RUCA (2) s.f.

0.1 ruca, ruche, rue, ruga, ruge, rughe.

0.2 Lat. eruca.

0.3 Belcalzer (ed. Ghinassi), 1299/1309 (mant.): 1.

0.4 In testi tosc.: Palladio volg., XIV pm. (tosc.).

In testi sett.: Belcalzer (ed. Ghinassi), 1299/1309 (mant.); Sam Gregorio in vorgÓ , XIV m. (lig.); BonafÚ, Tesoro, 1360 (emil.).

0.7 1 [Zool.] Lo stesso che eruca 2.

0.8 Giuseppe Zarra 05.05.2018.

1 [Zool.] Lo stesso che eruca 2.

[1] Belcalzer (ed. Ghinassi), 1299/1309 (mant.), Rubriche,pag. 61.18: Capitol de la ruga.

[2] Palladio volg., XIV pm. (tosc.), L. 1, cap. 37, pag. 42.16: Contra le ruche intingi prima i semi, che vogli seminare, nel sugo della sempreviva, ovvero nel sangue delle ruche.

[3] Sam Gregorio in vorgÓ , XIV m. (lig.), L. 1, cap. 9, pag. 98.21: Ch' elo dixe che un iorno Bonefacio intrando in l' orto trovÓlo tuto coverto de rue; e vegando che tute l' erbe se guastavam volšese sovra le rue e disse: źE' ve scunšuro, in lo nome de lo me' segnor Ihes¨ Criste, che voi ve debiai partý' de qui e, da ora avanti, l' erbe de questo orto no debiai mangiÓ'╗.

[4] BonafÚ, Tesoro, 1360 (emil.), 220, pag. 112: Se per usanša le rughe fa dano / Alla vigna, fa come certi altri fano...

[5] Gl Bibbia (08), XIV-XV (tosc.), Gl 1, vol. 8, pag. 165.13: [4] Lo grillo mangi˛ lo rimanente della ruga (la ruga sý Ŕ uno verme che abita nelle vigne, e sý Ŕ fatto al modo di bruco); e lo rimanente della ruga mangi˛ la rubigine.