STOLTEZZA s.f.

0.1 istoltessa, istolteza, istoltezza, stolteša, stoltešša, stoltecza, stoltessa, stolteza, stolteze, stoltezza.

0.2 Lat. stultitia (DELI 2 s.v. stolto).

0.3 Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.): 1.

0.4 In testi tosc.: Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.); Albertano volg., 1275 (fior.); De regno volg., XIII ex. (aret.); Bind. d. Scelto (ed. Gozzi), a. 1322 (sen.).

In testi sett.: Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.); Comm. Favole Walterius, XIV ex. (ven.).

In testi mediani e merid.: Poes. an. urbin., XIII.

0.7 1 Carattere di chi agisce o parla da stolto. Estens. Mancanza di senno; irragionevolezza (anche in contesti fig. e con valore metaf.). 1.1 Estens. Ci˛ che denota dissennatezza; cosa degna o tipica di uno stolto.

0.8 Marco Maggiore 20.09.2019.

1 Carattere di chi agisce o parla da stolto. Estens. Mancanza di senno; irragionevolezza (anche in contesti fig. e con valore metaf.).

[1] Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.), 203, pag. 568: Qi respondes al mato segondo soa stolteša, / deventa tal con' lui e dopla la mateša...

[2] Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.), L. 3, cap. 10, pag. 214.13: onde disse un filosofo: propria cosa Ŕ de la stoltezza guardare gli altrui peccati e dimenticar li suoi.

[3] Albertano volg., 1275 (fior.), L. IV, cap. 55, pag. 285.2: [13] Et p(er) la no(n) soffere(n)ša s'inframischia l'uomo nele cose ke no(n) li sono mistiere: la qual cosa Ŕ colpa i(n)sieme co(n) stoltešša.

[4] De regno volg., XIII ex. (aret.), cap. 17, pag. 200.5: ma non vivono politicamente [[...]], et ai vitii per la stoltešša non possono singnoreggiare. || Cfr. Tommaso, De regno: źet uicinis propter imprudentiam principari non possunt╗.

[5] Bind. d. Scelto (ed. Gozzi), a. 1322 (sen.), cap. 244, pag. 279.23: Hector, andate, che la vostra stoltezza acchattarete voi cara, chÚ vi converrÓ l'anima lassare...

[6] Comm. Favole Walterius, XIV ex. (ven.), 50.6, pag. 27: dÓ al perfeto e non al mancho stato / chon enteleto, e non zibar stolteza...

1.1 Estens. Ci˛ che denota dissennatezza; cosa degna o tipica di uno stolto.

[1] Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.), L. 2, cap. 31, pag. 107.18: Et li stolti amano le stolte cose, e inchinano l'animo a le stolteze...

[2] Guittone, Lettere in prosa, a. 1294 (tosc.), 3, pag. 43.18: Istoltessa Ŕ donque allegrare de tante vane cose, e in tali parte.

[3] Poes. an. urbin., XIII, 26.42, pag. 600: Mentre vui aspectate la morte p˛ venire / e cludarvo la bocca e la lengua tenere, / ke li vostri peccati non poš´ate dire: / per˛ pur aspectando faite grande stolteša.

[4] f Ecclesiaste volg. (vers. beta), a. 1396 (tosc.), cap. 10, pag. 250.2: [13] Il principio delle sue parole Ŕ istoltezza et la fine del suo dire Ŕ errore pessimo. || Corpus OVI.