FORMOSO agg.

0.1 formosa, formose, formosi, formosissima, formoso.

0.2 Lat. formosus (DELI 2 s.v. forma).

0.3 Laude cortonesi, XIII sm. (tosc.): 1.

0.4 In testi tosc.: Laude cortonesi, XIII sm. (tosc.); Dante, Convivio, 1304-7; Cavalca, Esp. simbolo, a. 1342 (pis.); Bestiario Tesoro volg., XIV pm. (sen.).

In testi sett.: Paolino Minorita, 1313/15 (venez.); Framm. Milione, XIV pm. (emil.).

In testi mediani e merid.: Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.).

In testi sic.: Sposiz. Pass. s. Matteo, 1373 (sic.).

0.7 1 Di forme belle, armoniose, proporzionate (anche fig.).

0.8 Demetrio S. Yocum 05.02.2016.

1 Di forme belle, armoniose, proporzionate (anche fig.).

[1] Laude cortonesi, XIII sm. (tosc.), 8.6, vol. 1, pag. 118: Ave, regina, - pulšell'amorosa, / stella marina - ke non stai nascosa, / luce divina, - virt¨ grat´osa, / belleša formosa: - di Dio se' semblanša!

[2] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 22.78, pag. 78: Mirate en esto specchio - de me, desfatto vecchio: / fui sý formoso e bello...

[3] Dante, Convivio, 1304-7, III, cap. 3, pag. 165.8: E per˛ vedemo certo cibo fare li uomini formosi e membruti...

[4] Legg. S. Caterina, XIV in. (tosc.), str. 21.4, pag. 492: źSe tu il sai, dillo incontanente, / ancora che a noi sia ponderoso, / come Idio e huomo veramente / sia una sustantia formoso╗.

[5] Paolino Minorita, 1313/15 (venez.), cap. 49, pag. 70.7: e k'ella sia e granda del corpo e ben formada, kŔ de cotal comunementre sol nascer grandi e formosi fioli.

[6] Ceffi, Epistole eroiche, 1320/30 (fior.), ep. Ero, pag. 185.26: s' egli Ŕ vero il compiuto amore che tu ricevesti dalla bella donna Amimona, e dalla maravigliosa Tiro, e dalla splendiente Alciona, e dalla formosa Circe...

[7] Boccaccio, Ameto, 1341-42, cap. 12, pag. 708.4: E ella, di statura grande e ne' membri formosa, e tanto bene proporzionata quanto altra mai...

[8] Cavalca, Esp. simbolo, a. 1342 (pis.), L. 1, cap. 41, vol. 2, pag. 47.34: Dietti dunque Dio l' essere formoso, e bello...

[9] Bestiario Tesoro volg., XIV pm. (sen.), cap. 64, pag. 318.28: Et maximamente se cci metterai lapis vacuus trito con baurac rubeo (baurac idest genus salsuginis), farae ritornare la faccia formosa et monad...

[10] Jacopo Passavanti, Tratt. superb., c. 1355 (fior.), cap. 5, pag. 218.10: Anche nuoce la superbia all' uomo, ch' ella toglie all' anima la sua bellezza e la sua formosa figura...

[11] Sposiz. Pass. s. Matteo, 1373 (sic.), cap. 21, par. 4, vol. 2, pag. 74.8: una domus, una columba, Maria, una formosa...

[12] Boccaccio, Esposizioni, 1373-74, c. XIV (ii), par. 18, pag. 658.10: l'autore vuol sentire la moltitudine della umana generazione, quella figurando ad un monte, [[...]] e chiamasi questo monte Ida, cioŔ formoso, in quanto, per rispetto dell'altre creature mortali, l'umana generazione Ŕ cosa bellissima e formosa...