 8, 12.3, pag. 101: E GiosafÓ si lev˛ su godevole, / con animo entendente a su salire, / e mansŘeto, e non giÓ malagevole, / e con allegra faccia prese a dire...