LEONE s.m.

0.1 leione, leom, leon, lon, leone, lone, leoni, leono, leum, leuni, liom, lon, lion, lone, lione, lioni, lionne, liono, liun, liuni, liunj, lleon, lleone, lleoni, llione, lyom, lyone.

0.2 Lat. leo, leonem (DELI 2 s.v. leone).

0.3 Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.): 1.

0.4 In testi tosc. e toscanizzati: Giacomo da Lentini, c. 1230/50 (tosc.); Bonagiunta Orb. (ed. Contini), XIII m. (lucch.); Ruggieri Apugliese (ed. Contini), XIII m. (sen.); Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.); Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.); Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.); Folgre, Semana, c. 1309 (sang.); Lett. pist., 1320-22; Simintendi, a. 1333 (prat.).

In testi sett.: Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.); Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.); Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Serventese romagnolo, XIII tu.d.; Salimbene, Framm. volg., 1282-88 (emil.); Giacomino da Verona, Ierusalem, XIII sm. (ver.); Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.); Belcalzer (ed. Ghinassi), 1299/1309 (mant.); Preghiera a s. Marco, XIV in. (venez.); Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311; Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342; Iscr. vicent., XIV m.; Serapiom volg., p. 1390 (padov.).

In testi mediani e merid.: Distici staffolani, 1291/93 (march.); Proverbia pseudoiacop., XIII (abruzz.); Jacopone (ed. Contini), XIII ui.di. (tod.); Bosone da Gubbio, Capit., c. 1328 (eugub.); Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.); Annali e Cron. di Perugia, c. 1327-36 (perug.); Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.); a Apologhi reat., XIV; Anonimo Rom., Cronica, XIV; Destr. de Troya, XIV (napol.).

In testi sic.: Giovanni Campulu, c. 1315 (mess.); Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.); Simone da Lentini, 1358 (sirac.).

0.6 N Voce redatta nell'ambito del progetto Vocabolario Dantesco.

0.7 1 [Zool.] Grande felino (Panthera leo) con mantello raso, pelo fulvo e folta criniera sulla testa del maschio. 1.1 Estens. Statua che raffigura tale animale. 2 [Arald.] Elemento decorativo di uno stemma o di un'insegna che raffigura tale animale. 3 [Numism.] Moneta su cui impressa la figura di tale animale. 4 [Zool.] [Astr.] Quinta costellazione zodiacale, tra il Cancro e la Vergine. 5 Fig. Uomo coraggioso e fiero.

0.8 Luca Morlino 10.03.2016.

1 [Zool.] Grande felino (Panthera leo) con mantello raso, pelo fulvo e folta criniera sulla testa del maschio.

[1] Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.), 579, pag. 547: Qualora sovrapensome, stratuto me comovo: / no la veo en lone, en liupardo n 'n lovo, / n anc en li auseli quand illi sta en lo covo.

[2] Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.), 215, pag. 607: Deo, qe guar[s] Daniel del laco del lon / e trasi Ions del ventre del pesson...

[3] Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.), 255, pag. 570: Meig se p contrastar lo lon fort e l'orso / c'un hom mat per natura, e peo fa 'l so morso.

[4] Giacomo da Lentini, c. 1230/50 (tosc.), 7.33, pag. 106: lo lone este di tale usato / che quand' airato - pi fellona-mente, / per cosa c'omo face si ricrede / [i] segno di merzede...

[5] Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.), pag. 38.8: e certo il leone e molte altre bestie sono pi forti della persona che ll' uomo...

[6] Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.), L. 3, cap. 16, pag. 241.11: et perci la vacca fugge 'l toro, la leona fugge il leone quand' elli sonno adirati, et desideragli quand' elli sono benivoli.

[7] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), Laudes de Virgine Maria, 401, pag. 226: L'obedient lon ke De g' ill mandao / La tomba entro deserto col soe gramp ha cavao.

[8] Serventese romagnolo, XIII tu.d., 42, pag. 881: En levere s' avanatu, - e 'l leone asal lu veltro, / ch paragunato - s' l'oro e peltru / del sapere.

[9] Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.), 44, pag. 126.4: E quando se tornava sopra 'l so aseno vene in la via un leon et occiselo...

[10] Belcalzer (ed. Ghinassi), 1299/1309 (mant.), Rubriche, pag. 38.4: Capitol del leon.

[11] Novellino, p. 1315 (fior.), 70, pag. 289.4: Ercules [[...]] andonne per una gran foresta, e trovava orsi e leoni et assai fiere pessime: tutte le squarciava et uccidea con la sua forza...

[12] Giovanni Campulu, c. 1315 (mess.), L. 4, cap. 25, pag. 147.27: mandau Deu unu liuni da unu voscu, et auchisi kistu profeta; beni viru ki Deu non pirmisi ki kistu liuni maniassi lu corpu mortu de lu profeta...

[13] Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.), 3267, pag. 135: Ello vete un gran lion ardido / Vegnir a so fijolo aspramente...

[14] Simintendi, a. 1333 (prat.), L. 3, vol. 1, pag. 108.12: La pelle tolta al leone era a lui scudo: la lancia con risprendente ferro e l'asta era a lui per dardo...

[15] Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.), pt. I, cap. 5, pag. 618.15: altri dati a divorare a bestie: a leoni ad orsi a leopardi...

[16] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 7, cap. 2, vol. 2, pag. 111.15: Pericles lu atheni[si] era riturnatu da lu infernu et prufetizava ca non se convenia nutricari lu liuni intra la citati...

[17] Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342, cap. 7, pag. 32.37: Et quamvisde' ch'ella sia peor cha hi lovi ravaxi e cha orssi achagnai e lion deschainai, e offenda e straa con p ferocitae...

[18] Iscr. vicent., XIV m., pag. 149.28: P(er)ch Boo i(n) Sa(n) Lore(n)[o] vuol stare, la ata d(e)l lion fe' asiare.

[19] Fazio degli Uberti, Dittamondo, c. 1345-67 (tosc.), L. 2, cap. 3.34, pag. 96: Qui vedevi leoni e fieri cani: / e sappi che seguiano in questo modo, / secondo i luoghi che m'eran lontani.

[20] Serapiom volg., p. 1390 (padov.), Bestiario, cap. 36, pag. 451.33: E la sona del liom pi resolutiva e pi calda e pi sotille cha tute le grasse de li animale da quatro pi.

[21] a Apologhi reat., XIV, 8.1, pag. 672: Lo lione fortissimo et potente / era temuto molto da la gente.

[22] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 14, pag. 118.14: Anche iocava collo lione s domesticamente como alcuno iocara con uno cucciulino.

- [Come signore degli animali, anche personificato].

[23] Bestiario toscano, XIII ex. (pis.), cap. 66, pag. 80.14: Leone est quasi capo e signore di tucte le bestie salvatiche e dimestiche.

[24] Rainaldo e Lesengr. di Udine, XIII (ven.), 57, pag. 158, col. 1: Miser Lion, / vui s' re e bon signor...

- [Come termine di paragone].

[25] Bonagiunta Orb. (ed. Contini), XIII m. (lucch.), canz. 1.29, vol. 1, pag. 261: O Deo, ch non m'avene / com' al leon selvaggio, / che tutto tempo vive poderoso / e odoso - sensa petate...

[26] Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.), De amore, L. II, cap. 18: guarti da quello singnore che fiero come leone (et) e l'animo lieve come garzone.

[27] Fiore di rett., red. beta, a. 1292 (fior.), cap. 36, pag. 34.14: incontanente s come leone o altra crudel bestia scatenata andr per la terra e per lo nostro contado uccidendo e rubando e ardendo amico e nimico...

[28] Inghilfredi, XIII sm. (lucch.), 7.15, pag. 133: Fui miso in gioco e frastenuto in pianto / s falsamente m'ingann lo sguardo, / s come a lo leone lo leupardo, / c'a tradimento li leva l'amanto.

[29] Jacopone (ed. Contini), XIII ui.di. (tod.), 11.14, pag. 97: So' arvenuto probendato, / che 'l cappuccio m' mozzato: / perpetuo encarcerato, / encatenato co' lone.

[30] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 47.25, pag. 275: queli se levn lantor, / como leon descaenai, / tuti criando: A lor, a lor!

[31] Dino Compagni, Cronica, 1310-12 (fior.), L. 3, cap. 10, pag. 192.8: i loro adversarii vinti divennero vincitori, e presono cuore come lioni...

[32] Fatti dei Romani, 1313 (fior.), pag. 205.12: E Ciesare, quando vide questa maraviglia, prese quore come fa lo leone quando e' vede i suoi nimici dina[n]zi da ss, che lli vuole corere sopra...

[33] Simone da Lentini, 1358 (sirac.), cap. 13, pag. 57.19: Lu Conti, zo videndu, a modu di unu leoni, issiu et miscausi cum quilli.

[34] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), quart. 417, pag. 97: Sua parte stava acconcia, ch sentha questi soni; / Tucti scoccaro insemi, cavaleri et pedoni; / Ad casa de Mattarone gerono como leoni.

[35] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 13, pag. 133.35: E poy se appressemao inver dello re Theutran, commo ad uno lione rugiente, e co la spata nuda lo assaglyo...

- [Prov.]

[36] Bonagiunta Orb. (ed. Contini), XIII m. (lucch.), son. 8.14, vol. 1, pag. 274: catel battuto fa leon temente.

[37] Fiori di filosafi, 1271/75 (fior.), pag. 133.5: impiersi il corpo sanza l'amico vita di leone e di lupo.

[38] Albertano volg., 1275 (fior.), L. II, cap. 9, pag. 81.1: manicare sana amico vita di leone e di lupo.

[39] Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.), De amore, L. II, cap. 1: Ben ma(n)giare sensa amico vita di leone (et) di lupo...

[40] Proverbia pseudoiacop., XIII (abruzz.), 101, pag. 31: Lu sorece non blsese en grupa a lu leone...

[41] Proverbia pseudoiacop., XIII (abruzz.), 165, pag. 34: Seme potte lu sorece leone spresonare...

[42] Garzo, Proverbi, XIII sm. (fior.), 233, pag. 304: Leone per franchezza / regn' a prodezza.

[43] A. Pucci, Guerra, a. 1388 (fior.), V, ott. 17.8, pag. 235: Or vi dir, siccom' di ragione, / seppe la volpe qu pi del lione.

- [In contesto fig.].

[44] Dante, Commedia, a. 1321, Par. 6.108, vol. 3, pag. 96: Faccian li Ghibellin, faccian lor arte / sott' altro segno, ch mal segue quello / sempre chi la giustizia e lui diparte; / e non l'abbatta esto Carlo novello / coi Guelfi suoi, ma tema de li artigli / ch'a pi alto leon trasser lo vello.

[45] Bosone da Gubbio, Capit., c. 1328 (eugub.), 23, pag. 377: Et poi perch 'l saver non lassa al pecto / ben conducer lo freno, il leon fue, / la superbia ch' afusca ogn' intellecto.

[46] Boccaccio, Decameron, c. 1370, III, 10, pag. 254.21: E cos alcuna volta le sodisfaceva, ma s era di rado, che altro non era che gittare una fava in bocca al leone...

- [In contesto fig., come immagine di Cristo].

[47] Bestiario moralizz., XIII (tosc./aret.-castell.), 1.9, pag. 740: Per lo leone si dee entender Cristo, / per la montagna 'l cielo onde descese, / e per lo caciatore lo Nemico / lo qual fo de la Sua venuta tristo...

- [In contesto fig., come immagine di San Marco].

[48] Preghiera a s. Marco, XIV in. (venez.), pag. 75.1: Santissimo mes(er) san Marcho, liu(n) fortissimo, colona e flume del paradiso de li quarto flume...

- [Come appellativo di Satana].

[49] Giacomino da Verona, Ierusalem, XIII sm. (ver.), 264, pag. 637: E per complir ben o k'adexo a gran baron, / la donna s ge dona un blanco confanon / lo qual porta figura k'en le tentaton / ii ven Sathn, quel perfido lon.

1.1 Estens. Statua che raffigura tale animale.

[1] Bind. d. Scelto (ed. Gozzi), a. 1322 (sen.), cap. 455, pag. 474.10: Lo re fece fare dinanzi al maggiore altare del tempio a due maestri d'Oriente .iiij.o leoni d'oro, tutti d'una grandezza e d'una forma e d'una sembranza: s non furo niente molto piccioli.

2 [Arald.] Elemento decorativo di uno stemma o di un'insegna che raffigura tale animale.

[1] Ruggieri Apugliese (ed. Contini), XIII m. (sen.), 2.235, pag. 901: Lo mio nome dimezzato; / per metade so' chiamato; / l'altra metade , dal suo lato, / lo leone incoronato / con fresca cera; / cui di me vuol, paraul' intera.

[2] Bono Giamboni, Vizi e Virtudi, a. 1292 (fior.), cap. 50, pag. 85.19: Raunata l'oste della Fede Cristiana, e cresciuta molto per li amici che trassero d'ogni parte per atarla, e fatta la compagnia de' Paladini, e dato loro un leone per insegna...

[3] Dante, Commedia, a. 1321, Inf. 17.60, vol. 1, pag. 283: E com' io riguardando tra lor vegno, / in una borsa gialla vidi azzurro / che d'un leone avea faccia e contegno.

[4] Lett. pist., 1320-22, 13, pag. 56.18: nno l'arme a leone cho' la spada in mano...

[5] Annali e Cron. di Perugia, c. 1327-36 (perug.), pag. 237.7: Stette l' oste all domo pi d, tutta fiada stando el gonfalone del comuno de Peroscia ello campanile del domo; el quale gonfalone ne el campo bianco e lione vermeglo.

[6] Giovanni Villani (ed. Porta), a. 1348 (fior.), L. 7, cap. 39, vol. 1, pag. 328.27: il secondo, il campo bianco con uno leone rampante rosso; il terzo, il campo azzurro con uno leone rampante bianco.

[7] Cronaca sen. (1202-1362), c. 1362, pag. 43.15: Come la corona fu posta in chapo a' leone biancho, arme del populo, per le mani dello 'mperadore Otto.

- [Come emblema di un Comune o di un regno].

[8] Salimbene, Framm. volg., 1282-88 (emil.), 7.1, pag. 252: Venuto n' -l lione / de terra Florentina, / per tenir raxone / in la cit Regina.

[9] Distici staffolani, 1291/93 (march.), 2.2, pag. 43: Questo ne lo palio factu a flore / per lu esinatu cor de leone.

[10] Dante, Commedia, a. 1321, Par. 12.54, vol. 3, pag. 195: siede la fortunata Calaroga / sotto la protezion del grande scudo / in che soggiace il leone e soggioga...

3 [Numism.] Moneta su cui impressa la figura di tale animale.

[1] Libro segreto sesto, 1335-43 (fior.), [1339], pag. 365.35: 7 grossi tornesi che costarono leoni 20 d'oro...

[2] Giovanni Villani (ed. Porta), a. 1348 (fior.), L. 12, cap. 72, vol. 3, pag. 157.4: Filippo di Valos re di Francia [[...]] fece un'altra moneta d'oro, che chiam leoni...

4 [Zool.] [Astr.] Quinta costellazione zodiacale, tra il Cancro e la Vergine.

[1] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. I, cap. 4, pag. 8.13: E 'l segno del leone signific tutte le sue similitudini e le sue spezie, come so' lupardi e tutti li animali feroci e audaci de quella similitudine.

[2] Arte Am. Ovid. (B), a. 1313 (fior.), L. I, pag. 226.6: Tu ora lento sollazzati sotto la loggia di Pompeo quando il sole entra in Leone...

[3] Chiose Sfera, p. 1314 (fior., pis.), II, 19, pag. 181.18: Leone animale fortissimo, cos il sole quando in Leone fortissimo.

[4] Dante, Commedia, a. 1321, Par. 16.37, vol. 3, pag. 261: Da quel d che fu detto 'Ave' / al parto in che mia madre, ch' or santa, / s'allev di me ond' era grave, / al suo Leon cinquecento cinquanta / e trenta fiate venne questo foco / a rinfiammarsi sotto la sua pianta.

5 Fig. Uomo coraggioso e fiero.

[1] Guittone (ed. Leonardi), a. 1294 (tosc.), 36.3, pag. 108: C'orso non sete ni leon, par Deo, / ma cosa che n p ni sa mal fare.

[2] Guido Cavalcanti (ed. Contini), 1270-1300 (fior.), 52.4, pag. 567: Novelle ti so dire, odi, Nerone: / che' Bondelmonti trieman di paura, / e tutti Fiorentin' no li assicura, / udendo dir che tu ha' cuor di leone...

[3] Folgre, Semana, c. 1309 (sang.), 30.2, pag. 389: Guelfi, per fare scudo de le reni / avete fatti i conigli leoni, / e per ferir s forte di speroni / tenendo vlti verso casa i freni.