REMESEDAR v.

0.1 remesedando, resmesedada, rimixia, rimixita; f: remesedarono.

0.2 Da mesedare.

0.3 Vita di S. Petronio, 1287-1330 (bologn.): 1.

0.4 In testi sett.: Vita di S. Petronio, 1287-1330 (bologn.); Cinquanta miracoli, XIV pm. (ven.).

In testi sic.: Angelo di Capua, 1316/37 (mess.).

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Mettere sottosopra, lo stesso che rimescolare. 1.1 Andare in giro frugando. 2 Mettere in stato di agitazione. 3 Destarsi dal sonno.

0.8 Sara Ravani 25.11.2019.

1 Mettere sottosopra, lo stesso che rimescolare.

[1] Vita di S. Petronio, 1287-1330 (bologn.), cap. 6, pag. 34.15: Intanto ch'i maori luoghi di sancti, ch'erano per le contrade overo per la citade de Roma, ello sý andava cercando e, fašando avrire le archy e li monimenti, ello sý ne tollea le reliquie a tuto lo so diminio, vešando li romani che san Petronio andava cusý remesedando li corpi sancti de Roma, igli comš˛no forte a mormorare...

1.1 Andare in giro frugando.

[1] f Frontino volg., a. 1381 (bologn.), L. III, [cap. 15], pag. 70r.6: L'avanšo de coloro ch'erano scampati dala destrucione de Mario, essendo assidiati, per˛ che se credeva che avesseno manchamento de formento, tuta una notte remesedarono tra i garnari per mostare che li fosse molta biava... || DiVo; non att. nel corpus da altre ed. Cfr. Fr., Strat., III, 15, 4: źhorrea tota nocte circumduxerunt captivos╗.

2 Mettere in stato di agitazione.

[1] Angelo di Capua, 1316/37 (mess.), L. 2, pag. 43.20: Siký, andandu in kistu modu, fommu in killa parti undi omni vintichellu chi spagna et omni sonu chi rimixita... || Cfr. Verg., Aen., II, 728: źsonus excitat omnis╗.

[2] ? Angelo di Capua, 1316/37 (mess.), L. 4, pag. 69.4: Ma veramenti Dido, di l' autra parti, cum soi belli paroli inchia e rimixia li populi alligranduli et confortanduli multu. || Cfr. Verg., Aen., IV, 189: źhaec tum multiplici populos sermone replebat╗.

3 Destarsi dal sonno. || Cfr. Prati, Etimologie venete s.v. desmissiare.

[1] Cinquanta miracoli, XIV pm. (ven.), pt. 2, 15, pag. 34.28: Resmesedada, l' emperarise comenšÓ a planšer e a lamentarse, no sapiando z˛ che ella devesse far.