LAVARE v.

0.1 lava, lavÓ , lavÓ', lavß, lavaa, lavabo, lavada, lavade, lavadi, lavado, lavady, lavae, lavagi, lava-gli, lavagli, lavÓgli, lavaglie, lavaglili, lavai, lavaime, lavala, lavÓla, lavale, lavali, lavalla, lavaĚlla, lÓvalle, lavalo, lavalu, lavame, lavami, lava'mi, lavan, lavandelu, lavandi, lavando, lavandogli, lavandola, lavandolene, lavandoli, lavandolo, lavandose, lavandosene, lavandosi, lavandosine, lavandote, lavandovi, lavandu, lavandule, lavane, lava-ne, lavanno, lavano, lavansi, lavanu, lavanuli, lavao, lavaose, lavar, lavara, lavarÓ , lavarai, lavarano, lavarassi, lavaray, lavarci, lavÓrcine, lavare, lavarÚ, lavaremo, lavarenlo, lavarese, lavaresi, lavareste, lavare'ti, lavar-ge, lavari, lavarili, lavarisi, lavarla, lavÔrla, lavarli, lavÔrli, lavarllo, lavarlo, lavarme, lavarmi, lavar-ne, lavaro, lavar˛, lavarˇ, lavÓroli, lavarono, lavaronsi, lavarse, lavarsene, lavarsi, lavarsine, lavarsse, lavar-sse, lavarte, lavartene, lavarti, lavarula, lavarve, lavarvi, lavase, lavÓse, lavÓ'-se, lavasi, lavasse, lavasseli, lavasseno, lavasser, lavassero, lavassi, lavassiru, lavasti, lavat', lavata, lavate, lÓvate, lavatene, lavatesi, lavatevi, lavatevine, lavati, lÓvati, lavatindi, lavative, lavato, lavatosi, lavatu, lavau, lavausi, lavaussi, lavava, lavavalo, lavavan, lavavano, lavavanu, lavavasi, lavay, lave, lavŔ, lavelo, laven, laveno, laverÓ , laverae, laverai, lavera'mi, laveranno, laverano, laveransi, laverassi, laverebbe, laverebbono, laverete, laveretevene, laver˛, lavese, lavesegli, lavesene, lavesse, lavi, laviamo, laviate, lavili, lavillo, lavino, lavinsi, lavisene, lavisi, lavisine, lavite, lavo, lav˛, lavˇ, lavoe, lav˛e, lavˇe, lavogli, lav˛gli, lavolli, lavollo, lavommi, lav˛ne, lavorono, lavose, lavosse, lav˛sse, lavossi, lavrai, lavu, llava, llavado,llavady, llÓvale, llavane, llavar, llavare, llavari, llavata, llavate, llavati, llavato, llavi, llav˛, llavolla.

0.2 Lat. lavare (DELI 2 s.v. lavare).

0.3 Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.): 1.2.1.

0.4 In testi tosc.: Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.); Brunetto Latini, Tesoretto, a. 1274 (fior.); Albertano volg., 1275 (fior.); Doc. sen., 1277-82; Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.); Doc. lucch., 1288; Doc. prat., 1296-1305; Folgˇre, Mesi, c. 1309 (sang.); Doc. pist., XIV in.; Stat. cort., a. 1345; f Laude di Sansepolcro (1), XIV pm. (ssep.); Gloss. lat.-aret., XIV m; f Laude corton. (Triv.), XIV/XV.

In testi sett.: Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.); Pamphilus volg., c. 1250 (venez.); Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Insegnamenti a Guglielmo, XIII (ver.); Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311; Paolino Minorita, 1313/15 (venez.); <Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.)>; Vita di S. Petronio, 1287-1330 (bologn.); Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342; Enselmino da Montebelluna, XIV pm. (trevis.); Serapiom volg., p. 1390 (padov.).

In testi mediani e merid.: Miracole de Roma, XIII m. (rom.); Poes. an. urbin., XIII; Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.); Regimen Sanitatis, XIII/XIV (napol.); Legg. Transito della Madonna, XIV in. (abruzz.); Stat. assis., 1329; Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.); Stat. perug., 1342; Stat. viterb., c. 1345; Stat. casert., XIV pm.; Passione cod. V.E. 477, XIV m. (castell.); Stat. castell., a. 1366; Gloss. lat.-eugub., XIV sm.; Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.).

In testi sic.: Giovanni Campulu, c. 1315 (mess.); Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.); Stat. catan., c. 1344.

0.7 1 Detergere da sporcizia o impuritÓ, in partic. servendosi di acqua (anche pron.). 1.1 Bagnare con le proprie acque (sogg. un fiume); toccare, lambire. 1.2 Fig. Purificare. 1.3 Depurare (l'organismo) mediante l'eliminazione di elementi deteriori. 2 Ripulire o sciacquare con acqua o liquidi a scopo curativo.

0.8 Aurelio Malandrino 19.09.2017.

1 Detergere da sporcizia o impuritÓ, in partic. servendosi di acqua (anche pron.).

[1] Miracole de Roma, XIII m. (rom.), 34, pag. 578.17: Qualunqua homo volea gire ad essa non porrao, se prima se non lava in quella conca.

[2] Pietro da BescapŔ, 1274 (lomb.), 1161, pag. 53, col. 1: Frß Petro, tu sta pur in paxe! / Quando t'avrˇ lavai li pÚ / Ben tel dirˇ per que 'l faš'e'.

[3] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De quinquaginta curialitatibus ad mensam, 203, pag. 322: Le man pos lo convivio per poc pon fÝ lavae...

[4] Doc. sen., 1277-82, pag. 471.25: Ancho XX den. nel dý i quali demo dodici denari ad uno choriere et d' otto den. in fare lavare due paia di lezuola.

[5] Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.), De amore, L. II, cap. 18: la mano dilicata no(n) pu˛ bene tenere la spada (et) la code(n)na spesso lavata (et) u(n)ta si duole p(er) ve(n)to (et) p(er) l'acqua...

[6] Doc. lucch., 1288, pag. 26.8: Et <q> che lo dicto lavoro faranno tucte le paia co(m)piute et noĚlle arano sco(r)ciare, (et) aranole ben seccare (et) beĚ lavare et bene stagionare.

[7] Bono Giamboni, Vegezio, a. 1292 (fior.), L. 1, cap. 3, pag. 9.22: ivi [[scil. nel Tevere]] notando i giovani si lavavano...

[8] Insegnamenti a Guglielmo, XIII (ver.), 45, pag. 517: Per si s'agata tost<o> ke non Ŕ bon, / ni no se lava tost<o> con' fa 'l savon...

[9] Scritti spirituali ven., XIII, pag. 150.14: Da poi che fo fata la cena, eo li lavŔ li pŔ a li mei discipuli per grande humilitade.

[10] Passione lombarda, XIII sm., 101, pag. 113: Pilato lo fÚ 'npilare, / tota soa zente fÚ asemblare, / davanze se lav˛ le mane, / chÚ alzir no lo volea.

[11] Poes. an. abruzz.>march., XIII sm., 152, pag. 123: Entrasti sera li pŔ ad lavare / E la doctrina tua sancta dare.

[12] Itinerario luoghi santi, XIII u.q. (fior.>lucch.), pag. 166.42: quine di sotto si Ŕ lo luogo lÓ ove Nostro Singniore lav˛ li piedi alli apostoli suoi.

[13] Doc. prat., 1296-1305, pag. 335.36: It(em) didi p(er) lavare le(n)šuola e -l pa(n)no del pane d. VIIJ.

[14] Giordano da Pisa, Quar. fior., 1306 (pis.>fior.), 37, pag. 197.12: PerchÚ lavava cosý spesso questo letto?

[15] Folgˇre, Mesi, c. 1309 (sang.), 11.10, pag. 416: poscia vi levate la mattina, / e lavatevi 'l viso con le mani...

[16] Lucidario lucch., XIII/XIV, L. 1, quaest. 112-114, pag. 47.20: Quando homo trova una pietra presiosa in del fangho, ed elli noe la mete in ello suo tesaulo infine a tanto che noe l'Óe lavata.

[17] Regimen Sanitatis, XIII/XIV (napol.), 628, pag. 581: lo viso lavate con acqua necta e pura...

[18] Doc. pist., XIV in., pag. 311.20: vi sono sý chome sono chamiscie (e) brache, che Va(n)ni no ci (n)de Ó ma ma due paia, sý che ci viene stare bene uno mese a mutare, che la lava(n)daia li tiene a lavare bene xvii dý...

[19] Legg. Transito della Madonna, XIV in. (abruzz.), 519, pag. 36: Tri virgini lavÓroli lu corpu tuctu quanto...

[20] Paolino Minorita, 1313/15 (venez.), cap. 59, pag. 84.23: Aristopo vette [ke] Dyogen[e]s lavava erbe ke ello deveva manzar...

[21] Giovanni Campulu, c. 1315 (mess.), L. 4, cap. 17, pag. 143.16: Vinendu a lavari lu corpu di kista domna morta...

[22] Stat. sen./umbr., 1314/16, cap. 87, pag. 40.22: qualunque persona lavassi panni o alcuno trescame [[...]] in alcuna fonte di Chiarentana...

[23] Storia San Gradale, XIV po.q. (fior.), cap. 209, pag. 169.2: quand'ebe stato molto lungamente in questa contenenza sý mi dise che io mettesi giusso il bosolo e mi comand˛ che io le recasi de l'aqua per lavare le mani.

[24] Stat. pis., a. 1327, L. 3, cap. 20, pag. 134.48: chi lava li panni a pregio, sia tenuta a llavari in Cannadonica...

[25] Stat. assis., 1329, cap. 8, pag. 171.41: nui, con disciplina e en caritÓ del servo e en humilitÓ, l'uno a l'altro faciamo, cioŔ i maiure lavando i piede ai menure...

[26] Vita di S. Petronio, 1287-1330 (bologn.), cap. 7, pag. 38.11: ello stava Pilato suxo quello petrone, quando se lav˛e le mane sovra quela pilla.

[27] Simintendi, a. 1333 (prat.), L. 3, vol. 1, pag. 114.22: mentre che Diana si lava quivi con l'usata acqua...

[28] Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.), pt. I, cap. 3, pag. 615.12: Pensa come egli si trasfiguroe e com'egli si umilioe dinanzi agli apostoli, lavando loro i piedi...

[29] Stat. fior., 1334, L. III, cap. 6, pag. 329.21: diputino i detti Consoli alcuno de' famigliari della detta Opera overo d' altronde, il quale sia santese per uno anno nella chiesa di san Giovanni, il quale lavi e accenda le lampane...

[30] Angelo di Capua, 1316/37 (mess.), L. 3, pag. 63.2: ki vinni fina lu mari, prindia di l' acqua salata et lavavasi li soy occhi cavati di lu scurrenti sangui...

[31] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 1, cap. 6, vol. 1, pag. 40.31: Castor et Pollux cannussuta cosa fu que avianu combatutu per lu imperiu di Ruma in quillu tempu in qui foru visti apressu lu lacu di Minturna qui lavavanu lur suduri et di li suy cavalli.

[32] Stat. perug., 1342, L. 1, cap. 13, par. 36, vol. 1, pag. 56.13: che niuno huomo scotegge overo presuma fare overo fare fare alcuna turpetudene overo enmunditia mectere overo pangne lavare...

[33] Stat. catan., c. 1344, cap. 8, pag. 38.3: Ecciamdeu divi lavari li purificaturi di li calici e lu amictu e la tuvagla...

[34] Stat. cort., a. 1345, cap. 6, pag. 131.9: el priore sia tenuto spesso recordare questo capitolo fra la conpagnia, et spetiallemente ello giovedý sancto, nello quale per sengno de ci˛ lavi el priore a loro i piei et ellino a lui...

[35] Stat. viterb., c. 1345, pag. 166.35: El governatore e ll'officiali lavino li piedi a ciascheuno dela fraternitade.

[36] Pratica del vino, 1342/48 (fior.), pag. 7.16: lava anche il mešule; e poi lavata, e tu la dighociola e chinala...

[37] Doc. catan., 1349, pag. 49.13: Item lassava una conka di rami a Sanctu Nicola, ki sindi lavassiru li pedi li frati.

[38] Stat. lucch., XIV pm., pag. 86.19: Ogni die di sabbato [[...]] si debbono lavare li piedi delli 'nfermi...

[39] Comm. Arte Am. (A), XIV pm. (pis.), ch. 98, pag. 570.19: Scilla lavandosi lo viso fu fatta iscoglio di mare.

[40] Lapidario estense, XIV pm. (trevis./friul.), cap. 69, pag. 167.5: E non puoe essere atossicato el vino nÚ ll'aqua ove la sse lava questa petra.

[41] Stat. casert., XIV pm., pag. 60.21: omne (con)fratre degia venire ala casa tre nocte dell'ano pe nce dormire et fare la cena, sil(icet) lo Iovidý S(an)c(t)o (et) p(er) lavarese li pedi...

[42] Passione genovese, c. 1353, pag. 30.23: Messer, se non te basta li piŔ, sý me lava le maym e la testa.

[43] Ricette di cucina, XIV m. (fior.), 29, pag. 19.29: Se vuoli fare lampreda a cialdello amorsellata, togli la lanpreda bene lavata...

[44] Gl Gloss. lat.-aret., XIV m., pag. 299.17: lavo, vas, vi, lotum, per lavare.

[45] Passione cod. V.E. 477, XIV m. (castell.), 990, pag. 65: Fece l'acqua ademandare, / le sue mani v˛lesse l[a]vare / davante de populo presente...

[46] Ingiurie lucch., 1330-84, 163 [1358], pag. 51.7: Soššo sciancato, fiorentino marcio ch(e) noĚ ci puoi sta(r)e a Lucha, ch(e) conviene ch(e) io mi lavi ancora le mani e 'l volto del sangue tuo...

[47] a Doc. assis., 1354-62, pag. 338.20: Anchi a ccolie carrico l'acqua per lo tinaccio et per lavare el carrato, adý .xx.

[48] Stat. castell., a. 1366, pag. 128.9: Et che 'l priore lavi i piei ai povari et dia IIJ denari per uno.

[49] Legg. Sento Alban, c. 1370 (venez.), pag. 71.37: 'La se lavÓ i pie' e fo varida...

[50] Stat. prat., 1335-75, cap. 8, pag. 638.34: Ancora procurino di [[...]] lavare le lampane almeno una volta nel loro uficio...

[51] Boccaccio, Chiose Teseida, 1339/75, L. 7, 50.1, pag. 467.37: bagnandosi un giorno Diana e avendo fatto spogliare lei e altre delle sue vergini perchÚ la lavassero...

[52] a Stat. viterb., 1384, cap. 73septies, pag. 200.27: statuimo et ordinamo che non sia nulla persona che debia lavare nulla cosa dentro alla fontana...

[53] A. Pucci, Rime (ed. Corsi), a. 1388 (fior.), 28.3, pag. 831: - Sonetto, no m'aver sÝ per fanciulla / ch'i' non conosca tuo falso parlare, / chÚ con lusinghe mi credi lavare / com'io fussi un bambolin di culla.

[54] Serapiom volg., p. 1390 (padov.), Bestiario, cap. 27, pag. 433.25: I tuole la lana susia e lavala in l'aqua calda e struchala ben...

[55] Lucidario ver., XIV, L. 1, quaest. 139, pag. 73.8: sý g'Ŕ altra raxone, che l'aqua tolle la sošura e lava le macule e amorša lo foco...

[56] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 18, pag. 143.5: La matre abbe nome Matalena, la quale visse de lavare panni e acqua portare.

[57] Stat. Montecassino, XIV (luc.), pag. 115.3: li pedi de li hospiti tantu lu abbate quantu che tutta la (con)gregacione lave...

[58] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 23, pag. 207.37: [[Achille]] lavaose la face per non monstrare che avesse pyanto.

[59] Discorso sulla Passione, XIV sm. (castell.), pag. 163.9: Et s' io so maestro e mes(er) e signiore ed ˛ lavato li piei a voi...

[60] Gloss. lat.-eugub., XIV sm., pag. 122.15: Hoc maluvium id est la fonte dove se lava le mani.

- Fig. Bagnare, sciacquare.

[61] Enselmino da Montebelluna, XIV pm. (trevis.), 183, pag. 14: Lo leto mio era de dolor pleno, / e per mi tuta note fo lavato / dal planto che mai non vegniva a meno.

- [Prov.].

[62] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 134.450, pag. 538: man tropo pietosa / no lava ben testa tignosa.

1.1 Bagnare con le proprie acque (sogg. un fiume); toccare, lambire.

[1] a Lucano volg., 1330/1340 (prat.), L. III [Phars., III, 169-279], pag. 43.26: uno capo del Danubio lava Peucen...

- Pron. Essere bagnato dalle acque (di un fiume).

[2] Dante, Commedia, a. 1321, Par. 8.58, vol. 3, pag. 126: Quella sinistra riva che si lava / di Rodano poi ch'Ŕ misto con Sorga...

1.2 Fig. Purificare.

[1] Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.), L. 4, cap. 4, pag. 299.19: cului ch' Ŕ una fiata innaverato di macula di mala nominanza, ad ben lavare si conviene molt' acqua.

[2] f Sinibaldo da Perugia, Fedra, a. 1384 (umbr.-tosc.), Cap. 16.12, pag. 182: Poniamo el fallo a lui e di noiosa / lussuria el reprendiam e facian nigro, / diffamando el suo nome in tal manera, / ch'el non possa lavar Gange nÚ Tigro. || DiVo; non att. nel corpus da altre ed.

1.2.1 Fig. Mondare da un peccato (anche pron..

[1] Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.), 600, pag. 621: Mai sý se vol livramentre lavar / qi en cel dÚ permagnir e regnar...

[2] Pamphilus volg., c. 1250 (venez.), [Panfilo], pag. 83.2: Quanto malamentre eu amo lo respeto deli ogli, sý lo desmostra qe tu lave lo to core e le toi masele co le toi lagreme planšando.

[3] Questioni filosofiche, p. 1298 (tosc. sud-or.), L. I, pt. 1, cap. 9, pag. 16.25: in che modo questo pecchato si lava per lo battesimo...

[4] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 89.44, pag. 362: Venneme contrizione, / lavaime con confessione...

[5] a Leggenda Aurea, XIII ex. (pis.), 3, pag. 103.18: Volse esse(re) battegiato, no(n) p(er) mo(n)dare, nÚ p(er) lavare lo suo peccato...

[6] Giordano da Pisa, Pred. Genesi 2, 1308 (pis.), 9, pag. 92.16: Unde dirittamente Ŕ fiume, per ci˛ che lava l'anima da ogni immondisia.

[7] <Zucchero, Esp. Pater, XIV in. (fior.)>, pag. 78.28: il lebbroso sarÓ guerito e netto, cioŔ il peccatore, s'elli si lava sette volte di tutti suoi peccati...

[8] Legg. S. Caterina ver., XIV in., 833, pag. 284: lo prec´oso sangue k' el ae sparso per nui / sý ae lavado sto mondo de macle e de peccai...

[9] Elucidario, XIV in. (mil.), L. 2, quaest. 70, pag. 170.1: La confesione lava li peccadi actuale...

[10] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 143.196, pag. 606: Se tu v˛i donca ben lavarte, / pensa ben de confesarte...

[11] Dante, Commedia, a. 1321, Inf. 30.142, vol. 1, pag. 524: Maggior difetto men vergogna lava...

[12] Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.), 613, pag. 65: elly fo batišady, / Mondy e lavady de lor pechady.

[13] Cecco d'Ascoli, Acerba, a. 1327 (tosc./ascol.), L. 3, cap. 15.2931, pag. 302: tu devi [[...]] lavar l'alma dai peccati enormi...

[14] <Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.)>, c. 27, 106-111, pag. 655, col. 2.2: Padre me', da che tu me lavi de quello peccato in lo quale do cadere...

[15] Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342, cap. 23, pag. 115.23: tuti hi sacramenti de la sancta gesia han la soa virtue per la qual se lava ogne annima chi se salva.

[16] f Laude di Sansepolcro (1), XIV pm. (ssep.), 7.75, pag. 106: vanse a purgare al tenplo, / lÓ u' le vert¨ s'adenpiono, / chi se vole humiliare, / et 'l suo core dentro lavare, / ke bructura non ce sia. || LirIO; non att. nel corpus da altre ed.

[17] Jacopo Passavanti, Specchio, c. 1355 (fior.), dist. 5, cap. 6, pag. 152.7: l' anima si lava da' peccati nella confessione...

[18] Giovanni dalle Celle, Lettere, 1347/94 (fior.), [1372?] 13, pag. 288.14: Che Ŕ altro [[...]] la febre del corpo se non una fornace nella quale si consumano e ardono tutti i vizi e peccati nostri, e uno battesimo il quale lava d'ogni sozzura l'anima nostra?

[19] Matteo Corsini, 1373 (fior.), cap. 11, pag. 27.7: Ŕ di necessitÓ lavarci da ogni peccato pi¨ che possiamo.

[20] Sposiz. Pass. s. Matteo, 1373 (sic.), cap. 26, par. 2, vol. 2, pag. 114.23: l' acqua di lu baptismu ti lava l' anima da omni peccatu...

[21] S. Caterina, Epist., 1367-77 (sen.), [1376] lett. 84, pag. 342.6: el battesmo del sangue e del fuoco, nel quale l' anima purifica e lava ogni peccato...

[22] f Laude corton. (Triv.), XIV/XV, 38.75, vol. 3, pag. 152: chi se vole humiliare, / eĚ l suo core dentro lavare, / chÚ bructura non ci sia. || LirIO; non att. nel corpus da altre ed.

1.2.2 Fig. Vendicare un'onta.

[1] Brunetto Latini, Tesoretto, a. 1274 (fior.), 2652, pag. 267: Ben mostri che ti cale / di metterlo in mal nome, / ma tu non pensi come / lo spregio ch'Ŕ levato / sý possa esser lavato, / nÚ pur che mai s'amorti / lo blasmo...

1.3 Depurare (l'organismo) mediante l'eliminazione di elementi deteriori.

[1] Regimen Sanitatis, XIII/XIV (napol.), 93, pag. 566: La vera Ŕ calda et humida, temperata e suave, / et apta e convenebele, ad cui necesso 'nd'ave, / de medicina prendere, che lo so corpo lave / de li humuri superflui, unde se sente grave...

[2] Zucchero, SantÓ , 1310 (fior.), Pt. 1, cap. 12, pag. 101.13: E -l secondo giorno apreso si pu˛ bangniare, overo il terzo, in bangno d'aqua tiepida ove sieno cotte rose, per lo corpo lavare e per le soperfluitadi che lla medicina Óe chaciate purghare.

[3] Bestiario Tesoro volg., XIV pm. (sen.), cap. 49, pag. 306.3: [[L'ibis]] gorgia di quella acqua molta insieme, et poi si mette lo suo becco nelo suo culo et cacciasi tutta l'acqua nelo suo corpo, et lavasi tutte sue budella di tutta lordura.

[4] Serapiom volg., p. 1390 (padov.), Erbario, cap. 47, pag. 59.32: E qua(n)do el se desfa in l'aqua e bevese, [el] lava el ventre e šoa al stomego e al dolore de la vesiga.

[5] <a Piero de' Crescenzi volg. (ed. Sorio), XIV (fior.)>, L. 1, cap. 4, vol. 1, pag. 95.4: L'acqua tiepida genera abbominazione, e quando sarÓ pi¨ calda che questa, cioŔ pi¨ tiepida, e sarÓ bevuta a digiuno, molte fiate laverÓ lo stomaco, e solverÓ il ventre...

2 Ripulire o sciacquare con acqua o liquidi a scopo curativo.

[1] Fatti di Cesare, XIII ex. (sen.), Luc. L. 6, cap. 20, pag. 191.9: Ericon lav˛ le ferite di quel corpo con uno vecchio sangue e di veleno...

[2] Giordano da Pisa, Prediche, 1309 (pis.), 9, pag. 75.9: Questa acqua materiale, la quale lavava le corpora da ogne infermitade per la virtude di Dio...

[3] Zucchero, SantÓ , 1310 (fior.), Pt. 2, cap. 4, pag. 129.13: quando i denti dollesero, tolli la radicie della verbena cotta nel buono vino vechio, e di quella dicozione lava sovente la bocha, perci˛ che miravigliosa mente [toglie] il dolore de' denti.

[4] Virt¨ del ramerino (ed. BÚnÚteau), 1310 (fior.), pag. 249.2: tolli la radicie del ramerino e fallo bollire in fortisimo acieto, e del detto acieto sý lava li piedi ispessamente, e farÓliti forti e sani.

[5] Bind. d. Scelto (ed. Gozzi), a. 1322 (sen.), cap. 331, pag. 353.7: Questo medico gli Ó sue piaghe lavate e fasciate e medicato di tal maniera...

[6] Ottimo, Inf., a. 1334 (fior.), c. 30, pag. 514.7: Ella chiedea alli Troiani uno orcio per atignere acqua, con la quale lavasse le fedite del suo bello Polidoro...

[7] f Bagni di Pozzuoli, c. 1340 (napol.), XXI De Succellario, 412, pag. 58: Chillo ch'avesse scabia, parva lintiginaša, / o color sušo carneo, o panno ne la faša, / in questa acqua lavandose, tucto lo monda et cacša... || LirIO; non att. nel corpus da altre ed.

[8] Mascalcia G. Ruffo volg., a. 1368 (sic.), cap. 21, pag. 590.24: E lava beni in prima la firita cun lu achitu...

[9] Serapiom volg., p. 1390 (padov.), Erbario, cap. 184, pag. 188.31: quando el se lava la faša [co(n)] la decociom de [questa], la mundifica e remuove le crespe de quella.

[10] <a Piero de' Crescenzi volg. (ed. Sorio), XIV (fior.)>, L. 9, cap. 55, vol. 3, pag. 97.1: scoperta che fia la piaga, si lavi con forte aceto...

[11] Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.), cap. 88, pag. 206.15: se voi curar(e) lo c. lava la plaga co lo vino voi co la salamoia...