PAZIENZA s.f.

0.1 pacentia, pac´enša, pacienša, pac´encia, paciencia, pašienšia, pac´ensa, paciensia, pacientia, pašientia, pac´enza, pacienza, pacienzia, pasiensia, pasientia, pat´enša, patienša, patiencia, patiensa, patiensia, pat´entia, patientia, patienza, paziensia, paz´enza, pazienza, paz´enzia, pazienzia; a: paciencza; f: pacihencia.

0.2 Lat. patientia (DEI s.v. pazienza).

0.3 Guido Faba, Parl., c. 1243 (bologn.): 1.

0.4 In testi tosc.: Albertano volg., 1275 (fior.); Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.); <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>; Simintendi, a. 1333 (prat.); f Laude aret., a. 1367.

In testi sett.: Guido Faba, Parl., c. 1243 (bologn.); Pseudo-Uguccione, Istoria, XIII pm. (lomb.); Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Disticha Catonis venez., XIII; Preghiera alla Vergine, XIV in. (ver.); Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311; Paolino Minorita, 1313/15 (venez.); Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342; f Disticha Catonis padov., a. 1374.

In testi mediani e merid.: Poes. an. urbin., XIII; Jacopone (ed. Contini), XIII ui.di. (tod.); a Catenacci, Disticha Catonis, XIII/XIV (anagn.); mone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.); Preci assis., XIV pm.; Passione cod. V.E. 477, XIV m. (castell.); Stat. Montecassino, XIV (luc.); Destr. de Troya, XIV (napol.); f Laud. an. pesar., XIV sm.; Cronaca volg. isidoriana, XIV ex. (abruzz.).

In testi sic.: Giovanni Campulu, c. 1315 (mess.); Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.).

0.5 Locuz. e fras. avere pazienza 2;avere pazienza a 2; avere pazienza di 2; avere pazienza in 2; essere di pazienza 1.2; in pazienza 1.1; portare in pazienza 1.1; tenere a pazienza 1.3.

0.7 1 Virt¨ di chi accetta e sopporta il dolore e le avversitÓ, o anche i fastidi, con coraggiosa rassegnazione e tranquillitÓ, dominando gli impulsi e contenendo le sue reazioni. 1.1 Locuz. avv. In pazienza: sopportando il dolore con coraggiosa rassegnazione e tranquillitÓ (in partic. nell'espressione portare in pazienza). 1.2 Fras. Essere di pazienza: essere paziente. 1.3 Fras. Tenere a pazienza: mantenere saldo e costante. 1.4 Estens. Esercizio di tale virt¨; azione dettata da tale virt¨. 1.5 Titolo di un trattato di Domenico Cavalca noto anche come Medicina del cuore. 2 Atteggiamento di chi non si adira, non Ŕ insofferente, non sollecita (in partic. nelle espressioni avere pazienza in qno o a/di/in qsa). 3 Misericordia di Dio. 4 Sofferenza fisica o morale.

0.8 Irene Falini 29.06.2018.

1 Virt¨ di chi accetta e sopporta il dolore e le avversitÓ, o anche i fastidi, con coraggiosa rassegnazione e tranquillitÓ, dominando gli impulsi e contenendo le sue reazioni.

[1] Guido Faba, Parl., c. 1243 (bologn.), 2 (5), pag. 233.21: Ma lo riccho fo facto p(er) subvenire alo povero, e llo povero p(er) s(er)vire alo ricco; quello p(er) caritÓ atrova vita, questo p(er) patientia corona.

[2] Albertano volg., 1275 (fior.), L. I, cap. 4, pag. 59.15: Voi ke le cure p(re)ndete, ministrate nela vostra fede virtude (e) nela virtude scientia (e) nela scientia abstine(n)tia (e) nel'astine(n)tia patie(n)tia (e) nela patientia pietade...

[3] Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.), Liber cons., cap. 41: [1] Est la pasientia sostenime(n)to equale dele cose che sono facte, uvero che la patiensia Ŕ vert¨ d'ongna impetu di aversitÓ, uvero ch(e) la pasientia Ŕ rimedio dele ingiurie, [2] uvero, sý come sý co(n)tiene in nel Moraliu(m) domma filozoforu(m), la pasie(n)tia Óe cosý le divitie occulte che lo patie(n)te (et) lo forte sÚi medesmo fa beato, al dolore del quale la pasie(n)tia Ŕ remedio.

[4] <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>, L. 3, pt. 2, cap. 21, pag. 265.3: se quelli ch'Ó fallato Ó pazienza del male e della pena ch'elli soffera...

[5] Bono Giamboni, Vizi e Virtudi, a. 1292 (fior.), cap. 34, pag. 60.7: Pazienzia Ŕ fortezza d'animo per la quale l'uomo soffera in pace le fatiche e i pericoli de le tribulazioni del mondo.

[6] Disticha Catonis venez., XIII, L. 1, dist. 38, pag. 53.23: la paciencia e la humelitÓ sempre sŔ grand vert¨ de boni costumi.

[7] Poes. an. urbin., XIII, 36.36, pag. 617: Lo teršo scalone / ke 'nn alto te pone / Ŕ la pat´enša, / se ll'Ói a rrasone...

[8] Giordano da Pisa, Quar. fior., 1306 (pis.>fior.), 76, pag. 369.6: pazienzia Ŕ che l'omo sostenga le 'ngiurie e l'aversitadi non rendendo male per male...

[9] Dante, Convivio, 1304-7, IV, cap. 17, pag. 372.7: La settima si Ŕ Mansuetudine, la quale modera la nostra ira e la nostra troppa pazienza contra li mali esteriori.

[10] Preghiera alla Vergine, XIV in. (ver.), 122, pag. 89: mo majormente enfin ke vor˛ dir / cun pacientia sý me debe oldir...

[11] Paolino Minorita, 1313/15 (venez.), cap. 54, pag. 77.22: l'omo [[...]] de' vadangnar vertude de paciencia, sý co fese Socrates.

[12] Cavalca, Specchio di croce, a. 1333 (pis.), cap. 12, pag. 53.28: Il sesto grado Ŕ quando l' uomo conoscendo il peccato suo reputa giusta ogni tribolazione che Iddio gli manda, e hanne pazienza...

[13] Simintendi, a. 1333 (prat.), L. 5, vol. 1, pag. 215.4: E tanta ee la pazienzia nostra, che noi siamo giÓ dispregiati nel cielo...

[14] Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.), pt. I, cap. 2, pag. 611.28: Dove Ŕ la vera mansuetudine e pazienzia?

[15] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 3, cap. 3, vol. 1, pag. 117.19: e quistu attu di paciencia constrinsi Pursenna ad aminticarssi lu periculu in que era statu, ad convertiri la sua vinditta in admiraciuni.

[16] Preci assis., XIV pm., 10, pag. 141.10: Anchi per gli tribulati e afflicti de questa fraterneta o d'alcun'altra sp(iri)tualmente o te(m)poralmente, che Cristo crocefisso ro dia verace patientia ed humilitade...

[17] Passione cod. V.E. 477, XIV m. (castell.), 1099, pag. 68: Vituperando sua persona / k'era sý pret´osa e bona, / feciaro ad Esso eniure molte: / tutte da Lui eran racolte / con gra[n]dissima patienša / et con molta soferenša.

[18] f Laude aret., a. 1367, 76.26, vol. 2, pag. 270: Ad qualunque ora el peccatore / ritorna a Dio con puro cuore, / vive in amore e giamai non more: / assai umiltÓ et pat´entia! || LirIO; non att. nel corpus da altre ed.

[19] f Disticha Catonis padov., a. 1374, [I, 38], pag. 86.8: Cunporta tal fiÓ innancy umelemente che luy te posa soperchiar e vencere per forza, inperz˛ che la pacihencia Ŕ soprana virt¨. || DiVo; non att. nel corpus da altre ed. Cfr. Dist. Cat., I, 38: źMaxima enim est morum senper pacihencia virtus╗.

[20] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 31, pag. 265.12: Quale homo potesse avere in sÚ tanta dolceze nÚm pacientia de perdonare ad uno homo tanto crodele e chyno de onnen trademiento?

[21] f Laud. an. pesar., XIV sm., Tornate peccatori, 44, pag. 218: Hoggi ch'el tuo signor benigno truovi, / Piangendo prega lui co l'humil voce / Che del peccar ti dia gran continentia / Con la speranza, fede et patientia. || LirIO; non att. nel corpus da altre ed.

[22] Cronaca volg. isidoriana, XIV ex. (abruzz.), pag. 139.4: [Et dicesi che Dio volle costui provare in pazienza e cosý lo trov˛].

- [Come personificazione].

[23] Bono Giamboni, Vizi e Virtudi, a. 1292 (fior.), cap. 60, pag. 98.18: E trassesi innanzi la Pazienzia, e disse...

[24] Fiore, XIII u.q. (fior.), 79.9, pag. 160: Ancor v'era Umiltate e Pac´enza; / GiolivitÓ vi fue e BenCelare...

[25] Giostra virt¨ e vizi, XIII ex. (march.), 70, pag. 325: No [t]eni en reverentia e Desprecšo e Guiltanša / de vana prospertate; / et in adversitate / la Pat´entia fina...

[26] Fr. da Barberino, Regg., 1318-20 (tosc.), pt. 3, cap. 1.55, pag. 81: E lla Donzella risponde / A Patienza in queste parole: / Madonna Patienza, assai mi piacie / Vostro conforto, proferta e promessa...

[27] Gid. da Sommacamp., Tratt., XIV sm. (ver.), cap. 3, par. 14, comp. 43.116, pag. 125: Dietro a tal guida vegnivanno adesso / Modestia, Componcione et Allegrešša; / apresso ancora vegnia Pacienša...

- [In espressioni ellittiche con valore esortativo].

[28] Sacchetti, Trecentonovelle, XIV sm. (fior.), 186, pag. 461.36: Alcuni vicini che scoppiavono al buio, diceano: - O messer Filippo, pazienzia. - E quelli rispondea...

[29] Sacchetti, Trecentonovelle, XIV sm. (fior.), 186, pag. 462.2: E quelli rispondea: - Come pazienzia? che Ŕ cosa da rinnegare la fede!

1.1 Locuz. avv. In pazienza: sopportando il dolore con coraggiosa rassegnazione e tranquillitÓ (in partic. nell'espressione portare in pazienza).

[1] Pseudo-Uguccione, Istoria, XIII pm. (lomb.), 949, pag. 60: Quelor qe sta en pac´encia / Ben Ó verasia penetencia.

[2] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), Disputatio mensium, 584, pag. 23: Lo pover, s'el ß fregio, s'el ß dagn temporal, / S'el mor in pat´entia, va in regn celest´al.

[3] Bono Giamboni, Orosio, a. 1292 (fior.), L. 4, cap. 15, pag. 238.11: Annibale [[...]] disfece Sagunzio, [[...]] con lei imprima cominciando guerra, e poscia assediandola, e tormentandola di fame, ogne cosa in pazienza sostegnendo per servare la fede, la quale avea data a' Romani.

[4] Jacopone (ed. Contini), XIII ui.di. (tod.), 23.8, pag. 144: Honne bona consc´enza / che 'l morir te fo en paz´enza: / confessasti tuo fallenza, / assoluto dal prelato.

[5] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 64.18, pag. 358: Ma chi le soe aflicion / in pacientia sostÚn, / como per so peccao convÚn, / n'aspeite pur gran guierdon.

[6] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 4, cap. 1, vol. 1, pag. 156.34: źNuy ni lu divimu purtari in paciencia, ca per aventura nuy, standu in gradu di nostra dignitati, ficimu alcuna semelyanti cosa╗.

[7] Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342, cap. 12, pag. 53.18: altri han fachio ben et han sustegnuo ingiurie assÚ e penne e sufferto tuto in paxe e in pacientia...

[8] Comm. Arte Am. (A), XIV pm. (pis.), ch. 327, pag. 591.6: non so in pazienza portare d'aver compagnone.

[9] Passione genovese, c. 1353, pag. 31.30: Qual Ŕ duncha quella persona, che per l' amor de Criste no debia voleyr portar ognunchana peyna in paciencia per lo so amor?

[10] Poes. an. lig., XIV, 2.26, pag. 32: vivamo honestamente cum pura conscientia, / portando in patiencia - tute le aversitae.

1.2 Fras. Essere di pazienza: essere paziente.

[1] A. Pucci, Centiloquio, a. 1388 (fior.), c. 55, terz. 83, vol. 3, pag. 119: Forse, che 'l fe veggendosi in esilio / contro a ragion cacciato, colla penna, / nŔ fu di pazienza San Basilio.

1.3 Fras. Tenere a pazienza: mantenere saldo e costante.

[1] Dante, Convivio, 1304-7, IV, cap. 27, pag. 441.5: Mostra che Eaco vecchio fosse prudente, quando, avendo per pestilenza di corrompimento d'aere quasi tutto lo popolo perduto, esso saviamente ricorse a Dio e a lui domand˛ lo ristoro della morta gente; e per lo suo senno, che a pazienza lo tenne e a Dio tornare lo fece, lo suo popolo ristorato li fu maggiore che prima.

1.4 Estens. Esercizio di tale virt¨; azione dettata da tale virt¨.

[1] Bart. da San Concordio, 1302/08 (pis.>fior.), dist. 17, cap. 4, par. 3, pag. 297.29: Chi teme Iddio onora padre e madre, e quasi a signore serve a coloro, che lo ingenerarono, in opere e in parole con ogni pazienzia.

[2] Sposiz. Pass. s. Matteo, 1373 (sic.), cap. 21, par. 1, vol. 2, pag. 67.15: In la sua preciosissima morti ('preciosa in conspectu domini mors sancta eius': quantu plui preciosa la morti di lu santu di li santi!), in kista sua santissima morti cumpliu omni paciencia et sustinni ad hunur di Deu omni pena...

[3] Considerazioni stimmate, XIV ex. (tosc.), 3, pag. 247.7: źIo ti conforto e ammonisco che tu ti apparecchi e disponga umilemente con ogni pazienza a ricevere ci˛ che Iddio vorrÓ in te fare╗.

[4] Bibbia (06), XIV-XV (tosc.), Ecli 3, vol. 6, pag. 172.16: [9] In opera e in detto e in ogni pazienza onora il padre tuo...

1.5 Titolo di un trattato di Domenico Cavalca noto anche come Medicina del cuore.

[1] Cavalca, Specchio de' peccati, 1333 (pis.), cap. 5, pag. 40.2: Or di questa materia mi passo, per non esser qui troppo prolisso, e perocchŔ ne feci uno singulare Trattato, lo quale chiamai Libro della Pazienzia, e Medicina del cuore.

[2] Cavalca, Esp. simbolo, a. 1342 (pis.), L. 1, cap. 25, vol. 1, pag. 206.17: Di questa materia molto ci avrebbe a dire, ma perchŔ ne parlai molto copiosamente nel libro della Pazienza, qui me ne passo leggermente.

2 Atteggiamento di chi non si adira, non Ŕ insofferente, non sollecita (in partic. nelle espressioni avere pazienza in qno o a/di/in qsa).

[1] a Catenacci, Disticha Catonis, XIII/XIV (anagn.), I, 34.5, pag. 215: Usa a li toy co(m)pagni paciencza / se v˛y da illi honore (et) benvollencza.

[2] a Vang. venez., XIV pm., Luc., cap. 18, pag. 276.3: Ma Dio no farÓ la vendeta de li suoi elleti, li qual clamano a lui dý e note? Et averÓ paciencia en elli?

[3] Libro Jacopo da Cessole, XIV m. (tosc.), II, cap. 5, pag. 60.30: Pazienza abbiano nelle correzioni che egli hanno a fare...

[4] Giovanni Colombini, a. 1367 (sen.), 55, pag. 162.12: Abbi pazienza in ci˛ che aviene, e piaceremo a Dio...

[5] Legg. Sento Alban, c. 1370 (venez.), pag. 67.35: Alban promesse a lo re de aver paciencia de ogni cosa ch'elo li dixesse...

[6] Diatessaron, a. 1373 (fior.), cap. 123, pag. 297.23: Dio non farÓ vendetta degli eletti suoi, che gridano a lui dý e notte, e avrÓ pazienzia in loro?

[7] F Lett. comm., 1392 (tosc.): Ora v'ho parlato dell'uomo di fuori: diciamo di quel dentro, cioŔ dell'anima. E abbiate pazienza a questi miei pensieri; di che forse, chi leggesse la lettera fuor di voi, se ne faria beffe... || Guasti, Lapo Mazzei, vol. 1, p. 38.

- Locuz. verb. Avere pazienza: attendere o tollerare senza cedere all'impulso contrario (assol. e con valore esortativo).

[8] Lett. fior., 1375 (7), pag. 38.8: E qui fo fine, e se ti noia il troppo leggiere abbi pazienza, perchŔ l' ˛ avuto io in piacere e diletto, avendola veduta con gli occhi.

[9] Fioretti S. Francesco, 1370/90 (tosc.), cap. 25, pag. 134.15: E santo Francesco disse: źFigliuolo, abbi pazienza, imper˛ che le infermitÓ de' corpi ci sono date da Dio in questo mondo per salute dell'anima, per˛ ch'elle sono di grande merito, quand'elle sono portate pazientemente╗.

[10] San Brendano tosc., XIV (ven.>tosc.), pag. 41.4: a Dio non piace che voi andiate pi¨ inanzi, onde abbiate pazienzia e tornate adrieto donde voi siete venuti".

[11] Sacchetti, Trecentonovelle, XIV sm. (fior.), 32, pag. 74.28: ma abbiate pazienzia, chÚ in queste mattine che verranno, non serÓ sý lungo il predicare...

[12] Discorso sulla Passione, XIV sm. (castell.), pag. 164.35: Sirete odiati dal mo(n)do: aviate pacientia!

3 Misericordia di Dio.

[1] Bono Giamboni, Orosio, a. 1292 (fior.), L. 2, cap. 3, pag. 71.11: Per la quale cosa cessino oggimai di dire male, e di lacerare la fede di Cristo, e di provocare ad ira la pazienza di Dio...

[2] Dante, Commedia, a. 1321, Par. 21.135, vol. 3, pag. 355: Cuopron d'i manti loro i palafreni, / sý che due bestie van sott' una pelle: / oh paz´enza che tanto sostieni!

[3] Cavalca, Specchio di croce, a. 1333 (pis.), cap. 27, pag. 125.10: Or non sai tu, uomo, che la pazienza di Dio e la sua benignitÓ ti debbe inducere a penitenza ed a farti megliore...

[4] Jacopo Passavanti, Specchio, c. 1355 (fior.), dist. 2, cap. 4 rubr., pag. 22.1: la pazienzia e la benignitÓ di Dio c' induce a penitenzia.

[5] Boccaccio, Esposizioni, 1373-74, c. IX (ii), par. 26, pag. 502.13: i nostri peccati son tanti che noi con la nostra perfidia vinciamo la divina pazienzia...

- Gesto misericordioso di Dio.

[6] Ugo Panziera, Trattati, a. 1330 (tosc.occ.), 6, pag. 56r.18: Seconda se mi domandi quale Ŕ la maggiore patientia che Iddio mai monstrassi, rispondoti: D' havere me chosý nequissimo peccatore tanto tempo sostenuto.

4 Sofferenza fisica o morale.

[1] Dante, Commedia, a. 1321, Purg. 10.138, vol. 2, pag. 171: e qual pi¨ paz´enza avea ne li atti, / piangendo parea dicer: 'Pi¨ non posso'.

[2] Valerio Massimo, Libro II volg. B, a. 1326 (fior.), par. 60, pag. 37.22: Ŕ meraviglia che li detti Spartani ralegrandosi in fatica e in patienza non vollero indebilire nÚ rompere le fortissime leggi della loro cittade per corrompimento delle straniere morbideze...

[3] Stat. Montecassino, XIV (luc.), pag. 127.12: Si no(n) se parte (et) dicze sÚ volere stare, sia menato ad la sup(ra)dicta cella de li novicii, et de capu sia p(ro)bato i(n) onne paciencia.