LETIZIA s.f.

0.1 lectitia, leticia, letišia, letigia, letisia, letisie, letitia, letitie, letiza, letizia, letizie, letticia, litizia, lletizia.

0.2 Lat. laetitia (DELI 2 s.v. letizia).

0.3 Ritmo S. Alessio, XII sm. (march.): 1 [22].

0.4 In testi tosc.: Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.); Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.); Lett. sen., XIII u.v.; Folgˇre, Semana, c. 1309 (sang.); a Lucano volg., 1330/1340 (prat.); Mino Diet., Sonn. Inferno, XIV m. (aret.); f Laude di Sansepolcro (2), XIV sm. (ssep.); f Laude corton. (Triv.), XIV/XV.

In testi sett.: Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.); Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.); Amore di Ges¨, XIV in. (ver.); Fontana, Rima lombarda, 1343/46 (parm.); Matteo Corr. (ed. Corsi), XIV pm. (padov.?); Sam Gregorio in vorgÓ , XIV m. (lig.).

In testi mediani e merid.: Ritmo S. Alessio, XII sm. (march.); Proverbia pseudoiacop., XIII (abruzz.); Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.); Stat. assis., 1329; Buccio di Ranallo, S. Caterina, 1330 (aquil.); Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.); a De li sengni, XIV m. (rom.); Anonimo Rom., Cronica, XIV; Destr. de Troya, XIV (napol.).

In testi sic.: Simone da Lentini, 1358 (sirac.).

0.5 Locuz. e fras. avere letizia 1; dare letizia 1.2, 1.3; fare letizia 1.1; letizia di Galeno 4; letizia Galieni 4; portare letizia 1.2.

0.6 A Doc. sen., 1235: Letišia mollie che fue Giova(n)ni; Doc. prat., 1296-1305: Letišia cas. d. Be(r)ta, Letitia f. Bonacorsi del Manghio.

0.7 1 Sentimento di gioia e serenitÓ. 1.1 Locuz. verb. Fare letizia: rallegrarsi. 1.2 Dare, portare letizia: allietare. 1.3 Condizione di beatitudine spirituale; felicitÓ celeste del Paradiso. Dare letizia. 1.4 Manifestazione esteriore di gioia e serenitÓ. 2 [Rif. a un'anima beata:] bagliore luminoso che si sprigiona a causa della gioia interiore. 2.1 Anima beata che emana un bagliore luminoso per la gioia interiore. 3 Piacere materiale. 4 [Med.] Locuz. nom. Letizia di Galeno / Galieni: farmaco con effetto purgante.

0.8 Aurelio Malandrino 22.09.2017.

1 Sentimento di gioia e serenitÓ.

[1] Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.), 34, pag. 524: qi sente d' amore la travaia e la pena, / lo gaudio e la leticia, como se porta e mena...

[2] Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.), pag. 78.11: chi vuole considerare il vero, altro modo vuole nelle voci e nel corpo parlando di dolore che di letizia, et altro di pace che di guerra.

[3] Albertano volg., 1275 (fior.), L. II, cap. 15, pag. 111.15: Lo riso si mescolerÓ a dolore, (e) la fine dela letitia si soprapre(n)de da pianto.

[4] Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.), Liber cons., cap. 50: cosý, co(n) l'alegressa (et) (con) letitia, catuno si pa(r)ticte.

[5] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 65.96, pag. 269: pensa qual fai cagno, / letizia dar per lagno...

[6] Folgˇre, Semana, c. 1309 (sang.), 27.1, pag. 386: Giugne Allegrezza con letizia e festa, / tutta fiorita che pare un rosaio...

[7] Giovanni da Vignano, XIII/XIV (bologn.>ven.), cap. 69, pag. 314.11: La constancia si Ŕ nutrixe de la letitia e pasce la mente...

[8] Zucchero, SantÓ , 1310 (fior.), Pt. 2, cap. 5, pag. 130.8: Ancora fattichare e crucciare tenperatamente, e avere gioia e letizia...

[9] Stat. assis., 1329, cap. 5, pag. 167.24: niuno ardisca per battagla o per victoria de quingnunqua persona [[...]] fare signe de letitia dentro dalla citade...

[10] Buccio di Ranallo, S. Caterina, 1330 (aquil.), 1522, pag. 393, col. 1: La fameglia pilliarula, / della terra cacciarola; / allu locu deputatu, / lu quale era ordenato / de fare le malefitia, / menarola con letitia.

[11] Bosone da Gubbio, Avv. Cic., a. 1333 (eugub.>fior.), L. 2, cap. 14, pag. 238.10: qual fia la tua allegrezza e letizia quando ti rimembrerai ch'Ói perduto il diletto e l'onore...

[12] Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.), pt. I, cap. 5, pag. 620.7: Non si lavavano giammai nÚ capo, nÚ volto, con gli occhi lattimosi per lo pianto, sanza veruno riso e sanza veruno atto o segno d'umana letizia...

[13] Boccaccio, Filocolo, 1336-38, L. 4, cap. 154, pag. 542.21: Entrano costoro con letizia in Alessandria...

[14] Ciampolo di Meo Ugurgieri, a. 1340 (sen.), L. 1, pag. 31.23: Acci˛ sia Bacco datore di leticia, e la buona Juno...

[15] a Lucano volg., 1330/1340 (prat.), L. I [Phars., I, 121-157], pag. 4.31: tutto era menato da' venti del popolo e rallegravasi della letitia del suo palagio...

[16] Fontana, Rima lombarda, 1343/46 (parm.), 50, pag. 20: E ci˛ t'avenne, o malitiosa, / da l'Arroganza e d'Ambitionne [[...]] / da Cupideza e da l'Avariza / per che non sa desio contentare, / che tu non ha' d'aver assa' <speranza> letitia...

[17] Mino Diet., Sonn. Inferno, XIV m. (aret.), 24.8, pag. 31: Lete privation d' ogne notitia / ch' a la memoria son state congio[n]te, / come privata di sua vita fronte / o corpo morto d'ogne sua letitia.

[18] Sam Gregorio in vorgÓ , XIV m. (lig.), L. 3, cap. 14, pag. 177.24: [[Ysac]] alcuna volta era sý alegro e mostrava tanta leticia che chi no l' avese conosuo no averea posuo creder ch' elo fuse omo vertuoso.

[19] Simone da Lentini, 1358 (sirac.), cap. 7, pag. 22.18: Robertu prisi la chitati di Rigiu cum grandi leticia...

[20] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 32, pag. 278.5: lo duca Nestore le receppe cum gran leticia.

- [Personificata].

[21] Giostra virt¨ e vizi, XIII ex. (march.), 355, pag. 337: Respuse la Letitia, che Ó penne de paguni / e cor senša fastiiu...

- Avere letizia.

[22] Ritmo S. Alessio, XII sm. (march.), 77, pag. 20: tutta Roma era assai gaudente: / maiore letitia ne avea la gente.

[23] Ant. da Tempo, Rime (ed. Grion), 1332 (tosc.-padov.), 6.18, pag. 84: questo vien da sašo core, / Di buoni fatti aver letizia e zoglia...

[24] Francesco da Buti, Par., 1385/95 (pis.), c. 3, 46-57, pag. 86.7: Letizian; cioŔ letiziaÓnno e godono...

- [Prov.].

[25] a Proverbi e modi prov., XIII/XIV (sen.), pag. 113.20: Di grande letitia gran tristitia.

1.1 Locuz. verb. Fare letizia: rallegrarsi.

[1] Cavalca, Specchio de' peccati, 1333 (pis.), cap. 7, pag. 58.20: peccato Ŕ fare letizia dell' altrui aversitadi...

[2] Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.), pt. I, cap. 14, pag. 640.15: studiati, anima, di niuna cosa e per niuna cosa, in niuna cosa e con niuno fare letizia se non del beneplacito di Dio e della virt¨ e della buona operazione...

[3] Cavalca, Esp. simbolo, a. 1342 (pis.), L. 1, cap. 33, vol. 1, pag. 313.6: quando Cristo nacque per noi salvare, fecero letizia, e cantarono: Gloria in excelsis Deo...

[4] Deca terza di Tito Livio, XIV m. (fior.), L. 8, cap. 26, pag. 331.13: la quale [[paura]] tacita risedeva negli animi loro, gli liber˛, ma grandissima letiziafece, chŔ pi¨ tosto essi dovieno avere lo 'mperadore solo, che essi fossero nella podestÓ dello 'mperadore.

1.2 Dare, portare letizia: allietare.

[1] Albertano volg., 1275 (fior.), L. II, cap. 22, pag. 147.17: Gastiga lo figluolo tuo, (e) refrigerrae te, (e) darae letitia al'anima tua.

[2] Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.), De amore, L. II, cap. 16: la stoltitia si caccia p(er) lo casticare, (et) divie(n)none savi li figliuoli, (et) daranoti letisia...

[3] Dante, Vita nuova, c. 1292-93, cap. 31 parr. 8-17.74, pag. 133: Pietosa mia canzone, [[...]] / ritruova le donne e le donzelle / a cui le tue sorelle / erano usate di portar letizia...

1.3 Condizione di beatitudine spirituale; felicitÓ celeste del Paradiso. Dare letizia.

[1] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De die iudicii, 346, pag. 208: [[In paradiso]] gh'Ŕ verax delitia, careza, pax, divitia, / Amor e grand letitia e franchitß segura.

[2] Bono Giamboni, Vizi e Virtudi, a. 1292 (fior.), cap. 22, pag. 43.6: La terza cena sý Ŕ detta cena perfetta; e questa Ŕ quando si pasce l'anima della letizia spirituale.

[3] Proverbia pseudoiacop., XIII (abruzz.), 256, pag. 39: Per la Toa dolce gratia 'n quillu locu me mena, / Dov' Ŕ gaiu et letitia con visione plena.

[4] Laude cortonesi, XIII sm. (tosc.), 33.25, vol. 1, pag. 219: Ies¨, letitia et gaudio de la gente...

[5] Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.), 24, pag. 76.4: pregemo quello k'Ŕ verace salute k'a voi salute e leticia ve dia...

[6] Lett. sen., XIII u.v., pag. 50.40: In te non Ŕ paura ma Ŕ perfetta sicurtÓ, in te non Ŕ tristitia ma Ŕ conpiuta letitia...

[7] f Cassiano volg. (A), XIII ex. (sen.), Collaz. VII, cap. 36, pag. 129r.6: per lo pi¨ longo parlar vostro socto cagione di questa questione mi sia donata letitia spirituale et pi¨ abondevole fructo... || DiVo; non att. nel corpus da altre ed.

[8] Giordano da Pisa, Quar. fior., 1306 (pis.>fior.), 37, pag. 196.26: questa fatica de la carne getta poi ne l'anima una grande letizia...

[9] Giordano da Pisa, Pred. Genesi 2, 1308 (pis.), 9, pag. 92.32: per Dio procurate che voi abbiate contrissione di peccati vostri, per˛ che vi sarÓ grande letisia e lo Spirito Santo sarÓ con voi.

[10] Amore di Ges¨, XIV in. (ver.), 64, pag. 48: Or comenšemo a dir ŕ lo bon segno / de dolšo Jes¨ Christo re benegno, / e quanto rendo lo so dolšo amor / gaudio e letitia enl cor de' peccaor.

[11] Legg. Transito della Madonna, XIV in. (abruzz.), 503, pag. 36: Multu ne fo in cielo gran letitia; / cantando li angeli [la] portavano con gran letitia.

[12] <Jacopo della Lana, Par., 1324-28 (bologn.)>, c. 14, 19-33, pag. 318, col. 2.7: se 'l fosse noto a qui' della prima vita tanta leticia, i non si lamentaraveno mai per la morte d'abbandonare lo mundo...

[13] Barlaam e Iosafas (S. Genev.), XIV pi.di. (pis.), cap. 6, pag. 266.33: quando lo filiolo del rei ci˛ ebbe inteso, di gaugio e di letitia spirituale senticte lo suo cuore infiamare...

[14] Giovanni Quirini, XIV s.-t.d. (tosc.-ven.), 8.5, pag. 14: O sole eterno di vera iusticia, / che scaldi el mondo [[...]] / tu se' principio di tuta leticia...

[15] Cavalca, Vite eremiti, 1321-30 (pis.>fior.), Vita di Antonio, cap. 10, pag. 122.19: Una Ŕ dunque la ragione, che ci fa vincere lo nimico, cioŔ letizia spirituale e continua memoria, e baldanza di Dio.

[16] Cavalca, Specchio di croce, a. 1333 (pis.), cap. 27, pag. 122.16: Il timore di Dio diletta il cuore, e letizia e gaudio.

[17] Matteo Corr. (ed. Corsi), XIV pm. (padov.?), 1.44, pag. 147: questo mi difende / da pianto, da sospiri e da tristezza, / e veste el cor d'una letizia nova...

[18] Jacopo Passavanti, Specchio, c. 1355 (fior.), dist. 5, cap. 4, pag. 126.28: tornando pieno di letizia al suo confessoro [[...]] domand˛ umilmente d' essere ricevuto all' Ordine...

[19] a De li sengni, XIV m. (rom.), 222, pag. 363: Satanasso con sua conpagnia / sý verrÓ senša sogiorno / et pilgliarao la gente ria / et metteraola nel profondo: / de fuocho li farrao grande devitia, / tristi serrando senga letitia.

[20] S. Caterina, Epist., 1367-77 (sen.), [1373] lett. 12, pag. 52.15: O bontÓ di Dio! per dare letitia all' anima, dice che non vuole la morte nostra, ma che viviamo in lui.

[21] Laud. Battuti Modena, a. 1377 (emil.), 45.22, pag. 100: Fontana sie de gratia, dolše donna apresiata, / unguento de letitia...

[22] Gl Francesco da Buti, Par., 1385/95 (pis.), c. 19, 13-27, pag. 541.9: De l'eterna letizia; cioŔ della beatitudine eterna di paradiso, che Ŕ Iddio che Ŕ eterno...

[23] Leggenda Aurea, XIV sm. (fior.), cap. 177, Consacraz. chiesa, vol. 3, pag. 1612.4: con queste lagrime dovemo avere il vino di spirituale letizia e 'l sale di matura discrizione e cennere di profonda umiltÓ.

[24] f Laude di Sansepolcro (2), XIV sm. (ssep.), 24.37, pag. 198: A voi con gram letitia, / o MaestÓ superna, / dove Ŕ tutta giustizia, / vengo in vita eterna... || LirIO; non att. nel corpus da altre ed.

[25] f Laude corton. (Triv.), XIV/XV, 12.11, vol. 3, pag. 69: Imperial corona, letitia dei santi, / profeta e patriarci tu fai giocundanti... || LirIO; non att. nel corpus da altre ed.

1.4 Manifestazione esteriore di gioia e serenitÓ.

[1] Cronica fior., XIII ex., pag. 100.23: E tornando elli [[scil. papa Eugenio III]] ad Roma, il chericato e tucto il popolo gli si fece incontro con grande letišia, gridando...

[2] a Leggenda Aurea, XIII ex. (pis.), 4, pag. 117.39: feno letisia ismizurata che non Ŕ ho(mo) che dire potesse lo gra(n)de canto (et) la grande luminara che quine era.

[3] Filippo da Santa Croce, Deca prima di Tito Livio, 1323 (fior.), L. 7, cap. 36, vol. 2, pag. 203.22: Ciascuno per sŔ venne loro incontra laudandoli e pregiandoli, e facendo loro letizia, e ad uno ad uno...

[4] Valerio Massimo, red. V1, a. 1336 (fior.), L. 2, cap. 5, pag. 183.20: Partitosi Cato, il popolo proseguio il gioco, e rivocaronlo nel suo loco, secondo la prima usanza, con grande letizia. || Cfr. Val. Max., II, 10, 8: źquem abeuntem ingenti plausu populus prosecutus priscum morem iocorum in scaenam reuocauit...╗.

[5] Enrico Dandolo, Cron. Venexia, 1360-62 (venez.), pag. 294.10: Et cum quella vene a Venesia cum gram triunpho, et cum quella riverentia et lectitia che fu degno...

[6] Matteo Villani, Cronica, 1348-63 (fior.), L. 9, cap. 60, vol. 2, pag. 373.18: il quale acompagnato da CC cavalieri del signore di Padova si partý, e giunto in Verona, con grande letizia e onore fu ricevuto...

[7] Legg. sacre Mgl.II.IV.56, 1373 (fior.), Legg. di S. Piero, pag. 9.3: ritrovandosi [[san Paolo]] insieme con messere san Piero, e facendosi insieme grandissima letizia...

[8] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 18, pag. 156.21: tutti levaro voce in aito e con granne letizia voizero che remanessi lÓ signore una collo vicario dello papa.

2 [Rif. a un'anima beata:] bagliore luminoso che si sprigiona a causa della gioia interiore.

[1] Dante, Commedia, a. 1321, Par. 8.52, vol. 3, pag. 126: La mia letizia mi ti tien celato / che mi raggia dintorno e mi nasconde...

[2] Gl <Jacopo della Lana, Par., 1324-28 (bologn.)>, c. 8, 46-57, pag. 187, col. 1.18: dixe lo ditto Carlo: 'la mia letitia', šoŔ la mia luxe, mi a ti cela...

[3] Boccaccio, Rubriche, 1366/72 (?), pag. 270.40: poi, dicendogliel san Bernardo, [[Dante]] volse gli occhi alla letizia de' gloriosi.

2.1 Anima beata che emana un bagliore luminoso per la gioia interiore.

[1] Dante, Commedia, a. 1321, Par. 9.67, vol. 3, pag. 143: L'altra letizia, che m'era giÓ nota / per cara cosa, mi si fece in vista...

3 Piacere materiale.

[1] <Cavalca, Disc. Spir., a. 1342 (pis.)>, cap. 18, pag. 145.19: Che cosa Ŕ la letizia del secolo, se non impunita nequizia? cioŔ lussuriare, inebriarsi, e cercare cose fetenti, e vane...

[2] Boccaccio, Ninfale, 1344/48 (?), st. 309.1, pag. 303: SentÝ Africo, allora, gran letizia, / veggendo che a ci˛ era contenta, / e donandole basci a gran dovizia...

[3] Arte Am. Ovid. (A), XIV pm. (pis.), L. II, pag. 96.15: la pecora Ŕ con letisia amontata e la giovenca Ŕ lieta del toro...

[4] Boccaccio, Decameron, c. 1370, X, 8, pag. 676.32: io ti priego che [[...]] a una ora consoli te e me e con buona speranza ti disponghi a pigliar quella letizia che il tuo caldo amore della cosa amata disidera.

4 [Med.] Locuz. nom. Letizia di Galeno / Galieni: farmaco con effetto purgante.

[1] Libro de conservar sanitate, XIV sq. (venez.), Del coito, pag. 28.1: Ancora Ŕ bon che tal fiada usÚ del diamargariton osia del pliris co(n) musco o letitia Galieni...

[2] Gregorio d'Arezzo (?), Fiori di med., 1340/60 (tosc.), pag. 53.7: Ancora Ŕ buono che usiate diamargheriton, overo pliris com moscado, overo letitia di Galieno...