MURIA s.f.

0.1 mura, muria.

0.2 Lat. muria (DEI s.v. muria).

0.3 f Cassiano volg. (A), XIII ex. (sen.): 1; Palladio volg., XIV pm. (tosc.): 1.

0.4 In testi tosc.: f Cassiano volg. (A), XIII ex. (sen.); Palladio volg., XIV pm. (tosc.).

In testi sett.: Serapiom volg., p. 1390 (padov.).

0.7 1 [Gastr.] Miscela di acqua e sale marino o aceto, lo stesso che salamoia.

0.8 Valentina Nieri 12.12.2017.

1 [Gastr.] Miscela di acqua e sale marino o aceto, lo stesso che salamoia.

[1] f Cassiano volg. (A), XIII ex. (sen.), Collaz. VIII, cap. 1, pag. 130r.7: Onde per lo cibo che si dicea "muria", il quale si solea dare ognie d gictandovisi suso una gocciola d'olio... || DiVo; non att. nel corpus da altre ed.

[2] Palladio volg., XIV pm. (tosc.), L. 12, cap. 24, pag. 290.1: e una omina d'aceto, e di muria fondi di sopra, e cos fa a suolo a suolo infino a pieno 'l vaso.

[3] Palladio volg., XIV pm. (tosc.), L. 12, cap. 24, pag. 290.3: Scegli l'ulive, e macera nella muria, e dopo XL d getta via tutta la muria...

[4] Serapiom volg., p. 1390 (padov.), Erbario, cap. 235, pag. 247.30: La meiore assa s quella che tr a roxea e s clara, simele a la mura, che ha savore simele a quello del poro n no ha bon odore, anche orribelle subito.