VÒMERE (2) v.

0.1 voma, vome, vomen, vomendo, vomer, vomere, vomerti, vomesse, vomeva, vomi, vomire, vomiscie, vomiscono, vomissce, vomito, vomo, vomue, vuomere; f: vomiscasi.

0.2 Lat. vomere (DEI s.v. vomere 3).

0.3 a Antidotarium Nicolai volg., XIII ex. (fior.): 1; <Zucchero, Esp. Pater, XIV in. (fior.)>: 1.

0.4 In testi tosc.: a Antidotarium Nicolai volg., XIII ex. (fior.); <Zucchero, Esp. Pater, XIV in. (fior.)>; Stat. sen., 1309-10 (Gangalandi); Zucchero, Santà , 1310 (fior.).

In testi sett.: Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311; Enselmino da Montebelluna, XIV pm. (trevis.); Libro de conservar sanitate, XIV sq. (venez.); Serapiom volg., p. 1390 (padov.).

0.6 N Si raccolgono anche le forme riconducibili a vomire, data la difficoltà di distinguere in modo univoco le occ.

0.7 1 Espellere dalla bocca con conati quanto contenuto nello stomaco; lo stesso che vomitare. 1.1 Fig. 1.2 Estens. Emettere dalla bocca.

0.8 Speranza Cerullo 10.07.2016.

1Espellere dalla bocca con conati quanto contenuto nello stomaco; lo stesso che vomitare.

[1] a Antidotarium Nicolai volg., XIII ex. (fior.), 155, pag. 53.12: Vomitus è detto da vomire, inperciò ke purga li omori freddi...

[2] <Zucchero, Esp. Pater, XIV in. (fior.)>, pag. 108.14: coloro che solamente attendono ad essere golosi in mangiare e in bere più che non bisogna, [[...]] spesse volte conviene loro vomire la vivanda da quella parte ond'elli la mandano...

[3] Zucchero, Santà , 1310 (fior.), Pt. 1, cap. 13, pag. 103.26: ll'uomo [[...]] per la santade guardare sì dee vomire due volte il mese l'una apresso l'altra, per ispurghare il secondo giorno ciò che rrimane del primo.

[4] Ciampolo di Meo Ugurgieri, a. 1340 (sen.), L. 11, pag. 383.31: Quelli, vomendo rivi di sangue, cade e mangia la terra sanguinosa...

[5] Libro de conservar sanitate, XIV sq. (venez.), Dela cura del reçevuto veleno, pag. 33.26: se algun beverà d'essa [[scil. la tiriaca]] che avesse bevù veleno, incontenente lo farà gettar tanto che serà tutto fora, e s'el no averà preso veleno no lo farà vomire...

[6] Ricette di Ruberto Bernardi, 1364 (fior.), pag. 47.31: Quando alquno sentisse tali sengni, si arghomenti in tale maniera. In prima menomi il cibo e 'l bere, e usi di vomire...

[7] Serapiom volg., p. 1390 (padov.), Erbario, cap. 261, pag. 273.29: Dyascorides dixe che chi pesta quindexe grani de strafuxa e beverli cum aqua de miele, la fa vomere humori grossi viscoxi, flematici.

[8] f Agostino da Scarperia (?), Città di Dio, a. 1390 (tosc.), L. II, cap. 20, vol. 1, pag. 168.11: dovunque piacerà e potrassi, di dì e di notte, giuochisi, beasi, inebbriisi, vomiscasi, scialacquisi, ballisi, e suonisi per tutto. || DiVo; non att. nel corpus da altre ed.

- Sost.

[9] Zucchero, Santà , 1310 (fior.), Pt. 1, cap. 13, pag. 104.10: si de elli riposare [[...]] e mangiare mélle cotongne con un poco di mastica, per paura che -l vomire no vengna troppo forte...

[10] Serapiom volg., p. 1390 (padov.), Erbario, cap. 199, pag. 209.33: E se 'l fosse alguno homo che fosse duro e inepto a el vomere, sì desfaça cum lo ullio comum o cum ullio de çiyi questo ellacterio...

1.1 Fig.

[1] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 143.15, pag. 599: L'omo chi va a confesárse / sì dé alô ben apensarse / [[...]] / e vomer fora lu pecao / de che el'era atoxigao.

[2] Ciampolo di Meo Ugurgieri, a. 1340 (sen.), L. 10, pag. 330.8: La cresta sopra l'elmo d'Enea fiammeggia, e l'aureo scudo vome grandi fuochi...

[3] Ciampolo di Meo Ugurgieri, a. 1340 (sen.), L. 11, pag. 382.19: il mare ondeggiando [[...]] ora veloce e i rivolti sassi vomendo fugge a dietro, e partendosi l'acqua il lito lassa.

[4] Enselmino da Montebelluna, XIV pm. (trevis.), 607, pag. 40: O dolorosa mi, ch'io non so chomo / sia questo mo che per si non respira, / però non so chomo l'alma non vomo.

[5] Arrighetto (ed. Battaglia), XIV (tosc.), L. 1, pag. 223.3: Allora piango, allora gli occhi beono le loro lagrime, anzi le vomiscono, con due fonti bagnando la faccia.

[6] Bibbia (10), XIV-XV (tosc.), Ap 3, vol. 10, pag. 500.18: [16] Ma perchè tu se' tiepido, e non se' frigido nè caldo, io cominciarò a vomerti fuora della bocca mia.

1.2Estens. Emettere dalla bocca.

[1] Stat. sen., 1309-10 (Gangalandi), dist. 1, cap. 4, vol. 1, pag. 44.22: questi sono li serpenti e' quali paiono che niscostamente sottentrino, et sotto dolceza di mele el tosco vuomere, et cibo di vita apparecchiare s'infengano...