IMPETRARE (1) v.

0.1 empetra, empetrar, empetrare, empetrŔ, enpetra, enpetrÓ , enpetrano, enpetrar, impetra, impetrÓ , impetrÓ', impetraci, impetrada, impetrado, impetrai, impetrambo, impetrami, impetrando, impetrandola, impetrandomi, impetrano, impetrante, impetranti, impetranu, impetrao, impetrar, impetrarÓ , impetrarci, impetrare, impetraremo, impetrari, impetrarlo, impetrarlu, impetraro, impetrarono, impetrarsi, impetrasi, impetrasse, impetrassero, impetrassi, impetrassimi, impetrassimo, impetrassono, impetrasti, impetrata, impetrate, impetrati, impetrato, impetratu, impetrau, impetrava, impetravano, impetre, impetrerebbemi, impetrerebbero, impetreresti, impetrer˛, impetrete, impetri, impetriamo, impetriate, impetrino, impetrir˛, impetro, impetr˛, impetroe, impetr˛e, impetrolli, impetrone, impietrare, impitrarj, impretare, impretate, inpetra, inpetrÓ , inpetrÓ', inpetrado, inpetram, inpetrÓm, inpetranu, inpetrar, inpetrare, inpetrari, inpetrarj, inpetrarono, inpetraru, inpetrata, inpetrate, inpetrati, inpetrau, inpetri, inpetro, inpetr˛, inpretere, inpretraro, jmpetrari, 'mpetra, 'mpetrassi, 'mpetrato, 'mpetro, 'mpetr˛e, 'mpietro, 'npetra, 'npetrase, 'npetroa.

0.2 Lat. impetrare (DELI 2 s.v. impetrare).

0.3 Doc. pis., 1230-31: 1.

0.4 In testi tosc.: Doc. pis., 1230-31; Doc. prat., 1275; Stat. sen., 1309-10 (Gangalandi); Stat. fior., 1317; Lett. volt., 1348-53; Stat. fior., 1356/57 (Lancia, Ordinamenti); Stat. lucch., 1362.

In testi sett.: Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.); Lodi Vergine, XIV in. (ver.); Doc. venez., 1312 (4); Sam Gregorio in vorgÓ , XIV m. (lig.); Doc. ver., 1381 (4).

In testi mediani e merid.: Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.); Stat. perug., 1342; Buccio di Ranallo, S. Caterina, 1330 (aquil.); Poes. an. urbin., XIII; Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.).

In testi sic.: Giovanni Campulu, c. 1315 (mess.); Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.); Simone da Lentini, 1358 (sirac.); Lett. catan. (?), 1370/79 (2).

0.6 N Voce redatta nell'ambito del progetto DiVo.

0.7 1 Ottenere qsa che si desidera, gen. con richieste o preghiere. 1.1 Ottenere attraverso l'intercessione o il merito altrui, far ottenere qsa a qno altro. 1.2 Prendere qsa che si offre, ricevere. 1.3 Ottenere un'informazione o una notizia; venire a sapere, apprendere. 2 Estens. Manifestare il desiderio di qsa; chiedere, supplicare. 2.1 Aspirare molto intensamente a qsa, desiderare.

0.8 Cosimo Burgassi 27.10.2015.

1 Ottenere qsa che si desidera, gen. con richieste o preghiere.

[1] Doc. pis., 1230-31, pag. 62.33: Et p(ro)curate di inpetrare lect(er)e che si mandino al vesco di Castre in Tu(r)ri.

[2] Doc. prat., 1275, pag. 535.14: Messere Rodolfo p(er) j lettera che '(n)petroa da messere lo veschovo di Pistoia...

[3] Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.), 17, pag. 57.2: Unde clamo mercede a voi, ke siti Deo e signore, k'el ve plaša de revocare vostro commandamento, cum š˛ sia cosa ke per falsa suggestione quelle littere fossenno impetrate.

[4] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 4.24, pag. 15: En tre modi pareme divisa penetenza: / contrezion Ŕ prima, che 'mpetra la 'ndulgenza...

[5] Giordano da Pisa, Quar. fior., 1306 (pis.>fior.), 30, pag. 155.2: L'orazione hae due effetti, due opere: l'uno effetto si Ŕ quello che ssi chiama impetrare, e questo Ŕ quando Ŕ adempiuta...

[6] Stat. sen., 1309-10 (Gangalandi), dist. 1, cap. 163, vol. 1, pag. 151.10: Et che per li signori Nove non si possa fare alcuno consŔllio, o vero riformagione, contra la forma di questo capitolo del constoduto, nŔ adimandare, o vero impetrare alcuna licentia dal consŔllio...

[7] Giovanni Campulu, c. 1315 (mess.), L. 1, cap. 8, pag. 22.2: chillj cosi ky se impetranu per orationj de li sancti, Deu cussý li avi ordinati, lj cosi predestinati, a zo ki vegnano per orationi de li sancti...

[8] Stat. fior., 1317, pag. 124.5: Ancora per impetrare gratia o justitia per lettere, e mandare per farle fare...

[9] Dante, Commedia, a. 1321, Par. 32.147, vol. 3, pag. 540: orando grazia conven che s'impetri / grazia da quella che puote aiutarti...

[10] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 1, cap. 6, vol. 1, pag. 41.10: Adonca li Romani mandaru lÓ soy messagi, cridendu di impetrari lu unicu remediu di lu sou ayutu per la sua acturitati qui era grandissima in terra.

[11] Stat. perug., 1342, L. 3, cap. 165, par. 4, vol. 2, pag. 243.12: e da le predicte cose dal conseglio del comuno e popolo assolutione e prolongatione de termene non possa empetrare.

[12] Lett. volt., 1348-53, pag. 207.10: Et se Nastoccio impetr˛ privileggi e fece spese per occuparci la nostra calonicha...

[13] Sam Gregorio in vorgÓ , XIV m. (lig.), L. 2, cap. 37, pag. 149.2: Per la qua cosa necessario me par che e' te diga de lo veneraber Beneto chi fu alcunna cossa chi vosse, e non poÚ inpetrÓ'.

[14] Stat. fior., 1356/57 (Lancia, Ordinamenti), cap. 20 rubr., pag. 176.30: Come e da cui s'impetri la licentia per coloro che vanno in regimento o oficio, servigio o soldo fuori del contado di Firenze.

[15] Simone da Lentini, 1358 (sirac.), cap. 22, pag. 103.12: illi inpetraru per la Ecclesia chi Missina fussi archiepiscopatu, et fu translatata la Ecclesia di Trayna ad Missina.

[16] Stat. lucch., 1362, cap. 65, pag. 116.4: E neuna persona, di qualunqua condictione, ardisca impetrare o impetrare fare alcuna gratia contra le predicte cose...

[17] Lett. catan. (?), 1370/79 (2), pag. 163.1: ma inpirš˛ ki eu dixi ki si impetrasi da lu Papa, inpirš˛ eu lu dixi inpirš˛ ki li monachi si anu factu la stabilitati...

- Pron.

[18] Sacchetti, Rime, XIV sm. (fior.), 253.12, pag. 307: Io, con la mente che vostra s'impetra, / podestÓ son venuto a San Miniato, / sol per appressimarmi al vostro sono.

1.1 Ottenere attraverso l'intercessione o il merito altrui, far ottenere qsa a qno altro.

[1] Laude cortonesi, XIII sm. (tosc.), 39.99, vol. 1, pag. 272: Preghiam laudando, - cantando, / lo sanctissimo Antonio, / da Dio pregando, - scusando, / noi a tutti perdoni, / et, sempre stando - orando, / c'inpetri quel gran dono, / di paradiso 'l regno...

[2] Lodi Vergine, XIV in. (ver.), 206, pag. 85: A lo qual tuto 'l mondo declina / per empetrar da quel celeste Re / per li vostri enpregi, humel regina, / perdonanša e gracia e mercŔ.

[3] Doc. venez., 1312 (4), pag. 87.29: Cum šo sia cosa che comissi che ăa(n) de Marchessim, noder de palašo, sý tractasse in corte de trarme de scumenegasson delo viašo d' Alexandria ch' eo fu e lo dicto sý enpetrÓ letera che sum asolto...

[4] Dante, Commedia, a. 1321, Purg. 19.95, vol. 2, pag. 324: Chi fosti e perchÚ v˛lti avete i dossi / al s¨, mi dý, e se vuo' ch'io t'impetri / cosa di lÓ ond' io vivendo mossi╗.

[5] Cavalca, Vite eremiti, 1321-30 (pis.>fior.), Vita di Ilarione, cap. 7, pag. 176.17: ispiando come Ilarione, discepolo e successore d'Antonio, era venuto a stare in quel diserto, vennero a turme d'ogni stato e condizione gente, pregandolo che impetrasse loro da Dio che piovesse.

[6] Buccio di Ranallo, S. Caterina, 1330 (aquil.), 838, pag. 385, col. 1: Sancta dompna [[...]] danci lu sancto signo / de quillo dolce ligno, / de quella santa croce / dove Christo posto foce... [[...]] per la tua sanctitate / questa gratia impetrate.

[7] Boccaccio, Teseida, 1339-41 (?), L. 3, ott. 51.6, pag. 343: O caro amico, come se' tu stato / qui tanto sanza farlomi sentire, / chÚ l' uscir di prigion t' avre' impetrato?

[8] Petrarca, Canzoniere, a. 1374, 126.37, pag. 168: giÓ terra infra le pietre / vedendo, Amor l'inspiri / in guisa che sospiri / sý dolcemente che mercÚ m'impetre...

[9] Doc. ver., 1381 (4), pag. 423.25: digando ello ch'i dicti beni p(er)tegniva a soa mugero ch(e) fo fiiola del dicto mes(er) Nical˛ Iustinian, empetrŔ p(er) luy...

[10] Epist. a Quinto volg., XIV (tosc.), Prosa, pag. 11.18: NÚ non si troverÓ niuno che dia quando vedranno chiaramente che niente si possa impetrare per mezzanitÓ di coloro i quali si mostrano di potere molto appo te.

- Sost.

[11] Dante, Commedia, a. 1321, Purg. 30.133, vol. 2, pag. 529: e volse i passi suoi per via non vera, / imagini di ben seguendo false, / che nulla promession rendono intera. / NÚ l'impetrare ispirazion mi valse...

1.2 Prendere qsa che si offre, ricevere.

[1] Dante, Commedia, a. 1321, Inf. 23.27, vol. 1, pag. 384: E quei: źS' i' fossi di piombato vetro, / l'imagine di fuor tua non trarrei / pi¨ tosto a me, che quella dentro 'mpetro.

1.3 Ottenere un'informazione o una notizia; venire a sapere, apprendere.

[1] A. Pucci, Centiloquio, a. 1388 (fior.), c. 1, terz. 16 v.47, vol. 1, pag. 3: E fu la prima per la sua bontade / dell' Europia, come ancor s' impetra, / e 'l nome ancor ne mostra veritade.

[2] Sacchetti, Rime, XIV sm. (fior.), 195.108, pag. 218: Ofrateo fu re, se bene impetro, / vent'anni...

1.3.1 Far ottenere un'informazione a qno, comunicare.

[1] A. Pucci, Centiloquio, a. 1388 (fior.), c. 54, terz. 17 v.49, vol. 3, pag. 101: Quando gli usciti udir ci˛, ch'io t'impetro, / cioŔ, come Castruccio era impedito, / per temenza del verno mutar metro.

2 Estens. Manifestare il desiderio di qsa; chiedere, supplicare.

[1] Poes. an. urbin., XIII, 35.60, pag. 615: Amore, la Vergen Tua mate / me dona grande speranša, / perk'ella sta nanti Tene / ad impetrar perdonanša, / e dicite: źO fillol mio, dolše amanša, / perdona per lo mi' amore!╗.

[2] Giordano da Pisa, Prediche, 1309 (pis.), 28, pag. 220.15: avegna che l'omo avesse lo vašo voito non per˛ lo potrebbe empiere s'elli non impetrasse l'aiuto divino colla bocca, lo quale Ŕ necessario.

[3] Lapo Gianni, XIII ex./1328 (fior.), 2.20, pag. 573: Or mi venite, amanti, acompagnare; / e qual di voi sentisse al cor dolore, / impetrer˛ ad Amor - per lui allegranza...

[4] Manfredino, Tu che martýri, XIV pm. (perug.), 29b.6, vol. 1, pag. 176: sta pur giachito inanze a sua corona, / sempre con umeltade amor gli empetra, / fin che t'acenne d'amor co' i palpetra / e puoi prende gli amorosi dona.

[5] Boccaccio, Esposizioni, 1373-74, c. II (ii), par. 18, pag. 132.2: Vuole adunque l'orazione farsi con fede e ancora, sý come voi vedete, con istanzia [[...]] acci˛ che pi¨ caramente riceviamo quello che con istanzia impetriamo.

[6] Leggenda Aurea, XIV sm. (fior.), cap. 119, S. Agostino, vol. 3, pag. 1060.6: Ecco che abbo pregato il Segnore che od E'ci liberi da questi pericoli [[...]] Ed ecco che, impetrata la terza domanda, che nel terzo mese de l'assedio gli venne la febbre addosso...

- Assol.

[7] Giovanni Campulu, c. 1315 (mess.), L. 2, cap. 32, pag. 70.10: Vidi, Petru, ki sanctu Benedictu zo non fiche pir potestate, ma pir devote orationi, e pir zo illu si agin[o]chau in terra ad impetrare.

2.1 Aspirare molto intensamente a qsa, desiderare.

[1] Panuccio del Bagno, XIII sm. (pis.), 15.30, pag. 98: Considerando, sovra / di tutte l'autre Ŕ donne, / come ['n] pur ˛r v'Ŕ petra / che non giÓ mai si sovra / d'ovra di pregio donne / quale maggie homo 'npetra...

[2] Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.), 76.3, pag. 621: Come ciascun annello Ŕ pi¨ perfetto quanto s' adorna de pi¨ fina petra, / cosý 'l mio cor che cotal grazia impetra, / non porrÓ d' altro mai prender deletto.

[u.r. 16.01.2022]