TORMENTOSO agg.

0.1 tormentosa, tormentosi, tormentoso, tormentoxa, tormentoxe, tormentozo, tormentusi.

0.2 Da tormento.

0.3 Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.): 1.

0.4 In testi tosc.: Pallamidesse Bellindote (ed. Monaci), a. 1280 (fior.); Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.); Bono Giamboni, Vizi e Virtudi, a. 1292 (fior.).

In testi sett.: Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Laud. Battuti Modena, a. 1377 (emil.); f Bonaventura di Demena (?), Cons. filos., XIV (ven.).

0.7 1 Che provoca sofferenze fisiche o spirituali (anche con rif. alle pene d'amore). 2 Afflitto da pene (anche con rif. a quelle d'amore).

0.8 Irene Falini 31.07.2017.

1 Che provoca sofferenze fisiche o spirituali (anche con rif. alle pene d'amore).

[1] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De scriptura rubra, 66, pag. 134: La pena k'el portava trop era angustosa / E no meraveia s'ell'era tormentosa...

[2] Sommetta (ed. Hijmans-Tromp), 1284-87 (fior.>tosc. occ.), pag. 207.17: Quando considero la sovrapiagente e avenevole gaezza di vostra persona e l'argomento scuro e privado di nostro agiungimento, e ricordo il mirabile e 'l dolze acoglimento che mi faciavate e poi rimiro l'orribile e tormentoso legame che m' sorpreso, moro in core e consumo in persona...

[3] Bono Giamboni, Vizi e Virtudi, a. 1292 (fior.), cap. 6, pag. 17.23: E avegna che questo luogo del mondo sia molto tormentoso e rio, e sie valle di lagrime appellato, perch dato all'uomo acci che possa qui piangere e purgarsi de le sue peccata...

[4] Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.), canz. 20.13, pag. 76: D'un s lontano ateso, / donna, vostra impromessa / tardata m' e dimessa, / ed in me tormentoso foco ha preso, / s ch'io son pi che prima doloroso...

[5] Valerio Massimo, red. V1, a. 1336 (fior.), L. 2, cap. 2, pag. 156.8: Per che Pisone fece questo, che coloro, che per desiderio di vita menati, con degnissima pena aveano conceduto di dare di s vittoria alli fuggitivi, e non aveano avuto vergogna di lasciare imporre alla sua libertade tormentoso giogo per mano di servo, elli provassero amaro uso di vita, e fortemente desiderassero la morte, la quale elli temerono vilmente.

[6] Laud. Battuti Modena, a. 1377 (emil.), 34.11, pag. 65: Per lo pecc de l'um prumero, / chi desexe Deo del celo; / cum la conpagnia chi era sego / danati som dal Criatore / a stare in logo tenebroxo, / in l'inferno oxo ascoxo, / da tute ore tormentoxe / de ugni penna de calore.

[7] f Bonaventura di Demena (?), Cons. filos., XIV (ven.), Cap. 9, pag. 10, col. 12.23: Certo - disse Boecio - questo si s vero, che amai in la habondancia de le mie prosperitade non fo una sola hora che non havesse de quello che io non haverave voiudo haver e non me mancasse con tormentosa desirana de quelo che io ardentemente desirava -. || DiVo; non att. nel corpus da altre ed.

2 Afflitto da pene (anche con rif. a quelle d'amore).

[1] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De scriptura nigra, 580, pag. 120: Oi De, com quel me par dolor angustoso: / S'eo stess un pizen tempo in carcer tenebroso / Destreg e imbogao, trop serev gramezoso. / Oi De, com p ess gramo lo miser tormentoso.

[2] Pallamidesse Bellindote (ed. Monaci), a. 1280 (fior.), 52, pag. 293: Oi core mio tormentoso / anzi ch'a mortte tiri, / d di te la veduta / e mostrati agli amanti, / che gran cordolglio avranno / di ci che te vedranno...

[3] Guglielmo Beroardi, Rime, a. 1282 (fior.), 2.21, pag. 93: suoi dolzi sembianti, / gioiosi ed avenanti / mi fanno tormentoso / istar sovra li amanti / in sospiri ed in pianti / lo mio cor doloroso...

[4] Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.), De amore, L. I, cap. 4: et no(n) pu essere fido lo 'nge(n)gno che di molti modi torme(n)tozo.

[5] Dante da Maiano, XIII ex. (fior.), 24.4, pag. 71: Perch m' avvn, non m' oso lamentare / de la mia pena, lasso doloroso, / di quella che porria di ci sanare / lo core meo, ch' tanto tormentoso.

[6] Tommaso di Giunta, Conc. Am., XIV pm. (tosc.), Disperse 3.14, pag. 106: onde ti priego, F. [...] di valore, / che di tuo atto dilettoso e bello / attiate il mo tormentoso cuore, / che gi per suo disio temendo muore.

- [Con valore avv.].

[7] Boccaccio, Rime, a. 1375, pt. II [Dubbie], 34.35, pag. 188: e non mi so disporre / quel ch'i' mi faccia; e tormentoso vivo / s' i' dormo, o vegghio, o canto, o leggo, o scrivo.