LAVATO agg.

0.1 lav , lavada, lavado, lavae, lavata, lavate, lavati, lavato, lavay, lav, llavado, llavato; a: lavade, lavatu.

0.2 V. lavare.

0.3 Albertano volg., 1275 (fior.): 1.

0.4 In testi tosc.: Albertano volg., 1275 (fior.); Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.); Stat. sen., 1298; Stat. lucch., XIV pm.

In testi sett.: Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.); Serapiom volg., p. 1390 (padov.); Poes. an. bologn., XIV sm.

In testi mediani e merid.: Castra, XIII (march.); Jacopone (ed. Contini), XIII ui.di. (tod.); Doc. perug., 1346; Anonimo Rom., Cronica, XIV; Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.).

In testi sic.: Senisio, Caternu, 1371-81 (sic.).

0.5 Locuz. e fras. non lavato 1.1.

0.7 1 Deterso da sporcizia o impurit con l'acqua. 1.1 Locuz. agg. Non lavato (rif. a un tessuto). 1.2 Fig. Mondato da un peccato. 1.3 Fig. Sciocco.

0.8 Aurelio Malandrino 19.09.2017.

1 Deterso da sporcizia o impurit con l'acqua.

[1] Albertano volg., 1275 (fior.), L. II, cap. 24, pag. 158.21: La mano spesso unta no(n) pre(n)de lo tenere della spada; la lavata (e) forbita cote(n)na si duole p(er) ve(n)to (e) p(er) acqua (e) p(er) freddo.

[2] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), Vita beati Alexii, 11, pag. 290: Tre mens a casa soa stevan apparegiae / Ai peregrin, ai poveri, al vedoe rezitae, / E lu da nona zeva al desc, col man lavae, / Con relos persone, devot e honorae.

[3] Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.), De amore, L. II, cap. 18: la mano dilicata no(n) pu bene tenere la spada (et) la code(n)na spesso lavata (et) u(n)ta si duole p(er) ve(n)to (et) p(er) l'acqua...

[4] Stat. sen., 1298, dist. 1, cap. 37, pag. 162.9: statuimo et ordinamo, che li signori sieno tenuti di fare mttare due volte l'anno bando per la citt, che neuna persona tolla in pegno n in compra lana n stame n boldroni lavati, filata n isfilata...

[5] Castra, XIII (march.), 43, pag. 918: lo battisac[c]o trovai be llavato, / e da capo mi pose la scena...

[6] Tesoro volg., XIII ex. (fior.), L. 3, cap. 5, pag. 43.11: sopra tutte maniere d'acqua si quella che novellamente colta di piova, se ella bene monda e messa in cisterna ben lavata nettamente...

[7] Doc. fior., 1299-1300, pag. 765.3: Chintali IJ e uno quarterone di lana lavata de dare...

[8] Stat. sen., 1301-1303, cap. 18, pag. 16.24: La soma de la lana lavata e de' boldroni di Garbo bianchi, IIJ soldi kabella...

[9] Stat. pis., 1304, cap. 19, pag. 667.21: che neuna persona riceva in pegno n in vendita lana n tinta n bianca, n sucida n lavata, n filata n non filata...

[10] Libro pietre preziose, XIV in. (fior.), pag. 323.6: Gharatythes s nero: lo quale se tue il tieni in bocca lavato, incontanente potrai dicere qualunque cosa altri pensasse d' altrui...

[11] Zibaldone da Canal, 1310/30 (venez.), pag. 14.25: Voiote dar l'axenpllo: lo millier de la lana lavada val lbr. CCXXXVJ...

[12] Doc. perug., 1346, pag. 24.4: sia buona rena lavata e miscolata insieme, e biene intrisa.

[13] Stat. lucch., XIV pm., pag. 87.41: che le vestimenta le quali sono date al preite quando canta la messa spesse volte siano mondate et necte, ci lavate.

[14] Bestiario Tesoro volg., XIV pm. (sen.), cap. 29, pag. 289.28: La cenere dele picciole rane, arse a spargere suso lo capo lavato, avaccio sana l'alopitia.

[15] Ricette di cucina, XIV m. (fior.), 28, pag. 19.22: togli la lampreda bene lavata e bene stropicciata col sale...

[16] Ricette di Ruberto Bernardi, 1364 (fior.), pag. 25.15: meterne l'otava parte [[scil. di un osso di bue]] chon questa cenere, e torai renella, l'otava parte, bene lavata.

[17] Senisio, Caternu, 1371-81 (sic.), vol. 1, pag. 64.3: La abbatissa appe cantara di lana grossa blanca lavata per farini lu pannu cantara iij rotula l.

[18] Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.), cap. 130, pag. 259.21: poi pisti la radicina d(e) la caprinella b(e)n lavata (con) l'assung(n)a...

- Fig. || V. capo 1.17.

[19] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 7, pag. 30.5: E conveose allo abbate dello venerabile monistero de Santo Pavolo essere buffone? Va' per li fatti tuoi! Cos tornao collo capo lavato.

1.1 Locuz. agg. Non lavato (rif. a un tessuto).

[1] Pegolotti, Pratica, XIV pm. (fior.), pag. 157.8: Lana non lavata, libbre 1500 per 1 migliaio.

[2] Piero Ubertino da Brescia, p. 1361 (tosc.), pag. 19, col. 2.26: R(ecipe) lana non lavata sucida e ardila...

[3] Senisio, Caternu, 1371-81 (sic.), vol. 1, pag. 159.14: Item appe di agnina nigra non lavata rotula lxxxviiij.

[4] Serapiom volg., p. 1390 (padov.), Erbario, cap. [35.5], pag. 47.7: quando se mete la lana non lav in questo vino e po se mete sovra queste apostemacion.

1.2 Fig. Mondato da un peccato.

[1] Disputatio roxe et viole, XIII (lomb.), 157, pag. 107: ch'el' negreza la toa faza blaveta, / ell' segno de morte he de mortale tristeza, / li pecauri desegna che de li mort pecay / son tuti pleni e nigri, no mondi ni lavay.

[2] Jacopone (ed. Contini), XIII ui.di. (tod.), 17.47, pag. 126: Alma che stai enarrata / de lo Sposo diletto, / srvate ben lavata / e 'l tuo volto stia netto...

[3] Legg. S. Margherita, XIII ex. (piac.>ver.), 498, pag. 28: Tramtime fora e bailia / Ke lla tegna lav e forbia / E monda e pura e neta...

[4] Giordano da Pisa, Quar. fior., 1306 (pis.>fior.), 9, pag. 40.5: vedi qui grande ammaestramento, che incontanente che ttu se' lavato e mondo dal peccato...

[5] Elucidario, XIV in. (mil.), L. 2, quaest. 38, pag. 158.22: Como la semeza no-monda de l'omo ch' tuta lavada in lo batesmo e poy che lo matrimonio bono e licito?

[6] Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.), 507, pag. 62: Che tu no me puos esser in grado, / Se tu nonn mondo e llavado. / E quando bati seras, / Da mi qui dreto torneras...

[7] Laudi Battuti di Udine, XIV m. (tosc.-ven.), 17.8, pag. 58: Imprimamentre li nostri peccati / tutti ne siano mondi e lavati...

[8] a Libru di li vitii et di li virtuti, p. 1347/52-a. 1384/88 (sic.), cap. 98, pag. 130.10: li cori ki sunu gentili per gratia, nobili per bona vita, netti et lavati per vera confessioni.

[9] Poes. an. bologn., XIV sm. (3), 47, pag. 48, col. 1: El te perdonna tanto alagrimado / D'onne pechato tuoi mondo e lavado.

1.3 Fig. Sciocco. || (Marti).

[1] Cecco Angiolieri, XIII ex. (sen.), 79.5, pag. 197: Ed i' era s sciocch'e s lavato, / che s' i' 'l vedea mangiar pur du' derrate / di fichi, s credea in veritate / il d medesmo red'esser chiamato.

[2] Cecco Angiolieri, XIII ex. (sen.), 95.13, pag. 213: a cu' la moglie muor, ben lavato, / se la ripiglia...